Attualità

Attualità

gal vallo diano

Boom di adesioni ai bandi proposti dal GAL Vallo di Diano nelle tipologie di intervento delle misure 4.1.1. a sostegno di investimenti nelle aziende agricole e 6.4.1. per la creazione di nuove imprese agricole. I primi due bandi per l'assegnazione dei fondi a disposizione del gruppo di Azione Locale.

Un risultato importante che evidenzia come, la scelta e gli interventi su cui l'ente ha deciso di investire nella destinazione delle risorse, risulta vincente ed apprezzata dal territorio. Un risultato che il presidente Attilio Romano e l'intero consiglio di amministrazione ha commentato con entusiasmo manifestando grande soddisfazione per la risposta ottenuta e il gran numero di progetti presentati.  

"Questo risultato - commentano dal GAL Vallo di Diano - lascia ben sperare per l’afflusso di Domande di Sostegno sui bandi ancora attivi e denota sicuramente, da una parte, una buona comunicazione sulle opportunità messe in campo dal GAL e, dall’altra, che la strategia a suo tempo concepita risponde pienamente alle reali esigenze del territorio Rinnoviamo l’invito al territorio - continuano -  a rimanere in ascolto su tutto quanto promosso dal GAL attraverso il proprio sito istituzionale e agli organi di comunicazione di dare sempre massima eco perché le informazioni possano raggiungere il maggior numero di possibili beneficiari

Attualità

Battipaglia, il comitato dice no con una nota stampa attacca la provincia e il comune sulla questione impianti rifiuti. Dopo le polemiche e le manifestazioni di protesta dei cittadini si attendeva, la presentazioni di uno studio sulle aree sature di rifiuti della provincia che doveva essere pronto entro due settimane dall'incontro. Il tempo è trascorso ma dello studio non vi è traccia. Ciò ha spinto il comitato Battipaglia dice non ad intervenire con una nota stampa in cui accusa il vice presidente della Regione, Bonavitacolo, la sindaca Francese, il presidente della Provincia Strianese e l'assessore comunale Bruno, di ingannare la comunità

Attualità

Una navetta al servizio degli studenti degli Alburni e del Calore per raggiungere le scuole di Roccadaspide e Vallo di Diano. Dal settore viabilità e trasporti della Provincia di Salerno arriva l'ok all'istituzione del servizio navetta per velocizzare i tempi per il raggiungimento degli istituti scolastici e superare disagi e difficoltà dovute alle frane che, negli anni, hanno martoriato il territorio degli Alburni isolando le popolazioni locali.

L'ente provincia, con una nota inviata ai comuni interessati Ottati, Sant'Angelo a Fasanella, Corleto Monforte, Bellosguardo, Roscigno, Sacco, Laurino e Piaggine, e all'Azienda di trasporti Pecori che ha dato la disponibilità ad effettuare il servizio navetta con mezzi adeguati, ha annunciato la rimodulazione dei servizi di trasporto pubblico, assicurando la disponibilità della copertura finanziaria per sostenere la presenza della navetta fino al 31 dicembre 2019 utilizzando, come si legge nel documento, risorse derivanti dalle economie dei servizi aggiuntivi dell'anno 2018 e con l'inserimento delle ulteriori risorse per coprire l'anno 2020 nelle richieste da i inviare alla Regione Campania per i servizi aggiuntivi.

Secondo quanto emerge il servizio, rivolto agli studenti delle aree degli Alburni e del Calore, favorirà il collegamento tra Roscigno e il bivio di Corleto Monforte sove si congiungono la SP342 e la SS 166 e Roscigno e il Bivio di Bellosguardo. Collegamenti che, fin qui, venivano coperti con mezzi propri dagli studenti di Roscigno che erano costretti a farsi accompagnare fino al bivio con Corleto per poter usufruire del trasporto di autolinea. Con il provvedimento a firma del responsabile del settore Domenico Ranesi, prende il via l'organizzazione del nuovo servizio che allenterà le difficoltà dovute all'isolamento a seguito delle frane. Un risultato che è stato accolto con grande favore, oltre che dai sindaci del territorio anche dal consigliere provinciale Giuseppe Ruberto che ha voluto ringraziare il presidente della Provincia Michele Strianese il delegato ai trasporti De Nicola, il dirigente del settore trasporti Ranesi, e la Ditta Pecori per la disponibilità. 

"Questa - spiega Ruberto - è una risposta che grazie al lavoro di squadra siamo riusciti ad ottenere. Ma di criticità e problematiche riguardanti il trasporto e la viabilità , purtroppo, il nostro Territorio ne ha ancora da risolvere. Dobbiamo essere uniti e compatti sempre".

Anna Maria CAVA

 

Attualità

Casi di abbandono di cuccioli continuano ad essere ormai all'ordine del giorno, nonostante si cerchi in ogni modo di sensibilizzare e di invitare ad un maggiore senso di civiltà. A ferire ancor di più i casi di cani che, nell'essere abbandonati, risultano anche essere vittime di maltrattamenti.

Come l'ultimo caso che si è verificato a Montesano sulla Marcellana un cucciolo era stato abbandonato con un laccio al collo. Una signore di buon cuore nel vederlo ha immediatamente provveduto a liberarlo dello spago che, crescendo, avrebbe potuto provocare gravi tagli al collo e, successivamente, si è adoperata nel cercare del cibo da offrirgli. Al ritorno sul posto, però, il cucciolo era sparito ed era rimasta solo la scatola che, su presume sia stata utilizzata per il trasporto essendo il cucciolo malato e lo spago utilizzato per legarlo.

La donna, resasi conto della sparizione del cucciolo, non sapendo come comportarsi ha chiesto l'aiuto dell'Associazione di volontariato Qua la Zampa Effe con Amanda Cozza che, nella serata di sabato si è messa subito alla ricerca del cagnolino abbandonato ritrovandolo, dopo tanta ricerca e a distanza di  diverse ore, spaventato, affaticato e ammalato, sul ciglio della strada raggomitolato su se stesso.

Il cucciolo è stato quindi messo in salvo dalla presidente dell'Associazione che se ne sta prendendo cura per guarirlo dalla sua malattia e per rimetterlo in forze con buon cibo. Una volta guarito e sottoposto ad adeguate vaccinazioni, l'associazione provvederà a trovare una famiglia al piccolo. Intanto l'allarme abbandono resta ed è sempre più forte. Amanda Cozza infatti ha spiegato come, sul tratto di strada, che collega Montesano a Padula dove è stato rinvenuto il cane legato, sono frequenti le segnalazioni di rinvenimento di cani abbandonati da persone insensibili che lasciano i poveri animali vittime di crudeli destini. Non a caso, nelle ultime ore, si è registrata anche un'altra segnalazione da parte di un cittadino che, nella mattinata di ieri, ha trovato un cane rimasto intrappolato in un laccio per cinghiali.

Sul tema dell'abbandono degli animali, la stessa Amanda Cozza, ha più volte chiesto interventi preventivi e l'effettuazione di adeguati controlli sul territorio per verificare possibili casi di abbandono.

 

Anna Maria CAVA 

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.