Attualità

Attualità

Dalla CGIL funzione Pubblica arriva una replica alle parole del sindaco di Sant'Arsenio Donato Pica che, in un recente comunicato, ha annunciato l'impegno per il potenziamento della struttura sanitaria del SS Annunziata. Con una nota stampa i referenti Luigi Pistone, Andrea Annunziata e Giuseppe Monzillo e il sergretario Pasquale Addesso, attaccano in primis il sindaco in merito al tema di Anatomia Patologica. Il 2 luglio il Sindaco Donato Pica aveva annunciato l'arrivo di un innovativo macchinario per potenziare il servizio.

I referenti della CGIL replicano sul trasferimento da Polla  Sant'Arsenio: "Dobbiamo far notare che i meriti - scrivono i referenti - che da solo il Signor Sindaco si ascrive, relativamente al trasferimento dell’Anatomia Patologica da Polla, inadeguati e pericolosi per la sicurezza dei lavoratori, presso l’ex laboratorio di analisi di Sant’Arsenio è frutto di un costante lavoro e di una strategia organizzativa di questa Organizzazione Sindacale in almeno un ventennio ". Inoltre per i referenti della CGIL i lavori per l'attivazione del servizio di contrasto alle dipendenze patologiche non sono ancora conclusi, volendo così smentire le parole del primo cittadino che annunciava una prossima attivazione. "Non abbiamo ancora compreso, - dichiarano i referenti della CGIL - quale sia il disegno di rilancio del nosocomio di Sant’Arsenio dell'amministrazione Pica all’ASL in quanto non solo non si sono mai confrontati o hanno chiesto di confrontarsi con persone o organizzazioni che conoscono i problemi dell’ASL/SA  e delle Strutture Sanitarie valdianesi ma  non sono stati neanche capaci di decidere le sorti della Struttura di Località San Vito. Giova, segnalare ai cittadini - continuano - che la struttura in questione in alcune parti si trova in totale stato di abbandono, compromettendo la tenuta strutturale, nonostante l'ASL si fosse impegnata a migliorarla. Noi in passato con altre sigle sindacali e con il Comitato Curo, un progetto lo abbiamo sempre avuto e portato avanti, come ad esempio per la riconversione della struttura in ospedale di Comunità, come Unità Complessa di Cure Primarie collegata all'ospedale di Polla, in attività deospedalizzate e per attività di riabilitazione post-acuzie al fine di realizzare l’integrazione Ospedale-Territorio. Questa nota - concludono - non vuole avere natura polemica o autocelebrativa ma una testimonianza dell'impegno profuso per il potenziamento e la valorizzazione delle Strutture Sanitarie del Vallo di Diano".

Anna Maria CAVA

 

Attualità

santarsenio

Lunedì 15 luglio, a Sant'Arsenio, avverrà l'intitolazione di una strada a monsignor Matteo Pica, fondatore del Santuario Mariano posto sul Monte Carmelo. La strada da intitolare inizia all'incrocio tra via Fontana Maggiore e via Sant'Anna.Il tratto della strada si conclude all'incrocio con via San Vito. Lunedì prima ci sarà la celebrazione della santa messa a partire dalle 18.00 presso la Chiesa del Carmine. A celebrarla il parroco don Angelo Fiasco insieme con don Antonio Breglia. Subito dopo la messa, avverrà lo scoprimento dell'epigrafe.L'iniziativa è partita dal Comune di Sant'Arsenio guidato dal sindaco Donato Pica in collaborazione con la Chiesa di Santa Maria Maggiore

Attualità

È stata inaugurata questa mattina la nuova mostra che mette al centro di un più ampio progetto culturale il suggestivo e antico Castello Macchiaroli di Teggiano. "Parco dell'Arte Contemporanea nel Vallo di Diano" è il nome del progetto curato da Andrea Villani e Silvia Salvati che prevede l'istallazione di opere d'arte, idee, progetti in diversi luoghi di Teggiano e presso le Grotte di Pertosa Auletta. Oltre al Castello Macchiaroli le istallazioni saranno situate fino al 15 febbraio 2020 anche presso il Chiostro della SS Pietà e nell'area di intersezione tra Via Sant'Agostino e Via Corpo di Cristo sempre a Teggiano.

