Attualità

L'emergenza covid impone nuove norme anche per quanto riguarda la giusta distanza da mantenere tra persone. Obblighi e direttive che richiedono ampi spazi e che, in riferimento al servizio della giustizia per il Vallo di Diano, potrebbe invece non essere facile da rispettare. Una situazione questa che, in Basilicata, vede l'ente regionale attivarsi per la riapertura del Tribunale di Melfi.

È approdato in consiglio regionale della Basilicata la proposta del consigliere Bellettieri di Forza Italia che chiede alla Giunta regionale di avviare tutte le azioni necessarie per ottenere la riapertura del tribunale di Melfi, supportando la richiesta con una serie di criticità che si sono registrate a seguito dell'emanazione della riforma della Geografia Giudiziaria, quali ad esempio ritardi nei procedimenti sia civili che penali ed infine, ma non ultimo, la finzione di controllo del territorio che è venuta meno e, soprattutto, carenze infrastrutturali del tribunale accorpante.

Criticità rilevate anche presso il tribunale di Lagonegro dopo aver inglobato Sala Consilina, peraltro andando anche contro le regole stabilite nella legge delega con l'accorpamento avvenuto fuori regione e fuori corte d'appello, situazione non consentita dalla legge. L'avvocato Elisabetto Giordano, ricordando come le criticità sono persistenti presso il presidio di giustizia lagonegrese, invita la politica ad attivarsi, come accaduto in Basilicata e di farlo prima delle elezioni viste le norme anticovid

Anna Maria CAVA

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.