Attualità

I lavori alla Clinica Fischietti oggetto di polemiche. Mentre da un lato i cittadini temono una chiusura definitiva della struttura dall'altro la politica polemizza. A sollevare la polemica è il Comune di Padula ed il sindaco Paolo Imparato che, a seguito di un post di rassicurazioni pubblicato dal consigliere regionale Corrado Matera, in cui assicurava il suo impegno per accelerare i lavori sulla struttura, ha replicato ricordando l'iter che ha portato al finanziamento. L'ulteriore replica dell'On. Matera è stata immediata sottolineando che, il suo impegno non era finalizzato ad intestarsi la realizzazione dei lavori. Il tutto è partito da voci che circolavano insistenti tra la popolazione in cui si ipotizzava la chiusura definitiva della struttura di Padula oggetto di lavori di riqualificazione e che hanno portato alla richiesta di chiarimenti in merito.

A rispondere ieri Corrado Matera che ha sottolineando che non si tratta di chiusura definitiva, citando nello post anche i lavori presso l'ospedale di Sant'Arsenio e assicurando il suo impegno per "chiedere - si legge - che i lavori a Padula vengano completati velocemente e che si pratichino tutte le soluzioni possibili affinché, le attività previste, possano in parte continuare nello stesso immobile o, in caso di difficoltà, dislocate in strutture messe a disposizione dai sindaci interessati". Passano poche ore e il sindaco di Padula Imparato replica al consigliere regionale Matera postando le delibere per evitare il diffondersi di notizie a finanziamento ottenuto. Dal Comune spiegano che nel 2017 era partito un progetto per fare della Clinica Fischietti una struttura polivalente socio-sanitaria con la sottoscrizione di accordi con il comune di Montesano. Successivamente sono partite le azioni per dare il via ai lavori. Nel chiarire che non esiste alcun nesso tra i lavori alla clinica Fischietti e le opere presso l'Ospedale di Sant'Arsenio, Imparato sottolinea: “La doverosa ricostruzione dell’iter amministrativo si è resa necessaria per evitare strumentalizzazioni politiche, personalismi e falsi meriti di chi negli anni scorsi, pur rivestendo la carica di Assessore Regionale, non ha avuto e continua a non avere nessun ruolo nella complessa procedura che, consentirà ai cittadini a sud del Vallo di Diano di disporre di una struttura sanitaria innovativa”.

Le parole di Imparato vengono immediatamente recepite da Matera che risponde sottolineando come, nel suo post non vi era alcuna assunzione di meriti ma solo condivisione delle notizie in suo possesso. "Mi rendo conto - scrive Matera - che non sempre la comprensione di un testo scritto può risultare agevole, eppure mi era parso di essere stato abbastanza chiaro. Conosco benissimo l’iter descritto nella nota del Sindaco di Padula, e non vedo in cosa contrasti con la mia dichiarazione". Ricordando come nel suo scritto aveva assicurato il suo impegno per garantire il prosieguo del servizio e velocizzare le opere dichiara: "Le mia parole evidentemente hanno arrecato fastidio al Sindaco di Padula, o perché non ha compreso il testo o per motivi a me sconosciuti e difficilmente comprensibili. In un momento così delicato per il nostro territorio, la difesa di qualsiasi presidio a tutela della salute dei cittadini del Vallo deve essere interesse di tutti. Sperando che questa folkloristica polemica possa chiudersi qui, invito ancora tutti a essere uniti a tutela del nostro territorio".

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.