Attualità

de luca diretta

Il presidente della Regione, Vincenzo De Luca, anche oggi in diretta su Facebook ha fatto il punto sulla situazione epidemiologica:

"I numeri della Regione Campania non sono particolarmente negativi eppure la zona rossa sarà confermata anche per la prossima settimana. I criteri scelti dal comitato tecnico sono demenziali. Le terapie intensive occupate in Campania sono pari al 26% e ci diranno che siamo in zona rossa. Voglio rimarcare il fatto che in questa seconda ondata siamo riusciti a non chiudere i reparti ordinari. La situazione, ovviamente, è pesante ma abbiamo tenuto fermo il punto”. 

Per quel che riguarda i vaccini Astrazeneca "siamo riusciti a creare un clima di confusione che ha gettato nel caos la popolazione, a cominciare dalla comunicazione demenziale parlando di un vaccino che garantisce benefici superiore ai rischi. Io credo che dobbiamo mantenere i nervi saldi, chi ha fatto il vaccino stia tranquillo. Se andassimo a verificare gli effetti collaterali del vaccino antiinfluenzale troveremmo dati più gravi. Andiamo avanti con decisione e senza angoscia". 

"La Campania rimane la regione che ha ricevuto la dose più bassa di vaccini rispetto alla popolazione. Abbiamo ascoltato il grido di dolore di Draghi rispetto a qualche 30enne che ha scavalcato anziani nella vaccinazione. Con rispetto e parafrasando il grido di dolore di Draghi, mi rivolgo al presidente del Consiglio e a mia volta dico con quale coscienza si può togliere ai cittadini campani una quantità di 210mila dosi di vaccino? Se avremo le dosi necessarie potremo raggiungere l'obiettivo che ci siamo dati: immunizzare tutta la popolazione campana per il prossimo autunno. Dobbiamo completare le vaccinazioni fragili e gli anziani ma, dopo, dobbiamo proseguire per le categorie economiche. Dobbiamo arrivare a 60mila somministrazioni al giorno, ieri 28mila. La precondizione è che ci siano dati i vaccini sia quelli contrattualizzati dall'Europa che quello che ci siamo permessi di anticipare un contratto di fornitura autonomamente e per questo chiediamo all’Aifa di fare in tempi rapidi la valutazione scientifica sul vaccino russo".

Poi il presidente annuncia che "da maggio a tutti quelli che hanno ricevuto la doppia somministrazione dei vaccini daremo una tessera per cercare di avere degli accessi selezionati nei locali e nelle attività per chi certifica di aver ricevuto il vaccino".

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.