Attualità

Il primo passo importante è stato fatto. Un altro riconoscimento per un’eccellenza gastronomica del Sud Italia. E’ arrivato, infatti, il via libera ufficiale alla indicazione geografica protetta (Igp) "Olio Lucano", un marchio di origine valido su tutto il territorio della regionale.

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il parere favorevole espresso dal Ministero per le politiche agricole alimentari forestali ed il turismo sulla proposta di riconoscimento. Per la Basilicata si tratta del diciottesimo prodotto a marchio. La proposta e il disciplinare di produzione sono stati presentati dall'associazione Igp “Olio Lucano'', con il parere positivo della Regione. Il Dipartimento Politiche Agricole e Forestali lucano sottolinea che il via libera ministeriale ''è frutto di un grande lavoro di collaborazione della comunità olivicola lucana tutta con le istituzioni competenti, quali l’Alsia (Agenzia lucana per lo sviluppo e l'innovazione in agricoltura) e la Regione Basilicata''.

Va precisato come il disciplinare include tutte le varietà di olive regionali autoctone e non, con la zona di produzione che riguarda tutta la Basilicata. La Lucania è grande produttrice del prodotto, visto che registra l'1,4% dell'olio italiano offerto sulle tavole del Paese; sono 27 le varietà autoctone distribuite su 28mila ettari di territorio. Ora, per la definitiva consacrazione, occorre avviare il percorso di riconoscimento comunitario.

Federico D’ALESSIO

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.