Attualità

Un bonus in grado di “azzerare totalmente le rette degli asili-nido e micro-nidi” è il primo intervento con cui Giuseppe Conte vuole far partire il proprio mandato. Lodevole ma che potrebbe essere l’ennesima beffa per il Sud.

L'Italia è in forte ritardo rispetto all'obiettivo europeo di offrire un posto almeno al 33% dei piccoli sotto i tre anni. Siamo appena al 21,6% tra strutture pubbliche e private, con il Mezzogiorno molto indietro in particolare per la Campania che è fanalino di coda con il 6,7%. Se quindi gli asili nido sono soprattutto al Centronord va da sè che il bonus prenderà quella strada. Stando ai calcoli dell’Istat il bonus per il 94% andrà al Nord. Conte ha anche detto di voler riequilibrare la situazione a favore dei territori dove il servizio è carente. Il bonus intanto è facile da organizzare, ampliare l'offerta di servizi è un tantino più complicato. Quindi per il Sud siamo alle solite promesse.

Se poi si tocca il tema delle risorse con cui coprire il coprire il bonus e, eventualmente, costruire i nidi dove mancano, si apre un’altra questione. Come riporta IlMattino un fondo a cui attingere già c’è e affonda le radici nella c.d. Buona Scuola (decreto legislativo 65 del 2017 sulla «Istituzione del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita sino a sei anni). I soldi, a partire dal 2017, sono stati distribuiti alle Regioni ma le storture non sono mancate e, manco a dirlo, hanno penalizzato il Sud. A fine 2017 infatti l'allora ministro Valeria Fedeli firmò un riparto che aveva come parametro principale il numero di bambini iscritti ai nidi e che quindi favoriva i territori con più servizi. Alla fine il fondo per costruire asili nido dove mancavano si è trasformato in un premio per chi li asili li aveva già.

Rosa ROMANO

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.