Attualità

Attualità

La trasformazione dei melanociti, ossia delle cellule che costituiscono la pelle provocano il melanoma un tumore cutaneo che può essdere molto aggressivo e che colpisce non solo la pelle ma anche gli occhi e le mucose.

Come tutte le patologie tumorali, la prevenzione e i controlli specifici possono rivelarsi la cura più efficace per la ssalute. Ecco quindi che l'associazione Sapienza Onlus presieduta da Pasquale Citera, insieme al consigliere comunale Antonio Citera, dedicano una giornata proprio alla prevenzione del Melanoma grazie all'arrivo, presso il Poliambulatorio di Sanza della Dott.ssa Eugenia Vreronica Di Brizzi Medico Chirurgo Dermatologo che, sabato prossimo 29 febbraio sarà presso il Poliambulatorio per effettuare controlli gratuiti dei nei da cui può poi scaturire il melanoma.

È proprio la modifica nella forma e nei colori dei nei, o meglio definiti in termini medici nevi, che si può sviluppare il melanoma  ossia il cancro della cute in continua aumento negli ultimi decenni. La prevenzione e i controlli continui dello state dei Nei può essere fondamentale anche per verificare se vi siano situazioni che richiedono un attento monitoraggio della condizione. Per far si che i cittadini sanzesi possano effettuare i controlli del loro stato di salute, senza dover percorrere lunghi tragitti e infinite liste d'attesa, l'associazione Sapienza con il consigliere delegato alla Salute Antonio Citera, si sono attivati per far si che un esperto dermatologo possa giungere a Sanza per consentire alla comunità di verificare lo stato di salute dei suoi nei.

Un'iniziativa che ha trovato l'immediato supporto della Dott.ssa Di Brizzi, che ha accettato l'invito degli organizzatori mettendosi a disposizione per l'effettuazione dei controlli. L'appuntamento è previsto per sabato prossimo, 29 febbraio presso il Poliambutlatorio di Via Fontana Vecchia dove la dott.rre Eugenia Veronica Bi Brizzi, sarà a disposizione della comunità a partire dalle ore 8,30 del mattinio.

Anna Maria CAVA

Attualità

Buone notizie per i lavoratori Treofan di Battipaglia. Accordo raggiunto tra il Gruppo Jindal e la Jcoplastic che acquista lo stabilimento battipagliese. L'intesa prevede la riconversione della produzione e la salvaguardia dei posti di lavoro.

 

Attualità

Ai nastri di partenza i lavori per la messa in sicurezza del Fiume Tanagro. Ad annunciarlo il presidente del Consorzio di Bonifica Vallo di Diano-Tanagro Benimino Curcio che sottolinea come l'inizio ufficiale delle opere da realizzarsi sul primo tronco del tratto di Fiume che dal centro abitato di Polla conduce fino a Ponte Polio, è previsto per lunedì prossimo 24 febbraio.

Dopo l'incontro svoltosi lo scorso lunedì 17 febbraio con il consiglio dei delegati che, all'unanimità, ha dato l'assenso all'inizio delle attività per l'effettuazione dei lavori di manutenzione tra i quali erano anche previste le opere che il consorzio dovrà realizzare a seguito della convenzione sottoscritta con Campania Ambiente, si può finalmente procedere con la parte attuativa dell'accordo sottoscritto lo scorso 5 febbraio e procedere alla realizzazione dei lavori sul primo tronco. Secondo quanto spiegato dal Presidente Curcio, l'ente consortile da lui presieduto interverrà con mezzi ed operai propri per i lavori di decespugliamento meccanico.

"Abbiamo voluto accogliere questa sfida e questa opportunità, - sottolinea Beniamino Curcio - convinti che il Consorzio per le sue prerogative e per la sua storia, a prescindere dalle competenze, sia chiamato a svolgere un ruolo di primo piano nel mantenere in efficienza il Fiume Calore-Tanagro. Un doveroso ringraziamento al Consiglio dei Delegati che ha voluto condividere con la Presidenza tale iniziativa ed un doveroso ringraziamento alla Regione, in particolar modo all’Assessore Corrado Matera, che ha consentito il raggiungimento di questo importante risultato che vede il Consorzio protagonista dell’iniziativa".

I lavori di manutenzione approvati dal Consiglio dei delegati lunedì scorso riguardano anche l'esercizio di irrigazione 2020 nelle more dell'approvazione del bilancio.

Anna Maria CAVA

Attualità

Lo scorso novembre è arrivata la delibera per la messa in liquidazione del Consorzio Centro Sportivo Meridionale. Una decisione dovuta al mancato rispetto del pagamento delle quote consortili da parte della maggioranza dei Comuni soci fondatori con conseguente accumulo di debiti.

Per poter procedere alla messa in liquidazione dell'ente è necessario l'approvazione in assemblea a maggioranza dei soci fondatori. Che però non hanno là potere decisionale per effetto del mancato versamento delle quote consortili. È stata quindi approvata una modifica allo statuto per far sì che si possa procedere mediate delibere di consiglio comunale. E così si sta facendo.

L'amministrazione comunale di Polla ha votato a favore proponendo la nomina di un commissario liquidatore e un Comitato di indirizzo formato dai rappresentanti dei soci fondatori, così come San Pietro al Tanagro e Caggiano. Sono i tre Enti in regola con i pagamenti e anche gli unici ad avere potere decisionale in consiglio e in assemblea. Mentre di recente hanno detto no Auletta, Corleto Monforte, Monte San Giacomo e Petina. A San Rufo se ne discuterà nel prossimo consiglio comunale del 26 febbraio.

La proposta di messa in liquidazione dell’Ente ha preoccupato innanzitutto per le ricadute negative sul mantenimento degli impianti sportivi. A tal proposito, nella legge di bilancio regionale lo scorso dicembre è stato inserito un maxiemendamento per lo stanziamento di 300mila euro, per l'annualità 2020, a favore del Consorzio Centro Sportivo Meridionale "di garantire i livelli occupazionali, l'erogazione dei servizi della attività sportive, il fabbisogno energetico e i costi di gestione del Museo dello Sport".

Rosa ROMANO

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.