Attualità

I sindaci si sono riuniti ieri per discutere della proposta di EDA che ha individuato nell’impianto dell'ex Ergon stabilimento per la realizzazione del nuovo impianto di compostaggio al servizio del sub ambito EcoDiano. Il primo ad intervenire il sindaco di Polla Massimo Loviso che ha sottolineato come lo stesso non sia mai stato informato sulle decisioni dell'EDA. Diversi i sindaci presenti all’incontro in cui Loviso ha anche ribadito il no alla realizzazione dell’impianto anche per la sua localizzazione nei pressi di imprese, alberghi e luoghi frequentati dai bambini.

La replica di Esposito non si fa attendere, ricordando che l'impianto non è di proprietà di Polla. Inoltre ha invitato i sindaci ad individuare altri siti dove stoccare i rifiuti delle comunità valdianesi tenendo presente che, come il Vallo di Diano non vuole ospitare i rifiuti delle altre aree è ipotizzabile che dagli altri territori la posizione è simile. Piena solidarietà al sindaco di Polla da parte di tutti i sindaci . Così come da più parti è arrivato l'invito a dimostrare un grande segno di maturità e responsabilità da parte del territorio individuando un sito idoneo ad ospitare l'impianto di compostaggio. Presenti anche i consiglieri regionali Matera e Pellegrino, invitati a partecipare per condividere le decisioni dei sindaci, vista la delicatezza del tema e affinché facciano arrivare all'ente regionale le istanze del territorio.

Deciso per la condivisione di un documento in cui i comuni esprimono il loro dissenso all'impianto di compostaggio a Polla rimarcandone la non idoneità, e ribadendo l'impegno ad individuare un nuovo sito per la realizzazione di un impianto per 20 mila tonnellate di rifiuti. Nel corso della discussione è anche arrivata una proposta riferita proprio ad un eventuale nuovo sito dove realizzare l'impianto di compostaggiol, riprendendo anche un vecchio progetto della comunità montana, poi accantonato per le imposizioni legate al quantitativo di rifiuti da trattare nel sito.

L'idea proposta è quello di realizzare un impianto nel territorio al confina tra Atena Lucana e Sala Consilina in una ex cava dismessa ossia nei pressi di C.da Maglianiello. Una ipotesi ora al vaglio e su cui saranno effettuate adeguate valutazioni per poi procedere con la presentazione della proposta, come da richiesta del commissario ai rifiuti Vittorio Esposito che ha chiesto espressamente di ricevere dai sindaci decisioni ed elementi certi da proporre alla Regione al fine di opporsi alla ipotesi di realizzazione dell'impianto presso l'Ex Ergon.

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.