Attualità

È arrivata la delibera ufficiale da parte dei consigli di amministrazione interessati che da il via libera alla fusione tra la BCC di Buonabitacolo e la Banca del Cilento, con il coordinamento del gruppo ICCREA. L'operazione di fusione si concretizzerà nel prossimo anno 2021 con al denominazione ufficiale che sarà presentata a dicembre 2020 assicurando, dalla BCC di Buonabitacolo, che tale denominazione sarà una gradita sorpresa per i soci. La nuova banca che si andrà a formare potrà contare su 1 miliardo di euro di attivi ed una base sociale di 7 mila soci ed oltre 50 mila clienti

Le attività delle due BCC che si avviano alla fusione hanno permesso, negli anni, di raggiungere una significativa presenza nell’area interessata dal percorso aggregativo, arrivando a presidiare attualmente il territorio con 28 sportelli. Grazie all’operazione di concentrazione, la nuova BCC garantirà un’equilibrata e capillare copertura su un’area che si allarga significativamente i tra le province di Salerno, Potenza, Matera e Cosenza. Novità sul modello organizzativo della BCC che, oltre a valorizzare le risorse interne e raggiungere gli obiettivi di efficientamento stabiliti dalla Capogruppo, rafforzerà il presidio sul territorio.

“Le operazioni di aggregazione tra Banche - spiega il presidente della Banca del Cilento Pasquale Lucibello rappresentano dei ponti ideali capaci di unire territori, culture, tradizioni e storie di uomini e donne. La fusione in corso di perfezionamento rappresenta un tassello di fondamentale importanza per la storia della nostra BCC, capace in soli 30 anni di vita di completare, ad oggi, ben 4 processi aggregativi”. Un commento orgoglioso arriva anche dal direttore generale Ciro Solimeno “Siamo sicuri - dichiara - che la struttura della nuova Banca riuscirà a garantire ai territori, servizi sempre più specialistici nel costante rispetto della nostra natura di Banca di Prossimità”.

Soddisfatti anche i vertici della BCC di Buonabitacolo.

“La nostra banca - dichiara il presidente Pasquale Gentile - si è sempre caratterizzata per la sana e prudente gestione, privilegiando la qualità rispetto alla quantità del credito. Siamo stati sempre indipendenti, vicini ai soci e ai clienti del territorio di riferimento, in grado di comprendere il cambiamento epocale che sta investendo il mondo del credito cooperativo, mantenendo comunque la capacità di integrarci nelle logiche di gruppo e di un mercato moderno e dinamico. Oggi più che mai cogliamo il cambiamento come opportunità e non come necessità". “Il sostegno dei nostri Collaboratori e dei nostri Soci, - ha dichiarato invece il direttore generale della BCC di Buonabitacolo Angelo De Luca - ha rafforzato una scelta operata con la consapevolezza dei nostri mezzi e delle nostre potenzialità. L’unione farà crescere il nostro territorio perché siamo convinti che da soli, ormai, non si va da nessuna parte e con compagni leali la strada è meno accidentata. Come ha detto qualcuno: ‘Non è la specie più forte o intelligente a sopravvivere ma quella che si adatta meglio al cambiamento’”.

Anna Maria CAVA

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.