Attualità

L'impianto di Polla necessita di lavori preparatori prima di poter essere utilizzato per lo stoccaggio dei rifiuti. Sulla base della relazione presentata dai tecnici di Ecoambiente che nei giorni scorsi hanno effettuato il sopralluogo sul sito della zona industriale pollese, il presidente della provincia di Salerno, Michele Strianese, emette nuova ordinanza per lo stoccaggio delle 2000 tonnellate di rifiuti presso lo Stir di Battipaglia. Come aveva preventivato quindi il sindaco di Polla Rocco Giuliano, le condizioni non proprio ottimali del sito non consentono l'immediato trasferimento dei rifiuti di tipo FUTA presso l'impianto ex Ergon.

Una prima vittoria per la comunità che esulta all'emissione dell'ordinanza datata 10 settembre con cui il presidente ha disposto "per un periodo non superiore a 180 giorni, l'esercizio speciale per lo stoccaggio temporaneo del FUTA presso l'impianto del Trattamento Meccanico Biologico di Battipaglia all'interno del Capannone Post Raffinazione. Secondo quanto riportato del documento, la decisione è stata assunta anche sulla base dell'esito di due sopralluoghi presso lo stir effettuati dai tecnici dell'ARPAC che, in un primo momento avevano riscontrato criticità, poi pare risolte da Ecoambiente e, a seguito di un secondo sopralluogo, i tecnici, rilasciando parere favorevole allo stoccaggio hanno però richiesto l'istallazione di un sistema di aspirazione per assicurare il ricambio d'aria con trattamento delle emissioni, l'effettuazione di interventi per eliminare criticità sulla pannellatura esterna del capannone e il rispetto di un quantitativo di rifiuti che in altezza non superi i tre metri e la costituzione di cumuli adeguatamente distanziati.

L'emissione dell'ordinanza è giustificata dalla necessità di attendere l'espletamento dell'intero iter burocratico per il trasferimento in Austria di 14 mila tonnellate di rifiuti e in considerazione della relazione di EcoAmbiente all'esito del sopralluogo presso il sito dell'ex Ergon che, si legge sul documento "ha evidenziato l'impossibilità ad accedere all'impianto per l'esecuzione dei necessari lavori di manutenzione preparatori dello stoccaggio della frazione rifiuti, a causa della mancata definizione della disponibilità dell'impianto.  Esulta quindi il sindaco di Polla che si dice soddisfatto della presa di coscienza del presidente della Provincia.

Anna Maria CAVA

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.