Attualità

Da oggi, 3 giugno, spostamenti liberi in Italia. Riapre la circolazione tra tutte le regioni.

Si può quindi entrare in Campania. Il presidente Vincenzo De Luca era tra quelli non d'accordo sull'apertura generalizzata ma ha dovuto accettare la decisione del governo e ieri sera, con l'ordinanza n.54, ha dato le linee guida per gestire la situazione sul territorio regionale. Si tratta di "misure - ha detto - adottate con equilibrio e serenità a tutela delle nostre comunità".

Sono valide fino al 15 giugno e prevedono: la misurazione della temperatura nelle stazioni ferroviarie (Napoli, Napoli- Afragola, Salerno, Benevento, Caserta, Aversa, Battipaglia, Capaccio- Paestum, Agropoli, Vallo della Lucania, Sapri), agli imbarchi e all'aeroporto di Capodichino; l'obbligo di sottoporsi in caso di temperatura pari o superiore a 37,5  a test rapido Covid-19 ed eventuale tampone; e, in caso di comparsa di sintomi, di avvertire immediatamente il Dipartimento di prevenzione della Asl territorialmente competente e il proprio medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta;

Ai singoli Comuni d'intesa con la Protezione civile regionale, la Polfer, con il Dipartimento di prevenzione della ASL competente, la Croce Rossa e la Protezione Aziendale di RFI, è demandata l'organizzazione di postazioni di verifica per la rilevazione della temperatura corporea, la eventuale somministrazione di test rapidi Covid-19 e i successivi adempimenti per i casi sospetti per quanto di rispettiva competenza.

Non c'è più l'obbligo di isolamento domiciliare per 14 giorni per chi arriva da fuori regione. Nei prossimi giorni, è stato annunciato ma ancora non c'è una data, verrà eliminato anche l'obbligo di indossare la mascherina nei luoghi pubblici all'aperto.

Rosa ROMANO

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.