Attualità

Attualità

Siamo nel pieno della terza ondata e permane la cronica carenza di personale sanitario nelle corsie del Luigi Curto. Sono a rischio chiusura diversi reparti del presidio ospedaliero valdianese, arrivano quindi accorati appelli per far fronte alla situazione.

L'ultimo dalla Uil Fpl Vallo di Diano che richiede assunzioni attingendo da diverse graduatorie.

Ieri è stato ilsindaco di Polla, Massimo Loviso, a scrivere alla Regione e all'Asl per "ribadire, ancora una volta, la gravissima situazione in cui versa l'ospedale a causa. Gran parte delle Unità Operative presenti - si legge nella missiva - rischia l'imminente chiusura per l'impossibilità di assicurare i quotidiani turni di lavoro dei medici. Si avverte una grave preoccupazione da parte di tutta la popolazione del Vallo di Diano, pronta - conclude - anche a clamorosi gesti di protesta".

L’appello della Uil-Fpl, che sempre ieri scrive all'Asl Sa, suggerisce la soluzione ravvisata nelle graduatorie: quella "di merito pubblicata con deliberazione n. 623 il 15 luglio 2019 per la copertura a tempo determinato (mesi 6 eventualmente rinnovabili) di posti di infermieri da assegnare alle strutture impegnate nelle azioni di contrasto alla diffusione del covid; e anche la graduatoria di mobilità approvata con delibera n. 166 del 27/09/2018 sempre per Infermieri che sta scorrendo dalla posizione 781 alla posizione 880". Richiedono quindi di destinare unità al presidio di Polla utilizzando tali recenti graduatorie nonché attivando nuove procedure (Convenzioni, Concorsi, Mobilità, etc...) data la carenza cronica di personale soprattutto nell’ultimo periodo e considerato il verbale della riunione di ottobre scorso (30/10/2020) tra OO.SS, Direzione Sanitaria di Presidio di Polla e Commissario per l'Emergenza Covid Asl Salerno Dott. Mario Polverino in cui veniva assicurato un incremento di dipendenti da dedicare principalmente alle azioni di contrasto alla diffusione del covid.

Attualità

carabinieriok

Ieri i Carabinieri di Pagani hanno arrestato per detenzione illecita di sostanze stupefacenti una 38enne del luogo, già interessata da numerosi precedenti, colta in flagranza di reato.

Intorno alle ore 20:30, una pattuglia era impegnata in un posto di controllo lungo Via Nazionale e una vettura, alla vista dei militari in uniforme, ha svoltato bruscamente imboccando una traversa laterale per eludere un eventuale controllo. È stata bloccata dopo alcuni minuti nei pressi dello Stadio. Una volta identificata la donna, già nota alle Forze dell'Ordine, è scattata la perquisizione e all’interno dell’abitacolo è stato trovato un involucro di cartone accuratamente confezionato contenente 1 kg di cocaina.

In compagnia della donna c'era una figlia minorenne, immediatamente affidata alla famiglia. E lei si trova ora nella casa circondariale di Salerno, in attesa dell’udienza di convalida.

Attualità

Prosegue la campagna vaccinale anti covid nel Vallo di Diano. Oggi è previsto il via del richiamo per gli over 80 nel centro vaccinale allestito nel Saut di Teggiano, il secondo centro dopo quello presso l'ospedale Luigi Curto di Polla.

Vaccinazioni in corso anche per gli insegnanti, in attesa del rientro in classe. Scuole infatti chiuse in questi giorni proprio per permettere ai docenti e al personale scolastico di eseguire il vaccino.

Intanto annunciata anche la conclusione dei lavori all'ospedale di Sant'Arsenio che sarà un importante punto di riferimento per la sanità nel Vallo di Diano.

Su questo e sulla situazione centri vaccinali e scuole abbiamo raccolto il commento del presidente della Comunità Montana Vallo di Diano Francesco Cavallone.

Antonella D'ALTO

Attualità

Il Comune di Sanza è a caccia di fondi. La giunta comunale ha approvato  diverse delibere per interventi da candidare a finanziamento. Le iniziative principalmente riguardano la messa in sicurezza delle strade e la mitigazione del rischio idro-geologico.

Si lavora per il futuro - assicurano dall'amministrazione comunale che con i progetti approvati in Giunta punta alla richiesta di soldi per coprire le spese di progettazione definitiva ed esecutiva di opere di sistemazione e messa in sicurezza del territorio. Sempre attenti dunque alle occasioni di contributi da intercettare proprio per sistemare le infrastrutture comunali.

L’Ente ha candidato opere rispondendo al bando del Ministero dell’Interno che nei mesi scorsi ha messo a disposizione finanziamenti per il prossimo decennio.  Un primo intervento che il Comune di Sanza punta a realizzare è la messa in sicurezza della strada di collegamento delle località Verlingieri – Papaleo per un costo di circa 3,5 milioni di euro (250mila euro servirebbero per la progettazione). Costerà invece 4,6 milioni (314mila euro per il solo progetto) l’intervento di mitigazione del rischio idraulico sul reticolo secondario del territorio mediante la realizzazione e il ripristino di infrastrutture verdi e di opere idrauliche secondarie. Infine si punta alla sistemazione del versante instabile di località Valleraia e la messa in sicurezza della Sp18/B per un costo complessivo di 1,4milioni.

Lavori importanti oltre che necessari a rendere servizi sempre più efficienti.

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.