Attualità

Rivedere il ruolo delle Province per un futuro che sia anche capace di rafforzare il rapporto tra istituzioni e cittadino e per un miglioramento dei servizi offerti dalla Comunità. Nei giorni scorsi a Roma l'UPI (Unione Province d'Italia) si è riunita in un convegno sul tema "Le Province oggi e domani" nel corso del quale sono stati presentati i dati del dossier relativo al funzionamento degli enti provinciali dopo la riforma Del Rio e la presentazione di un documento inviato a tutti i sindaci e presidenti di provincia da sottoscrivere per chiedere a Governo e Parlamento di rivedere il ruolo degli enti provinciali con una maggiore assegnazione di risorse economiche per supportare gli enti locali nelle materie di primario interesse per la collettività come scuole e viabilità.

All'incontro a Roma anche il consigliere provinciale di Salerno Giuseppe Ruberto che, con una nota stampa, ha spiegato i punti salienti dell'incontro a cui erano presenti diversi esponenti del governo, invitando i sindaci a sottoscrivere la proposta presentata dal presidente dell'UPI Michele De Pascale. "I dati illustrati dall'UPI, - ha spiegato Ruberto - hanno evidenziato il fallimento di una riforma che, togliendo centralità alle Province, si poneva come obiettivo di raggiungere un ragguardevole risparmio economico per le casse dello Stato. Ciò non è avvenuto - rimarca Ruberto - e l'unico risultato ottenuto è stato quello di frenare la capacità di spesa e di utilizzo dei fondi e di togliere la rappresentatività alle comunità". Durante l'incontro è infatti emerso come la legge ha portato ad un risparmio decisamente irrisorio di circa 26 centesimi a cittadino mentre, come rimarcato dal sottosegretario al ministero dell'Interno il leghista Stefano Candiani, presente all'incontro dell'UPI, per ciò che riguarda l'utilizzo dei fondi è emerso che, l'indebolimento delle province ha tolto un ente intermedio necessario per la realizzazione di investimenti con i fondi che, in questa situazione, restano invece inutilizzati.

"Le Province - continua Giuseppe Ruberto - per le funzioni loro assegnate e per la collocazione nel quadro istituzionale di governo locale, vanno considerate come istituzioni della promozione degli investimenti sul territorio, che siano diretti o di assistenza ai Comuni, in particolare in tema di viabilità ed edilizia scolastica. Occorre un cambio di passo - sottolinea ancora il consigliere provinciale Ruberto - ed è necessario che la Provincia torni ad essere istituzione garante dei cittadini, attraverso un sistema di elezione diretta dei rappresentanti provinciali con organi politici pienamente riconosciuti e legittimati, rispetto all'attuale sistema di elezione di secondo livello caratterizzato da una serie di anomalie".

Anna Maria CAVA

 

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.