Attualità

Aiuti ai comuni dichiarati zone rosse addio. Ad annunciarlo l’Onorevole Antonio Iannone di fratelli d’Italia che, con una nota stampa, spiega come il Governo, nello stilare il decreto rilancio per la pubblicazione ha soppresso la parte dell’articolo 112 in cui venivano inizialmente previsti aiuti per tutti i comuni italiani che, durante il periodo di emergenza covid erano stati dichiarati zona rossa e posti in isolamento ed in quarantena. “Con una correzione in gazzetta dell’Art. 112 del Decreto Rilancio il Governo esclude dal fondo per i benefici economici dedicato ai comuni dichiarati zone rosse tutti quelli del Vallo di Diano, in provincia di Salerno, ed Ariano Irpino, in provincia di Avellino”

Queste le parole con cui l’esponente di Fratelli d’Italia apre la nota denuncia che arriva dopo che, nella serata di ieri, in Gazzetta Ufficiale n. 129 del 20 maggio, viene pubblicata nella parte finale dedicata appunto alle rettifiche, la modifica all’articolo che concedeva gli aiuti a tutti i comuni dichiarati zona rossa nel periodo dell’emergenza pandemica. Tra questi anche 6 comuni campani di cui ben 5 nel Vallo di Diano. Nessun aiuto quindi dal Governo per i comuni di Sala Consilina, Atena Lucana, Polla, Caggiano e Auletta. Sulla Gazzetta Ufficiale n. 128 del 19 maggio, infatti, si può leggere come, ad essere destinatari degli aiuti derivanti dal Fondo istituito presso il ministero dell’Interno, erano inizialmente oltre ai comuni ricadenti nelle province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi e Piacenza anche tutti i comuni dichiarati Zona Rossa con provvedimenti governativi o regionali e rimasti tali per almeno 30 giorni.

Tra questi rientravano anche i comuni valdianesi per i quali era stata emessa ordinanza di messa in quarantena il 15 marzo con l’uscita dalla zona rossa il 14 aprile. Un fondo da 200 milioni di euro che dovevano essere ripartiti tra i comuni maggiormente colpiti dal Coronavirus ma che, con un colpo di coda, viene rettificato il giorno dopo con la rettifica pubblicata in Gazzetta Ufficiale. Il governo giallo-rosso modifica l’articolo 112 del Decreto Rilancio e si legge “nella rubrica le parole: «e comuni dichiarati zona rossa» sono soppresse” così come vengono soppresse dallo stesso articolo le parole «nonché i comuni dichiarati zona rossa, sulla base di provvedimenti statali o regionali, entro il 3 maggio 2020 per almeno trenta giorni consecutivi, ….» “Una vergogna senza precedenti, - commenta duro l’on Iannone - un Governo di una cialtroneria mai vista prima. I Cittadini di questi comuni hanno vissuto un’esperienza devastante ed ora il Governo li abbandona. Cosa dicono il Governatore De Luca e i parlamentari campani di PD, 5 stelle, Leu ed Italia Viva? Non si vergognano di sostenere questa esperienza di governo? – e annuncia - Quando il provvedimento sarà al Governo presenterò un emendamento per richiedere la pronta ammissione di questi Comuni, non accetto che i Campani vengano discriminati”.

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.