Attualità

Vogliono la didattica a distanza le mamme di Auletta. Dal 25 novembre, stando all'ordinanza regionale n.92, i bambini dell'asilo e della prima elementare possono fare attività didattica in presenza a meno che il sindaco non fosse intervenuto, per tempo, con misure più restrittive. In molti casi infatti i primi cittadini hanno optato per continuare con la c.d. dad mentre in altri hanno ritenuto opportuno consentire le attività in presenza.

Il sindaco di Auletta, Pietro Pessolano, non si è opposto alla riapertura delle scuole e ora si ritrova le mamme sul piede di guerra: vorrebbero la sospensione come misura per salvaguardare i propri figli e intanto i bambini a scuola non ce li stanno portando. In questi primi giorni in prima elementare neanche un bimbo presente su 15 e all'asilo 8 su 50 stanno frequentando. Il braccio di ferro che si è innescato col sindaco dipende anche dal fatto che a Caggiano, l'IC è lo stesso, la dad è stata prorogata. Le mamme in protesta hanno trovato l'appoggio del gruppo Auletta Nova.

"Viviamo - dicono dall'opposizione - da giorni nella completa disinformazione da parte dell'Amministrazione che non informa la popolazione sulla situazione dei contagi, è normale che alla riapertura della scuola non si sia presentato nessun bimbo. Una sconfitta per tutti ma soprattutto per il sindaco che crea solo confusione e disorientamento. Stigmatizziamo questo incomprensibile comportamento e chiediamo al sindaco di tranquillizzare i genitori"

E le rassicurazioni arrivano.

Il sindaco Pessolano garantisce che sta gestendo personalmente la situazione, che se non comunica quotidianamente i dati è per non generare ansia e che non vi è al momento nessuna criticità tale da giustificare la chiusura delle scuole. Tutti gli screening fatti finora sono risultati negativi. "L'ordinanza n.92 è chiara - dice - i sindaci possono adottare misure restrittive solo nel caso riscontrino rischi e non è il caso di Auletta. É da apprezzare un primo cittadino che apre anziché chiudere, i bambini devono andare a scuola per apprendere e socializzare, stanno perdendo mesi importanti difficili da recuperare". Posto che non ci sono criticità in paese sostiene di non voler essere responsabile delle conseguenze negative sull'alfabetizzazione, sullo sviluppo e sul benessere dei piccoli che la chiusura delle aule comporta. "Le scuole dovrebbero essere le ultime istituzioni a essere chiuse prova ne è che dappertutto - conclude - si continua a fare attività didattica in presenza".

Rosa ROMANO

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.