Attualità

Non c'è pace per l'ambiente costretto a fare i conti con incivili che ne deturpano bellezza e salubrità. L'ultimo caso di rifiuti abbandonati è statoscoperto dagli operatori del Consorzio di Bonifica Vallo di Diano che, intenti ad effettuare manutenzione ordinaria sui canali a Padula, si sono trovati di fronte ad una discarica abusiva in cui veniva sversato di tutto, senza alcuna pietà per l'ambiente circostante.

Segnalazioni da semplici cittadini, fototrappole, controlli serrati delle amministrazioni comunale, interventi recupero di aree adibite a discariche abusive non bastano più con ripercussioni economiche ingenti per le amministrazioni comunali per rimediare ai disastri ambientali provocati da incivili, incuranti della comodità di servirsi della raccolta porta a porta, preferiscono deturpare l'ambiente.

Sono trascorsi pochi giorni dalla scoperta di luoghi individuati abusivamente come aree in cui gettare rifiuti: a Teggiano , dove in particolare negli ultimi giorni sono stati segnalati casi di abbandono nell'ambiente di lastre di amianto; nel territorio di confine tra Sassano e Teggiano dove è stata rinvenuta abusiva in cui veniva gettato di tutto anche materiale altamente inquinante come vasche in cemento, plastica ed elettrodomestici; a Sala Consilina dove, secondo quanto denunciato da alcuni cittadini residenti nella zona, vi è un'area, ai piedi del Monte Balzata che è ormai praticamente stata individuata dagli incivili come luogo idoneo in cui versare i rifiuti rendendo vani ed inutili tutti i tentativi e le spese ingenti dell'amministrazione di ripulire le aree indicate, dato che, dopo poco, tornano ad essere deturpate, provocando enormi danni all'ambiente, alla salute dei cittadini ed anche un ingente danno economico per le casse comunali e quindi della popolazione tutta.

Ed ecco che anche Padula si scopre terra presa di mira dall'inciviltà umana. Una scoperta amara quella degli operatori del Consorzio di Bonifica che, con cupa rassegnazione e tanta rabbia, hanno cercato di ripulire l'area di Contrada San Leonardo dove è stata rinvenuta la grande discarica abusiva che ospitava di tutto e di più, consapevoli nel contempo che, anche lungo gli argini dei canali e dei torrenti la situazione era decisamente drammatica. L'abbassamento infatti del livello dell'acqua ha fatto emergere una quantità enorme di rifiuti abbandonati senza alcun timore e senza alcun rispetto per l'ambiente.

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.