Attualità

Attualità

I referenti territoriali dI CGIL, CISL, UIL, FIALS e il Comitato CURO chiedono un incontro urgente per discutere le problematiche della sanità locale. Allarmanti definiscono, in particolare, le condizioni in cui versano i reparti di Neurologia e Fisiopatologia Respiratoria del Luigi Curto.

Scrivono al rappresentante territoriale della Conferenza dei Sindaci ASL Salerno; al Presidente della Conferenza del Distretto n. 72; Presidente della Comunità Montana “Vallo di Diano”; Segreterie Provinciali dei sindacati.

"Neurologia - scrivono - a causa dell’imminente pensionamento del Direttore è rimasta  con un solo Dirigente Medico e nonostante la procedura concorsuale in atto ancora non ne vede assegnati un numero sufficiente; Fisiopatologia sconta una cronica mancanza di personale infatti da tempo vi opera un solo Dirigente Medico Responsabile, costretto a sospendere le attività nei periodi di congedo. D’altra parte - sottolineo - in tutte le unità operative l’attività si svolge con grave carenza di medici ed in precarie condizioni organizzative. Per l’emergenza COVID 19 sono state rinviate sia le prestazioni ambulatoriali che quelle chirurgiche non urgenti che è prioritario recuperare. L’ultimo esempio di tale disfunzione è avvenuto a Ortopedia e Traumatologia e si è risolto ricorrendo ad un trasferimento fuori regione per l’impossibilità di operare un paziente affetto da frattura del femore nei tempi richiesti da tale intervento".

"Nonostante  - concludono - ormai si parli da tempo di attivare la Medicina Territoriale in questo Distretto si è realizzato molto poco nell’assistenza alle fasce deboli (anziani, malati cronici, ecc.). A tal proposito, vogliamo segnalare la mancata riqualificazione e riorganizzazione delle Strutture Territoriali presenti tra cui quella di Sant’Arsenio indispensabile alla realizzazione delle attività programmate e deliberate dall’Asl di Salerno".

Auspicano un incontro perché alla Direzione Strategica dell’ASL e ai referenti regionali competenti arrivino le proposte per una rapida soluzione delle carenze sanitarie del Vallo di Diano.

CGIL FP Pasquale Addesso Andrea Annunziata Giuseppe Monzillo

FIALS Salvatore di Candia Marmo Mario Carimando Saverio

UIL FP Giuseppe Procaccio Antonio Mastrangelo

Coordinamento SPI Vallo di Diano CISL FP Orlando Ippolito

Comitato CURO Lucia Lupo Teresa Calvino

Attualità

Nuove disposizione a Vibonati che vanno incontro alle necessità dei proprietari di cani ed allo stesso tempo a tutela dell'ambiente e del decoro urbano. Con Avviso pubblico dello scorso 6 agosto, l'amministrazione comunale guidata dal sindaco Franco Brusco, ha annunciato la prossima istallazione, su tutto il territorio comunale di appositi contenitori dove potranno essere conferiti gli involucri contenenti le deiezioni canine. Ma non è tutto. Secondo quanto riportato nell'avviso, l'amministrazione comunale metterà a disposizione degli utenti anche sacchetti utilizzabili appositamente per la raccolta delle deiezioni dei propri cani.

I sacchetti saranno ritirabili gratuitamente presso la sede comunale ed in particolare presso l'Aula Consiliare nel centro storico di Vibonati e presso l'ufficio Anagrafe della frazione di Villammare, dalle ore 10,00 alle ore 12,00 del mattino. Una nuova e interessante iniziativa per sensibilizzare la comunità a tutelare il decoro urbano e quindi a mantenere pulito l'intero territorio, rispettando allo stesso tempo le esigenze degli animali domestici e dei propri padroni. Piccoli e veloci gesti che sono però utili a tutelare la propria città e ad avere rispetto per l'intera comunità. L'istallazione poi dei contenitori per le deiezioni canine si rivela un utilissimo spporto ai proprietari di cani che troppe volte, pur rispettando le norme a tutela del decoro urbano e della pulizia dell'ambiente, si ritrovano in difficoltà al momento di buttare via gli escrementi raccolti vista l'impossibilità ad individuare contenitori idonei sul territorio.

Ecco quindi che, in questi giorni, a Vibonati iniziano ad apparire contenitori blu appositamente istallati per la raccolta delle deiezioni canine. "L’iniziativa - fanno sapere dall'amministrazione comunale - rientra nell’ambito di una strategia per debellare il triste fenomeno dell’abbandono delle deiezioni canine sul suolo pubblico che è causa di problemi igienico -sanitario. Dal 9 luglio - sottolineano - è vigore un’ordinanza che prevede sanzioni, Da 25,00 a 500,00, per i proprietari dei cani sprovvisti di idonea attrezzatura e per la mancata rimozione".

Anna Maria CAVA

Attualità

Un protocollo di intesa è stato siglato tra il Comune di Teggiano e la Guardia di Finanza di Sala Consilina per il controllo delle autocertificazioni presentate per i “buoni spesa” erogati alle famiglie bisognose che ne hanno fatto richiesta durante il periodo più intenso dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. Lo scopo dell’Amministrazione comunale, con questo protocollo approvato con una delibera di giunta, è quello di realizzare una efficace azione di controllo sulla veridicità delle informazioni contenute nelle dichiarazioni sostitutive presentate dai cittadini ai fini dell’ottenimento dei buoni spesa.

Un’intesa necessaria dunque, dal momento che il controllo sostanziale, si specifica nella delibera, della posizione economica dei beneficiari dei buoni spesa, e non solo formale fatta attualmente d’ufficio, può essere eseguito solo in collaborazione con la Guardia di Finanza. Il Comune di Teggiano, in piena emergenza, ha infatti previsto l’erogazione dei buoni spesa utilizzabili per l’acquisto di generi alimentari presso gli esercizi commerciali locali e ha previsto anche l’erogazione di un bonus economico “una tantum” alle microimprese artigianali e commerciali, con sede nel territorio comunale, alle fasce più deboli della popolazione residente e ai nuclei familiari del Comune maggiormente esposti allo stato di disagio economico. Per l’ottenimento dei buoni spesa era sufficiente presentare la domanda con una autocertificazione, per cui ora partiranno i controlli realizzati in collaborazione con la Guardia di Finanza per accertare che i buoni siano andati alle famiglie realmente bisognose.

Antonella D'ALTO

Attualità

“Giù le mani dalla costa” è quanto c'era scritto su uno striscione di Legambiente che ha fatto un blitz sulla Spiaggia di Santa Teresa a Salerno per dire no al cemento illegale da decenni nemico del mare e delle coste campane.

TvOGGI

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.