Cronaca

Cronaca

Comunità di Sassano sconvolta per la terribile notizia diffusasi nella mattinata di ieri che ha raccontato della drammatica scomparsa di un altro giovane che ha perso la vita sull'asfalto. Il Vallo di Diano piange per quanto accaduto al giovane Armando Petrillo che, nella notte tra sabato e domenica ha perso al vita in un incidente stradale verificatosi a Borgomanero, in provincia di Novara mentre stava rientrando a casa dopo aver trascorso una serata con gli amici. L'incidente si è verificato poco prima delle 3 di notte ed ha coinvolto la Ford fiesta sulla quale viaggiava il giovane di Sassano insieme ad un amico che era alla guida della vettura.

Secondo quanto emerge pare che il ragazzo al volante abbia perso il controllo del veicolo che, sbandando, ha prima sfondato una recisione e successivamente si è capovolta lungo l'arteria stradale che conduce a Cureggio dove abitava il 23enne di Sassano ospite di alcuni parenti. Armando Petrillo, infatti, si era trasferito da poco in Piemonte per motivi di lavoro. La notte scorsa il drammatico incidente. Immediato l'intervento dei soccorritori con i carabinieri, i sanitari del 118 e i vigili del Fuoco che si sono recati sul luogo del violento impatto dove, purtroppo, hanno dovuto constatare il decesso del giovane di Sassano morto sul colpo. I caschi rossi hanno dovuto faticare non poco per estrarre i giovani dalle lamiere. Solo ferite per il giovane alla guida dell'auto che è stato trasportato subito presso il vicino ospedale.

Sono in corso le indagini per cercare di capire l'esatta dinamiche che ha poi portato al terribile incidente rivelatosi fatale per il giovane sassanese. Un'intera comunità sconvolta dalla tragica notizia. Armando Petrillo, infatti era ben voluto da tutti anche per il suo spirito allegro e socievole, e costretto ad emigrare per poter lavorare, ha poi perso la vita in tragiche circostanze. La salma del ragazzo rientrerà a Sassano nei prossimi giorni. Si attende infatti il suo rilascio. Il magistrato in queste ore sta decidendo sulla eventualità di disporre l'autopsia sul corpo del 23enne. Successivamente sarà fissata la data del funerale.

Anna Maria CAVA

Cronaca

Ancora furti a Capaccio Paestum ai danni delle auto parcheggiate nei pressi del Parco archeologico. A farne le spese nei giorni scorsi il direttore Gabriel Zuchtriegel

Cronaca

petrillo novara

Il Vallo di Diano costretto ancora a piangere una giovane vita spezzata sull’asfalto. La notte scorsa incidente mortale a Borgomanero in provincia di Novara che è costata la vita ad un giovane di Sassano, Armando Petrillo, 23 anni da poco trasferitosi nella località piemontese per lavoro.

Secondo quanto si apprende dai quotidiani locali pare che l’auto a bordo della quale viaggiava il giovane di Sassano insieme ad un amico coetaneo, abbia perso il controllo e si sia capovolta. Incidente drammatico come drammatica è la scena apparsa agli occhi dei soccorritori giunti sul posto. Necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco per liberare i ragazzi.

Per il giovane Armando non c’è stato purtroppo nulla da fare mentre l’amico è stato trasportato presso il più vicino ospedale per le ferite riportate anche se le sue condizioni non lasciano ipotizzare pericolo per la vita.

Ad avere la peggio, purtroppo il giovane di Sassano con la comunità che è rimasta sconcertata per quanto accaduto rimanendo stretta agli zii che vivono in paese. Il ragazzo, infatti, era particolarmente amato per la sua allegria. Sono in corso le indagini per ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente.

La salma del giovane dovrebbe rientrare a Sassano, anche se non è ancora noto il giorno. 

Cronaca

guardia di finanza generica

Operazione della Guardia di Finanza contro il lavoro nero  che ha portato all'individuazione di 15 lavoratori per i quali non erano state osservate le norme relative all'impiego di personale. Ad operare le fiamme gialle di Cava de Tirreni che, in occasione di specifici controlli negli esercizi commerciali hanno scoperto 20 lavoratori, tra camerieri e commessi intendi a prestare la loro opera durante l'orario di punta. Per 15 di loro è stata accertata l'assenza di qualsiasi forma previdenziale. Tra gli esercizi controllati, anche un noto locale della “movida” cavese, che organizza eventi serali, presso il quale l’intero “staff tecnico” è risultato lavorare in nero. I rappresentanti legali delle società controllate sono stati segnalati all'Ispettorato Territoriale del Lavoro di Salerno e al pagamento di sanzioni amministrative, in tutto pari a € 45.000. Inoltre è stata disposta anche la sospensione dell’attività commerciale, visto che i lavoratori in nero superavano il 20% dei dipendenti regolarmente assunti. Sarà cura dell'Ispettorato del Lavoro ora provvedere al calcolo ed al recupero dei contributi non versati.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.