Attualità

L'Alta velocità attraverserà il Vallo di Diano e il consigliere regionale Corrado Matera invita ad una sinergia dei territori affinché, in questa delicata fase in cui si può riscrivere il futuro delle aree fin qui messe ai margini per opere infrastrutturali, possa apportare benefici per tutto il sud della provincia di Salerno. Già assessore regionale al turismo Corrado Matera ben conoscendo le dinamiche e le potenzialità turistiche delle aree costiere e delle aree interne come Vallo di Diano invita all'unità territoriale per ottenere le opportune opere infrastrutturali capaci di apportare benefici concreti per lo sviluppo del turismo storico-culturale-naturalistico e del turismo balneare.

Da qui l'invito dell'On. Matera ad una unità territoriale alla luce anche delle scelte ponderate di RFI che, come spiegato anche nel progetto di fattibilità presentato alle commissioni competenti, in cui si fa riferimento alla fermata Atena-Sala Consilina, ha ricordato come, dopo una valutazione attenta delle diverse ipotesi progettuali, si è concluso che la tratta che attraversa il Vallo di Diano è da ritenersi preferibile su altre possibili alternative. Facendo quindi riferimento al progetto presentato da RFI Corrado Matera nel suo commento ha ricordato come, Cilento e Vallo di Diano dovrebbero unirsi per sostenere insieme la stazione nel comprensorio valdianese e, nel contempo, per puntare insieme al potenziamento dei collegamenti ferroviari nel Cilento.

"Dallo studio di fattibilità di RFI - sottolinea Matera - sono state ipotizzate alcune nuove fermate quali: Salerno, Atena Lucana/Sala Consilina, Praia, Cosenza e Lamezia" Ricordando come, sin dal 2016, grazie all'impegno dello stesso Matera nel suo ruolo di assessore al turismo, è stato possibile ottenere la fermata dell'alta velocità nel Cilento, sottolinea la sua vicinanza al territorio cilentano. "Oggi - ricorda- RFI ha scelto a seguito propria analisi, che la linea dell’Alta Velocità debba attraversare il Vallo di Diano. Ritengo sia giusto unirsi tutti per ottenere una fermata nel Vallo di Diano, lavorando insieme, e nel contempo, bisogna sostenere unitariamente un potenziamento del servizio anche nel Cilento, collegandolo con le grandi stazioni e innovando le stazioni cilentane. È solo da questa sinergia - sottolinea - che possiamo aspettarci buoni risultati. La lotta tra territori non favorisce nessuno, ma porterà soltanto ad un risultato: o che il treno passerà velocemente e saranno favorite altre regioni, ovvero che sarà posticipato l’intervento con il rischio che non si realizzerà nulla per lo sviluppo del sud della Provincia".

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.