L'iniziativa rientra nel più ampio progetto legato alla promozione del territorio denominato "Per_Formare una collezione" al fine di creare un archivio di arte della Campania in occasione del Summer Universiadi 2019, di Matera Capitale della Cultura Europea 2019 e della Congiura dei Baroni. Una iniziativa che vede ancora una volta il Castello Macchiaroli di Teggiano diventare scrigno di tesori e legame tra la storia antica e di valore con l'arte moderna di qualità.  Diversi i referenti presenti questa mattina all'inaugurazione dell'esposizione.

Anna Maria CAVA

Attualità

I recenti dati ISTAT che hanno presentato un quadro sull'occupazione che parlerebbe di crescita record dei posti di lavoro è tema da cui parte il direttore generale della BCC di Buonabitacolo Angelo De Luca in un'analisi dell'attuale situazione economica del Paese. Una valutazione che mette ancora una volta in risalto come tra nord e sud del Paese vi sia una totale disparità di trattamento, mostrandosi anche molto critico nei confronti del reddito di cittadinanza che, a parere di De Luca, trasmette ai giovani false illusioni. Riferendosi poi in particolare ai dati dell'ISTAT sull'occupazione per Angelo De Luca, si tratta di dati che, analizzati nel dettaglio, evidenziano come si tratti di lavoro di bassa qualità che non produce stabilità. Sotto accusa anche le politiche adottate dal Governo in tema di lavoro e di investimenti che, per De Luca non fanno altro che creare ulteriore disparità tra il Nord e il Sud del Paese.

“Non convince nessuno la politica adottata dal governo in tema di sviluppo industriale - dichiara il direttore della BCC di Buonabitacolo - non si comprende che occorre e subito anche, far crescere gli investimenti internazionali per dare slancio all’economia. Il Sud deve essere al primo posto dell’agenda di Governo. La condizione giovanile di lavoro insufficiente e precario per il mezzogiorno non può essere coperta dall’assistenzialismo. Al Sud c’è bisogno di investimenti e lavoro vero e stabile. Il governo deve dare risposte ai giovani che si sono arresi, quelli che non studiano né lavorano. Come si fa a non comprendere che se non c’è lavoro al Sud il paese è sempre più spaccato, diviso ed aumenta la discriminazione sociale e culturale anche". Per il direttore generale della BCC di Buonabitacolo, è necessario dare risposte ai giovani che rappresentano la ricchezza del Paese ma le cui giovani menti capaci e competenti stiamo svendendo o peggio regalando ad altri paesi europei.

"Nel decennio 2007-2017, il Mezzogiorno ha registrato un deflusso netto verso le altre regioni di 480mila persone. Il mezzogiorno continua a bruciare le sue risorse migliori, le intelligenze, la cultura e la volontà di cambiamento dei suoi giovani con conseguenza anche sull'economia che resta piatta. Mi spiace dirlo, ma chi governa, non se ne occupa adeguatamente. Lancio il mio appello - continua Angelo De Luca - al Ministro per il Sud, basta distribuire pensioni e redditi di cittadinanza; non servono. Chiediamo solo che si garantisca ai nostri ragazzi le opportunità che hanno i loro coetanei del nord. Chiediamo con forza che si facciano finalmente scelte di politica fiscale, industriale e sociale che investano su una nuova visione di mezzogiorno. Occorre puntare sull’innovazione, la ricerca, la formazione, il lavoro, la valorizzazione del capitale sociale e culturale. Noi - conclude Angelo De Luca - come piccola banca del territorio sono anni che in solitudine supportiamo le piccole imprese del territorio, quelle che tengono in piedi l’economia e lo stato sociale del Paese. Da soli però non possiamo più farcela”

Anna Maria CAVA

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.