Attualità

Il sindaco e il parroco di Monte San Giacomo, Raffaele Accetta e don Agnello Forte, nelle ultime ore si sono ritrovati al centro di una bufera social per un momento religioso tenutosi al Santuario di Sant'Anna da dove c'è stata la benedizione del paese.

É stato il numero di persone presenti che è parso eccessivo rispetto alle norme contro il coronavirus che vietano gli assembramenti e rispetto anche alle disposizioni della CEI che vietano le messe con concorso di popolo.

L'evento "incriminato" è stato trasmesso in diretta e il video mostra che all'interno della chiesa  per l'adorazione eucaristica c'erano il parroco e il sagrestano ministrante, il primo cittadino con indosso la fascia tricolore, l'organista e il cameraman. Tra i banchi altre tre persone. Di cui - ha spiegato il parroco - una è la custode e l'altro un secondo ministrante che il parroco stesso non ha voluto vicino all'altare proprio per assicurare le distanze prescritte. Rispettate da tutti i presenti, ognuno munito di dpi.

Tutto si è svolto secondo le norme, assicurano sia don Agnello che il sindaco Accetta. Che si dicono sereni e si rifanno agli orientamenti per la Settimana Santa stabiliti dalla CEI insieme con la Presidenza del Consiglio dei Ministri secondo cui "per garantire un minimo di dignità alla celebrazione, accanto al celebrante sia assicurata la partecipazione di un diacono, di chi serve all’altare, oltre che di un lettore, un cantore, un organista ed, eventualmente, due operatori per la trasmissione. Ferma restando l’obbligatorietà che siano rispettate le misure sanitarie, a partire dalla distanza fisica".

Raffaele Accetta chiarisce la sua presenza al momento religioso: "Previo invito del parroco ero lì a rappresentare l'intera comunità indossando la fascia come avviene in occasione del Corpus Domini. Il tutto - garantisce - è avvenuto nel rispetto delle norme".

Rosa ROMANO

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.