Attualità


La preparazione dei volontari della Protezione Civile in materia di controlli per la sicurezza della comunità è sicuramente superiore a quella che potrebbero avere gli assistenti civici.

Consapevole del grande lavoro svolto quotidianamente e con grande professionalità dai volontari nazionali così come locali, Raffaele Accetta, presidente della Comunità Montana Vallo di Diano nel ruolo anche di ente capofila per la strategia delle aree interne, condivide la preoccupazione del Presidente del Comitato Nazionale Protezione Civile Dott. Losi in merito alla proposta del ministro per gli affari regionale Francesco Boccia e dell'ANCI che vorrebbero il reclutamento di assistenti civici in aiuto dei comuni per effettuare i controlli in materia di prevenzione contagio.

Una ipotesi che viene scartata anche per la scarsa preparazione che avrebbero le persone reclutate per il ruolo che, invece, è presente nel personale della protezione civile. Una preparazione ed una professionalità che il presidente della Comunità Montana Raffaele Accetta mette in risalto elogiando il lavoro svolto dai volontari di tutto il comprensorio nei due mesi di Lockdown per l'emergenza epidemiologica.

"I volontari di Protezione Civile - sottolinea Accetta - stanno già svolgendo questo ruolo di verifica sul territorio in maniera egregia, collaborando in maniera armonica con le amministrazioni comunali. A questo proposito vorrei ringraziare tutti i volontari di protezione civile del nostro territorio per il prezioso lavoro svolto che li ha visti impegnati senza sosta svolgendo azioni di informazione presso la popolazione dei Comuni del Vallo di Diano con la divulgazione di messaggi vocali, hanno assistito gli anziani delle nostre comunità garantendo loro assistenza domiciliare con consegna di spesa a domicilio ed altre mansioni, si sono, inoltre, occupati del ritiro e distribuzione dei dispositivi di protezione individuali e dei farmaci. Grazie a nome di tutta la collettività valdianese".

Accetta, ricordando come l'ente Montano abbia attivato una finzione associata di protezione civile con l'istituzione di un COM Centro Operativo Misto e la conseguente attivazione dei COC centro operativo Comunale,  ha parlato del  ruolo assegnato nell'ambito della Strategia delle Aree Interne alla Protezione Civile locale che si vuol potenziare come previsto nel programma di intervento denominato "Territorio Sicuro".

"E’ necessario - sottolinea il presidente della Comunità Montana Vallo di Diano - rafforzare le funzioni della Protezione Civile ed è quanto faremo grazie al finanziamento previsto dalla Strategia Nazionale aree interne Vallo di Diano che, accanto ai normali e ben noti rischi territoriali quali sismico, idrogeologico, incendi boschivi, si aggiungerà anche quello epidemiologico". Tornando quindi sulla proposta dell'istituzione di assistenti civici, Raffaele Accetta conclude: "Auspichiamo, quindi, che il ruolo di assistenza alla popolazione e supporto alle strutture dei Comuni del Vallo di Diano possa essere svolto dai volontari di protezione civile".

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.