Attualità

Attualità

I residenti di Licinella di Capaccio Paestum dicono no all’installazione di una seconda antenna telefonica nella zona. Il residente nonché ex consigliere comunale, Maurizio Paolillo, esprime tutta la sua preoccupazione

Attualità

Si è svolta ieri a Tortorella, una intera giornata dedicata all’ambiente e alla pulizia del borgo: una giornata ecologica per sensibilizzare al rispetto per l’ambiente e trascorrere delle ore insieme, promossa con il sostegno della BCC di Buonabitacolo, sempre attenta al benessere del territorio. Un evento che non è certamente una novità nel borgo dell’entroterra cilentano, guidato dal sindaco Nicola Tancredi, dove l’attenzione e il rispetto per l’ambiente sembra essere nel dna dei suoi abitanti.

Il Comune infatti non è soltanto il più riciclone della Campania, secondo i dati Legambiente, da molte edizioni, ma è anche tra i più puliti del territorio, in quanto libero da rifiuti. Da poche settimane inoltre è stata installata una compostiera di comunità che ridurrà notevolmente la produzione di organici. Il compost, prodotto dalla compostiera, potrà poi essere utilizzato dalla popolazione. Ma la vera novità del piccolo borgo salernitano è che quest’anno la giornata ecologica, organizzata fin dal 2001, compie diciotto anni. Per questo l’amministrazione comunale ha deciso di abbinare all’iniziativa ambientale anche una serata di canti, balli e convivialità, che si è svolta ieri sera alla presenza di tanti cittadini e turisti.

La giornata, organizzata per pulire le strade comunali, è iniziata ieri mattina presto, alle 8:30 con il raduno in piazza Scipione Rovito. Dopo i lavori di pulizia tutti i partecipanti si sono ritrovati per il pranzo in località Capitino. La serata musicale si è svolta sempre in piazza Scipione Rovito, dalle 21:00. L’evento, quest’anno, è stato inoltre contrassegnato dal marchio plastic free, ed è stato organizzato dal Comune di Tortorella, con il patrocinio dell’Ente Parco e la BCC di Buonabitacolo.


Antonella D'ALTO

 

Attualità

Torna per il secondo anno consecutivo ad Atena Lucana il Laboratorio Residenza internazionale “In Cerca dell'Attore Antico per un Teatro Moderno” nell'ambito delle attività del progetto pluriennale del Teatro Simurgh “Per un'Arte Vivente a Contatto con la Comunità”. La residenza ha preso il via ieri e proseguirà fino al 31 agosto, prodotta dall'Amministrazione Comunale di Atena Lucana in collaborazione con l'associazione “Leel – Liberiamo Energie che Liberano”.

Vi prendono parte 26 artisti tra attori, danzatori, cantanti e musicisti, provenienti da Bolivia, Camerun, Costa d'Avorio, Francia, Gambia, India, Italia, Nigeria, Polonia, Siria. Un gruppo di artisti multietnico e multilingue che per due settimane interagirà umanamente e culturalmente con la comunità dei residenti e dei turisti di Atena Lucana. Il lavoro di Ricerca e Creazione Teatrale è diretto da Fiore Zulli con il coordinamento generale di Carla Robertson, entrambi artisti fondatori della compagnia Teatro Simurgh. Lo scopo del laboratorio è quello di creare una fucina in cui diverse tradizioni si incontrano e si fondono per dare vita a una nuova tradizione, a nuovi linguaggi che possano trasmettere un’esperienza di conoscenza viva della realtà vissuta e condivisa nel momento presente.

La residenza si concluderà il 31 agosto con la messinscena di un montaggio di materiali creati dal gruppo dei partecipanti nel corso delle due settimane di laboratorio. Lo spettacolo, dal titolo “COMUNCANTO”, dai vocaboli comunità e canto, rifletterà su alcuni aspetti della società contemporanea attraverso la fusione armonica di linguaggi quali la musica, la parola, il canto, la danza e le maschere tradizionali di diverse culture del mondo.


Antonella D'ALTO

Attualità


Attraverso l'approvazione dello schema di convenzione professionale per la realizzazione dei progetto esecutivo, entrano nel vivo le attività di interventi previsti dall'amministrazione comunale di Ispani per la messa in sicurezza del litorale e della strada che affaccia sulla costa di Capitello.

Sul sito del comune guidato da Marilinda Martino, infatti, è stata pubblicata la delibera di giunta che relativa all'autorizzazione della stipula dell'atto di convenzione professionale per il progetto esecutivo finalizzato, oltre che alla protezione del litorale, anche alla mitigazione dei fenomeni dell'erosione costiera. Oltre 226 mila euro i fondi a disposizione del Comune per la realizzazione del progetto, come da decreto del commissario per la difesa del suolo della Regione Campania.

I lavori che saranno effettuati, rientrano in un più ampio progetto finanziato a seguito approvazione del decreto dirigenziale n. 115 del 18 dicembre scorso che prevede lavori per un importo complessivo di oltre 1 milione e 800 mila euro. Il comune di Ispani si sta quindi attivando contro il fenomeno dell'erosine costiera che preoccupa notevolmente i comuni del Golfo di Policastro tanto da chiedere, nelle scorse settimane, l'istituzione di un tavolo tecnico proprio per affrontare l'emergenza.

Un'emergenza che, peraltro, vedrebbe tra i comuni maggiormente a rischio Vibonati e la fascia costiera di Villammare. Durante il primo incontro avvenuto presso la sede della Provincia di Salerno, infatti, il sindaco Franco Brusco aveva puntato il dito sui lavori effettuati in primis a Policastro Bussentino, come principali responsabili dell'erosione costiera registratasi in maniera determinante e Vibonati.

Il comune di Ispani si attiva per frenare il fenomeno grazie al finanziamento e, a breve, dovrebbero anche partire i lavori.

 

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.