Attualità

Padula è ufficialmente tra le 28 città tra le quali sarà scelta la Capitale Italiana della cultura 2022. Una notizia accolta con favore dalla Comunità Montana Vallo di Diano. Il presidente dell'Ente, Raffaele Accetta, afferma di condividere e sostenere l'iniziativa.

Che per il Comune di Padula rappresenta - come hanno più volte detto - un sogno e una sfida. A dicembre è stata avanzata la candidatura, a luglio è stato consegnato il dossier relativo al progetto di promozione e valorizzazione culturale del territorio di riferimento. Ora si attende ottobre per un'ultima cernita tra le candidate. Intanto a Padula arriva l'appoggio della Comunità Montana. "Che - commenta Accetta - ha da sempre creduto nelle potenzialità della cittadina valdianese attraverso l’inserimento sia di Padula che della Certosa di San Lorenzo in tutta la programmazione che nei decenni ha sviluppato: dal Pit Certosa con il Grande Attrattore Culturale fino alla Strategia delle Aree Interne. Che è solo l'ultimo grande progetto di sviluppo locale a titolarità della Comunità Montana del Vallo di Diano, attraverso il quale abbiamo una dotazione di circa 18milioni di euro che ci permette di investire ed innovare in settori chiave della nostra società quali la mobilità, la scuola, la sanità, l'agricoltura. In particolare in attività di pianificazione turistica e organizzazione del sistema turistico della destinazione "Vallo di Diano" che ovviamente sarà importante per il territorio che ospita la Certosa”.

"La candidatura di Padula quale Capitale italiana della cultura per il 2022 - continua il presidente - è una sfida che tutto il territorio deve raccogliere e fare propria. Soltanto attraverso il coinvolgimento di tutti gli attori territoriali sia come amministrazioni pubbliche che come privati, operatori turistici e istituzioni scolastiche si possono raggiungere traguardi ambiziosi. “Da parte mia - conclude il presidente Accetta - sosterrò concretamente tale iniziativa inserendo la candidatura di Padula quale punto di forza del territorio in tutti i documenti della nuova programmazione 2021/2027 e nella prossima riprogrammazione di risorse ed interventi per la Strategia delle aree interne”.

Rosa ROMANO

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.