Attualità

Il Parco Nazionale Cilento Vallo di Diano e Alburni in libreria con le sue eccellenze gastronimiche che sono il bagaglio culturale di un territorio ricco di bellezza e genuinità. Dal 24 luglio è possibile acquistare in edicola la nuova guida di Repubblica “La Dieta Mediterranea – I sapori del Parco del Cilento, Vallo di Diano e Alburni”, il volume dedicato a 63 ristoranti e 152 produttori d’eccellenza del territorio. La guida, acquistabile inizialmente in edicola ma presto disponibile anche in libreria e su Amazon e IBS, raccoglie, divise in sezioni tutto il buono e tutto ciò che di genuino produce l'area protetta.

Nella sezione Il Parco del Gusto è possibile trovare le storie, i volti e la cucina dei 63 ristoranti che hanno aderito alla Rete del Gusto del Parco, il disciplinare che valorizza le insegne che impiegano nel loro menu i prodotti tipici del territorio. Il capitolo “Il Parco dei Produttori”, invece passa in rassegna i 152 produttori a Marchio Parco, cioè le aziende agricole e vitivinicole, salumifici, produttori ittici e tanto altro ancora che perpetuano tradizioni artigianali millenarie. Prodotti che sono raccontati anche nella sezione “Il Parco dei Sapori”, composta da 26 itinerari del gusto, uno per ognuno delle tante eccellenze del Cilento, del Vallo di Diano e degli Alburni. A curare la prefazione il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani che scrive una delle missioni primarie dei Parchi naturalistici italiani è proprio quella di mettere a sistema il meglio che un territorio può offrire".

Ad introdurre il volume Ottavio Ragone, caporedattore della Cronaca di Napoli di Repubblica, che spiega come la guida “racconta l’incanto dell’ambiente e le smisurate ricchezze del territorio". Ad arricchire la guida lo scrittore Antonio Pascale, autore di un racconto inedito; gli scienziati Silvio Garattini e Paolo Veronesi, al centro di due interviste a tema; e quattro articoli che esplorano i gioielli del parco, tra cui quello a firma del Presidente dell’Ente Parco, Tommaso Pellegrino, che scrive: “La biodiversità del Parco la si può ritrovare anche a tavola grazie ai diversi talenti che ne sono oggi originali interpreti grazie ai prodotti a marchio Parco  che contribuiscono all’unicità dei piatti degli chef della Rete del Gusto della Dieta Mediterranea”.

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.