Attualità

Polemiche a Sassano. Il gruppo di minoranza Sassano Ancora si Può lamenta la non considerazione da parte dell'amministrazione comunale che, a loro dire, sarebbe colpevole di aver omesso nella verbalizzazione dell'ultimo consiglio comunale un loro intervento.

"Siamo costretti ad intervenire pubblicamente - dichiarano dalla minoranza - in quanto nel consiglio comunale  che si è tenuto lo scorso 14 dicembre su "Assestamento generale di bilancio e salvaguardia degli equilibri per l'esercizio 2020" abbiamo dichiarato illegittima una delibera che, come affermato dalla stessa Amministrazione Comunale, era tardiva di ben quattordici giorni. Sommessamente, il 31 dicembre 2020, abbiamo chiesto la rettifica dell'atto da inoltrare al Prefetto ma nessuna risposta è pervenuta".

"Da quello che ci è stato illustrato - aveva dichiarato il consigliere Antonio D'Amato il 14 dicembre - l'atto (riferendosi alla delibera "incriminata") andava adottato il 30 novembre, oggi è un atto illegittimo e tardivo per questo il nostro voto sarà contrario. Invitiamo a riportare all'interno del deliberato questa nostra dichiarazione".

Cosa che a quanto si apprende non è stata fatta inizialmente e neanche dopo la richiesta di modifica del verbale a mezzo pec da parte della minoranza che parla ora di "atteggiamento da regime" in cui una dichiarazione di chi rappresenta il 45% della popolazione non viene messa agli atti. "I consiglieri comunali hanno il diritto - affermano in conclusione - di fare dichiarazioni da trascrivere, il Consiglio comunale è il luogo dove si celebra la democrazia nonchè la liberta di parola a cui nessuno può opporsi".

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.