Attualità

Attualità

Dalla Regione Campania in arrivo fondi per la riqualificazione dei santuari. 4 milioni di euro le risorse che l'ente ha stanziato con fondi POR con misura 6.8 per il riposizionamento competitivo delle destinazioni turistiche. Somme stanziate al fine di dar seguito al progetto di promozione del turismo religioso attraverso la riqualificazione e recupero dei luoghi di culto che rappresentano anche scrigni di tradizioni e antichi pellegrinaggi. In questo processo di rivalutazione del turismo religioso, la regione definisce il programma di finanziamento per l'ottenimento di fondi fino ad un massimo di 200 mila euro. Sul burc pubblicata la graduatoria dei progetti ammessi.

21 in totale i progetti finanziati su 63 ammessi a finanziamenti. Di questi 21 progetti ben 4 sono i santuari del Vallo di Diano riuscendo a piazzarsi in ottima posizione in graduatoria. In arrivo fondi a Padula, Sassano, Atena Lucana e Polla per un totale di 790 mila euro. A Padula sarà la Parrocchia di San Michele Arcangelo a ricevere il finanziamento di 200 mila euro per la riqualificazione del Santuario di San Michele Alle Grottelle. Il Comune di Polla e il progetto finalizzato alla riqualificazione del Santuario di Sant'Antonio ottiene un finanziamento di oltre 189 mila euro. 200 mila euro in arrivo anche per il Santuario di San Ciro ad Atena Lucana con il progetto presentato dalla Parrocchia di Santa Maria Maggiore e Santuario di San Ciro. A Sassano in arrivo 200 mila euro nella casse della Parrocchia del Cuore Immacolato di Maria per il recupero e la riqualificazione del Santuario omonimo in località Varco Notar Ercole.

In graduatoria ma fuori dai finanziamenti per esaurimento del budget i progetti della Diocesi di Teggiano - Policastro sul progetto del Santuario della Dicesi di Teggiano, del Comune di Sant'Arsenio per il Santuario della Madonna del Carmelo, della Parrocchia di San Giovanni Battista a Padula per il progetto dedicato al Santuario della Beata Vergine del Monte Romito, il Comune di Piaggine e i lavori sul Santuario del Monte Vivo e il comune di Ottati con il suo progetto sul Santuario della Madonna del Cardoneto. Non ammessi invece a finanziamento i progetti presentati dal Comune di Monte San Giacomo relativo al Santuario di Sant'Anna e il progetto dell'Arciconfraternita di Santa Maria della Neve del Monte Cervato per l'omonimo Santuario Mariano. 

Anna Maria CAVA

Attualità

ospedale sant Arsenio

I Rappresentanti Territoriali della Cgil Funzione Pubblica Luigi Pistone, Andrea Annunziata e Giuseppe Monzillo, con il segretario Pasquale Addesso, hanno pubblicato una nota di rigranziamento all'Asl per le procedure concorsuali per la riqualificazione antincendio dell'ospedale di Sant'Arsenio.

"A conferma del fatto che le segnalazioni effettuate non restano inascoltate, - csì si legge nella nota - con la presente vogliamo ringraziare vivamente la Gestione Commissariale dell’ASL Salerno per aver dato corso alle procedure concorsuali in materia di “Riqualificazione ed adeguamento normativo antincendio del P.O. di Sant’Arsenio” già programmate con delibera n. 221 del 17.10.2018.

Un plauso va rivolto doverosamente anche ai membri territoriali dell’organo esecutivo regionale, che costantemente dialogano con gli organi di vertice dell’ASL per realizzare le istanze che emanano dal territorio del Vallo di Diano".

Attualità

Si intitola “Azioni per la conservazione dei nidi di tartaruga marina comune, Caretta Caretta, nel Cilento” il progetto presentato ieri a Vallo della Lucania presso la sede dell'ente Parco del Cilento che ha siglato un accordo con il Centro Ricerche “Anton Dohrn” di Napoli proprio allo scopo di tutelare le tartarughe Caretta Caretta. Tre gli obiettivi specifici della collaborazione, la protezione dei nidi, la scientificità del fenomeno e l’incremento delle opere di sensibilizzazione. Un'azione importante messa in atto nel territorio cilentano, considerando che nel Mar Mediterraneo occidentale il 50% dei nidi viene identificato proprio nel Cilento, mentre fino al 2012 questo fenomeno era considerato occasionale.

“Abbiamo sottoscritto un accordo triennale con il Centro Ricerche – ha spiegato il direttore del Parco Romano – che prevede soprattutto strategie di sensibilizzazione e conservazione delle tartarughe”. In base all'accordo saranno attivate delle campagne di sensibilizzazione per formare ed informare i cittadini sull’importanza di tutelare le Caretta Caretta e su come riconoscere ed individuare un nido. Si cercherà di comprendere il fenomeno scientificamente e capire come mai proprio il Cilento è divenuto una delle loro mete preferite. È stato anche lanciato un appello alla popolazione e ai pescatori che spesso segnalano i nidi. 

“E’ necessario che tutti collaborino – ha detto Andrea Affuso, Direttore Sanitario del Centro “Anton Dohrn” -. Chi individua un nido dovrebbe immediatamente chiamare la Capitaneria, fotografare e restare in attesa di soccorsi, o nel caso si trovi di fronte ad un tartaruga spiaggiata non metterla in mare ma aspettare un veterinario, se è spiaggiata è evidente che c’è qualcosa che non va”.

Antonella D'ALTO

Attualità

Da sabato scorso le bellezze architettoniche e naturalistiche e le specialità enogastronomiche di Monte San Giacomo sono a portata di smartphone. Nel weekend presso l’Officina cultura di Palazzo Marone è stato presentato alla cittadinanza il progetto Qr-Tour, prodotto e realizzato dall'Associazione Faq-Totum per conto dell’amministrazione comunale.

È un itinerario digitale e tematico che attraverso una segnaletica intelligente, dotata di codici qr, guida i visitatori alla scoperta dei centri del Vallo di Diano. Dopo Sassano e Atena Lucana, l’itinerario digitale e tematico approda nel centro storico di Monte San Giacomo con alcune novità.

Qr-tour è uno strumento di promozione territoriale di facile utilizzo e l’amministrazione comunale di Monte San Giacomo ha colto la bontà del progetto quale mezzo efficace e immadiato per valorizzare il proprio patrimonio.

Rosa ROMANO

 

Per partecipare al concorso ed essere il protagonista del video di realizzazione del piatto tipico "patan e cicc" contattare Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  oppure il numero 331 5351305 entro venerdì  prossimo 19 luglio 

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.