Attualità

A partire da oggi i giocattoli antichi e la tradizione della calza saranno protagonisti a Salerno grazie anche al supporto della Banca Monte Pruno che sarà a fianco dei promotori della mostra “Un secolo nella calza – Mostra di giocattoli d’epoca” che a partire da questa sera accompagnerà e arricchirà la kermesse natalizia Luci d'Artista di Salerno. L'esposizione è stata realizzata dall'associazione Kukkugaie - Donne per la Cultura in collaborazione con Provincia di Salerno e il Comune di Salerno e grazie al contributo fondamentale di numerosi collezionisti che hanno consentito di portare presso al Pinacpoteca di Via dei Mercanti e presso il Museo Archeologico la mostra di giocattoli di epoca antica che vanno dai primi anni del novecento al 1960.

La mostra, quindi, si sviluppa in un percorso tematico e cronologico con i giocattoli che, in apposite vetrine,saranno suddivisi per tipologie dal gioco per bambine al giocattolo di latta meccanico. Sarà inoltre possibile ammirare anche motociclette in molteplici affascinanti versioni e ancora per gli aeroplani, biplani anteguerra e i dirigibili ed una lunga e inesauribile serie di giocattoli che hanno accompagnato la storia di nonni e bisnonni dei genitori di oggi.

“Con grande partecipazione – ha evidenziato il Direttore Generale della Banca Monte Pruno Michele Albanese – siamo partner di questo progetto culturale che ha creato tante aspettative e curiosità a Salerno. Erano diversi anni che non si riusciva ad organizzare questa mostra e siamo felici di aver contribuito alla realizzazione di essa. Un grazie particolare va al dott. Michelangelo Russo, grande collezionista ed appassionato di giocattoli d’epoca, il quale ha proposto questa iniziativa alla nostra Banca al fine di riportare in vita, nonostante le tante difficoltà organizzative, questa mostra a Salerno. L’auspicio che tanti possano visitare questa mostra, soprattutto, i nostri bambini, in quanto, consente a loro di comprendere meglio l’importanza dei giocattoli, nonché può anche far capire che non sono esistiti solamente gli attuali videogames”.

Anna Maria CAVA

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.