Attualità

Il Comune di Polla, retto dal sindaco Massimo Loviso, è pronto a impiegare i percettori del reddito di cittadinanza nei c.d. PUC - Progetti di Pubblica Utilità.

Ne ha approvati due: "La cultura al servizio del cittadino" e "Tutelo la mia città" che vedranno al lavoro i beneficiari del sussidio in attività di carattere culturale e tutela del territorio. I partecipanti - è stabilito - dovranno rispettare l’obbligo di impegnarsi per almeno 8 ore settimanali (fino ad un massimo di 16) per un anno, ma il periodo può anche avere una diversa durata a seconda delle caratteristiche e delle necessità dell’Ente.

Loviso è uno dei tanti sindaci e amministratori del comprensorio valdianese, ma non solo, che si stanno lamentando in quanto nonostante abbiano approvato i progetti poi di fatto non riescono a impiegare i percettori dicono "per via della troppa burocrazia". I Comuni sono responsabili dei PUC infatti i progetti sono a titolarità dei Comuni ferma restando la possibilità di svolgerli in gestione associata. Qui, è stato deciso, si farà con il Consorzio sociale Vallo di Diano Tanagro Alburni.

Per quanto riguarda le coperture assicurative, i percettori impiegati devono essere assicurati contro gli infortuni e le malattie professionali presso l’INAIL. L'Assemblea del Consorzio sociale ha deliberato che tali oneri devono essere anticipati dai Comuni e poi l'Ente consortile procederà al rimborso. La palla in sostanza è passata in mano ai Comuni che devono garantire subito la copertura assicurativa per partire.

"Le spese di tale iniziativa - dicono da Polla - saranno coperte dalle risorse del Fondo Povertà e del PON inclusione. Il Comune è pronto con i progetti e non abbiamo nessun problema ad anticipare le somme. Siamo in attesa delle linee guida da parte del Consorzio".

Rosa ROMANO

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.