Attualità

Una “catastrofe” annunciata. I saldi invernali a gennaio è una follia che danneggerà consumatori e commercianti. Lo afferma il Codacons, che ricorda come gli sconti di fine stagione degli ultimi anni abbiano registrato una riduzione costante delle vendite, anche a causa della partenza a ridosso delle festività natalizie.

“Mai come quest’anno - afferma l’associazione - i saldi non possono partire a gennaio e vanno liberalizzati, almeno per tutto il periodo dell’emergenza pandemica. Ad imporre una simile misura sono i limiti anti Covid, che avranno effetti sugli spostamenti dei cittadini unitamente alle difficoltà economiche di milioni di famiglie che, dopo il Natale, risultano ancora più impoverite.

“Gli sconti di fine stagione - prosegue il Codacons - vanno liberalizzati, lasciando ai commercianti la facoltà di scegliere quando scontare la propria merce. Per questo chiediamo a Governo e Regioni di eliminare le anacronistiche leggi sui saldi, lasciando liberi gli esercenti di scontare i propri prodotti in totale libertà, almeno per tutto il periodo di durata dell’emergenza. In caso contrario si andrà incontro ad un fallimento assoluto, con immensi danni per il settore del commercio, già affossato dal crollo dei consumi”.

L’organizzazione di tutela dei consumatori, infine, ricorda che tutti i negozianti che vogliono vendere online, e concorrere ad armi pari con i giganti come Amazon, possono aderire alla piattaforma lanciata dall’associazione alla pagina dedicata https://codacons.it/ecommerce/

Federico D’ALESSIO

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.