Cronaca

Cronaca

Su 180 aziende ispezionate in provincia di Salerno, ben 70 sono risultate irregolari. È quanto emerge da una task force eseguita dall’Ispettorato territoriale di Salerno, con Carabinieri e Finanza, per contrastare il fenomeno del caporalato. I controlli hanno interessato anche la Piana del Sele (Pontecagnano, Battipaglia, Montecorvino, Bellizzi, Eboli, Capaccio-Paestum, Agropoli).

Stile Tv

 

Cronaca

Investita da un’auto lungo la Provinciale in località Matinella: ferita 58enne albanellese. L’episodio è avvenuto ieri sera.

StileTV

Cronaca

Nella mattinata di oggi, mercoledì 6 ottobre, i Finanzieri del Comando Provinciale di Salerno hanno dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro emesso dal locale Tribunale - Sezione Misure di Prevenzione, su proposta della Direzione Distrettuale Antimafia, per l’ammontare di oltre 7 milioni di euro.

Destinatario della misura cautelare è l’imprenditore 53enne G. C., pluripregiudicato (già dichiarato “socialmente pericoloso” e destinatario, nel 2001, di una sentenza irrevocabile di condanna per tentato omicidio), nei confronti del quale è ipotizzata l’appartenenza ad un’associazione di tipo camorristico, nonché una serie di condotte di intestazione fittizia di beni, reati contro la Pubblica Amministrazione ed altri delitti associativi finalizzati alla commissione di illeciti di natura tributaria.

Le indagini, sviluppate dal Gruppo Investigativo Criminalità Organizzati (G.I.C.O.) del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria delle Fiamme Gialle di Salerno, hanno permesso di rilevare, sin dall’inizio, una consistente sproporzione tra il tenore di vita ed i beni riconducibili all’indagato ed il relativo profilo fiscale.

Per ricostruire in maniera puntuale il suo effettivo patrimonio, i militari hanno incrociato le informazioni estrapolate dalle banche dati in uso e analizzato tutta la documentazione contabile e commerciale (tra cui i contratti di compravendita di beni e di quote societarie) acquisita, mettendo in luce il frequente ricorso, da parte dell'imprenditore, a soggetti prestanome, ovvero a propri familiari, al fine di “schermare” l’effettiva titolarità degli stessi beni (mobili ed immobili, oltre a partecipazioni societarie) che formano oggi oggetto di sequestro. Nel corso degli approfondimenti, è stato individuato, da ultimo, un ulteriore complesso aziendale nella disponibilità dell’interessato.

La società, attiva nel settore delle costruzioni di infrastrutture stradali e recentemente aggiudicataria di un appalto per oltre 5 milioni di euro, dopo alcune variazioni della compagine, è risultata infatti riacquisita dai familiari dello stesso indagato ad un prezzo di cessione puramente simbolico.

In relazione al quadro probatorio così delineatosi, è stato pertanto disposto il sequestro, finalizzato alla confisca, delle quote societarie di n. 17 imprese, n. 2 unità immobiliari e n. 6 autoveicoli, per un valore stimato in oltre 7 milioni di euro.

Cronaca

carabinierisalaconsilina

Furto in centro a Sala Consilina. É successo ieri e ad essere presa di mira da malviventi è stata un esercizio commerciale di tabacchi ed alimentari nei pressi di Piazza Umberto I.

I ladri hanno approfittato dell’orario di chiusura per la pausa pranzo per mettere a segno il colpo che ha fruttato tabacchi e gratta e vinci. Non sono stati rilavati segni di effrazione quindi molto verosimilmente erano in possesso di una copia delle chiavi.

Il titolare appena resosi contro di quanto accaduto ha sporto denuncia ai Carabinieri della Compagnia di Sala Consilina. Dalle immagini registrate dalla videosorveglianza del negozio pare si vedano due persone, con il volto coperto, entrare nel locale proprio durante l’orario di chiusura pomeridiano.

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.