Attualità

Un piccolo gesto ma dal grande, anzi grandissimo significato, soprattutto per il brutto periodo che l’Italia e il Vallo di Diano sta attraversando per il diffondersi del Coronavirus. Da San Pietro al Tanagro arriva un bellissimo messaggio di speranza che viene lanciato da un privato cittadino Pasquale Cardiello collaboratore del comune che con mascherina e arnesi da lavoro, ha deciso di occupare queste giornate di chiusura forzata dedicandosi al suo paese. E così, dopo un grande lavoro solitario, lungo Via Secchio in C.da Torre, sono riapparsi gli alberi che mancavano da tantissimo tempo.

Una iniziativa che era già stata preventivata ma che, per mancanza di tempo, non era stato possibile realizzare. Ecco quindi che Pasquale Cardiello, in questo periodo di fermo delle attività anche pubbliche, ha deciso di occuparsi di quel progetto con la messa a dimora di nuovi alberi. Un lavoro che, già diversi mesi fa e prima della crisi dovuta al diffondersi del virus, era astato avviato lungo altre arterie comunale. Tre i generi di piante che sono state messe a dimora a San Pietro al Tanagro, si tratta di Albizie, piante originarie della zone tropicali come Africa, Asia e Australia, la Tamerice originaria di zone sabbiose della Europa Meridionale, dell’India e della Cina e la Cercis Siliquastrum pianta orientale nota anche come Albero di Giuda o della Giudea.

Tre alberi che portano anche i fiori e che coloreranno le strade del comune. Una bella iniziativa che acquista maggior valore in questo periodo particolarmente triste per il comprensorio valdianese, duramente colpito dai contagi del virus e che, Antonio Pagliarulo, ha voluto mettere in evidenza anche al fine di diffondere su tutto il territorio la speranza di ripresa che la messa a dimora degli alberi regala.

“Piantare alberi – scrive Pagliarulo - nella semplicità del suo gesto, è uno degli atti più simbolici e ricchi di speranza che si possano, a mio avviso, immaginare. Significa mettere radici, saper aspettare, vivere nel ritmo della natura e contribuire al futuro della Terra. Grazie Pasquale  Cardiello”.

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.