Attualità

Primo passo a difesa delle coltivazioni agricole da danni provocati dai cinghiali. La giunta regionale della Campania pare abbia dato il via libera alla proposta del Centro di Riferimento Regionale per l'igiene Urbana e Veterinaria finalizzata ad autorizzare la caccia al cinghiale in aree specifiche che saranno stabilite dall'Ambito Territoriale di Caccia. Una notizia che accolta con favore e commentata positivamente dal sindaco di Sanza Vittorio Esposito che, nei mesi scorsi, si era fatto portavoce degli agricoltori che avevano visto i loro raccolti completamente distrutti dagli ungulati arrivati fin nei pressi dei centro abitato.

La problematica sollevata dal sindaco Esposito aveva raccolto successivamente anche l'appoggio di numerosi altri sindaci oltre che esponenti politici del territorio. Ora si registra anche un passo avanti della Regione Campania che, con delibera di giunta, nella serata di ieri ha dato il via libera alla proposta del CRIUV che propone un programma di Prelievo selettivo del cinghiale nelle aree non vocate della Regione Campania. Una proposta che ha ricevuto l'ok anche dall'istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale. Secondo quanto emerge la proposta prevede praticamente la possibilità di poter cacciare i cinghiali durante tutto l'anno con metodi selettivi in aree che saranno individuate dagli Ambiti Territoriali di Caccia. Un progetto che potrà così essere utile ad arginare il proliferare degli ungulati in determinati territorio e che provocano ingenti danni alle coltivazioni.

“Un’ottima notizia, - commenta Vittorio Esposito . che dimostra ancora una volta l'attenzione della Regione Campania e del governatore De Luca, verso le problematiche manifestate dai territori delle aree interne. Era l’unica soluzione possibile, – ha aggiunto il sindaco Esposito –l’apertura della caccia tutto l’anno, per arginare l’emergenza causata dal proliferare degli ungulati.  Ora che la caccia al cinghiale sarà consentita tutto l’anno nelle aree individuate dagli Ambiti Territoriali di Caccia (ATC), con metodi selettivi, siamo certi che nel breve periodo riusciremo a mettere sotto controllo il problema. Alle chiacchiere -Dichiara in conclusione -  che hanno fatto in tanti sull’argomento, l’unica vera risposta è arrivata dalla Regione”  

 

Anna Maria CAVA 

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.