Attualità

Attualità

Continua a tenere banco la questione dell'Alta Velocità Salerno-Reggio Calabria. Un progetto atteso e su cui si punta fortemente per dare slancio a territorio che sono spesso stati tenuti ai margini in materia di collegamenti, in particolare ferroviari. Il progetto a cui sta lavorando Rete Ferroviaria Italiana è ora oggetto di interventi della politica con chiarimenti che arrivano da parte di chi si è sempre battuto per portare l'alta velocità in Calabria con il fine ultimo e primario di ridurre i tempi di percorrenza tra Reggio Calabria e Roma e avvicinare così l'estremo sud della penisola al centro e al Nord ed altri interventi che invece parlano della realizzazione della stazione.

Ad illustrare il progetto l'on. Vincenza Bruno Bossio che, partecipando ad una webinar, ha evidenziato come, al progetto iniziale è sopravvenuto un cambiamento nella realizzazione dei lotti che ha portato, per il momento, alla cancellazione del tratto Salerno-Battipaglia, puntando invece sui due lotti del Battipaglia-Praja, che attraversa il Vallo di Diano e, come secondo lotto il Praja-Tarsia. Altra notizia diffusa dall'On. BrunoBossio, il recupero di ulteriori somme, e precisamente circa 9 miliardi di euro, per la realizzazione dell'Alta Velocità Salerno Reggio-Calabria.

A presenziare alla webinar anche Giuseppe Verga, membro del comitato per la riattivazione della Sicignano-Lagonegro che ha illustrato quali sono i vantaggi per il territorio ma anche le necessità derivanti anche dalla realizzazione di una interconnessione con l'alta velocità ribadendo la necessità della stazione. Su questo tema sono arrivate nuove rassicurazioni anche dall'on. Bruno Bossio che ha sottolineato come, nel progetto di RFI sia stata ipotizzata una stazione nel Vallo di Diano. Questo tema è stato affrontato anche nel salernitano quando, nella mattinata di ieri in un incontro promosso da Confindustria, a cui ha partecipato in collegamento video, anche il Ministro per il Sud Carfagna.

Nel suo intervento il ministro ha dichiarato che starebbero lavorando per ottenere una stazione tra Sala Consilina e Buonabitacolo. Presente all'incontro L'on. Gigi Casciello che ha tracciato un bilancio sulle opere in programma per il salernitano parlando anche dell'Alta Velocità. "È stato possibile - ha dichiarato Casciello - reperire fondi che non erano disponibili e che eviteranno a opere già in cantiere di rimanere incompiute. Inoltre, in tal modo, è stata anche consentita la realizzazione di altre opere cruciali per il territorio, come l’hub dell’Alta Velocità, che ovviamente resta anche a Battipaglia, tra Vallo di Diano e Cilento”.

Anna Maria CAVA

Attualità

Quanto emerso a seguito operazione Shamar dei carabineiri è stato oggetto di discussione e di approfondimento nel corso del Question Time che si è svolto ieri mattina nella sede del consiglio regionale. L'operazione dei carabinieri  che ha portato, lo scorso 12 aprile ad adottare misure cautelari per diversi soggetti ritenuti responsabili di gestione illecita e smaltimento illecito di rifiuti speciali ritenuti dagli inquirenti altamente pericolosi, ha spinto il consigliere regionale Tommaso Pellegrino a presentare, lo scorso 23 aprile per chiedere l'eventuale stanziamento di risorse economiche per l'effettuazione di un monitoraggio ambientale e analisi specifiche sui terreni interessati e aree limitrofe al fine di rassicurare le comunità che di adoperano nell'attività agricola.

A rispondere la consigliere regionale di Sassano  l'On. Fulvio Bonavitacola assessore regionale all'Ambiente che ha ricordato come, essendoci ancora indagini in corso, è opportuno evitare interferenze nell'attività della magistratura. Inoltre, evidenziando come la competenza su tali temi sia in capo ai comuni ha spiegato che, molto spesso i comuni demandano le azioni alla Regione non avendo le risorse finanziarie necessarie per intervenire.

L'assessore regionale all'Ambiente ha inoltre illustrato quanto sostenuto dall'ARPAC, i cui tecnici sono stati sul posto per sviluppare le prime attività di caratterizzazione, "ha ipotizzato - ha riferito Bonavitacolo - un piano abbastanza articolato con riserva di approfondimento. Le proposte - ha continuato - sono state formulate sulla base di un quadro informativo non ancora ben definito, perché non siamo ancora di fronte alla perimetrazione dei siti interessati". Per ciò che riguarda invece lo stanziamento di risorse per effettuare interventi sulle aree interessate, Bonavitacola ha ricordato che,  trattandosi di somme da destinare fuori dall'ordinario, andrebbero caricate su una provvista finanziaria specifica. E a tal proposito l'assessore regionale ha sottolineato che l'on. Corrado Matera ha già presentato un emendamento al collegato della legge finanziaria per destinare delle risorse alla specifica attività oggetto anche dell'interrogazione".

"Credo - ha riferito in conclusione della risposta - che bisogna avere massimo rigore, massima attenzione però evitare generalizzazioni che possono un danno d'immagine ad un territorio straordinario che non può essere identificato o associato in maniera meccanica a fatti che sono circoscritti e ben delimitati anche nella loro dimensione territoriale. Quindi - l'invito di Bonavitacola - rigore, responsabilità ma non generalizzazione".

Anna Maria CAVA

Attualità

Il Comune di Montesano sulla Marcellana ha deciso di recedere unilateralmente dal corso-concorso RIPAM della Regione Campania.  

Il sindaco Giuseppe Rinaldi spiega i motivi che hanno spinto a revocare l'adesione, avvenuta nel 2018, al progetto di rafforzamento organizzativo degli Enti Locali e delle Pubbliche Amministrazioni Campane. Parla di motivazioni tecniche: il responsabile del progetto che è il segretario comunale vuole - dice il primo cittadino - chiarimenti su alcuni aspetti della procedura quindi è stata avviata una interlocuzione con la Regione. La recente delibera è un primo atto amministrativo per un confronto perché rispetto a come era partito il progetto, anche a causa del covid, ci sono stati diversi cambiamenti. Poi valuteremo il da farsi - spiega Rinaldi - stiamo guardando con molta attenzione al nuovo concorso dei 2800 posti e, con il bilancio che andiamo ad approvare da qui all'11 maggio, credo ci siano possibilità per avviare delle procedure concorsuali a livello comunale".

Il Comune preferisce fare da solo quindi attingendo dal proprio territorio per far fronte alla necessità di nuove figure professionali negli uffici amministrativi. 

"Si ritiene che il rafforzamento della pubblica Amministrazione Locale, in termini di efficacia ed efficienza delle prestazioni dei propri dipendenti - si legge nella delibera - possa conseguirsi tramite un diverso sistema di valorizzazione del territorio che tenga conto della disponibilità diretta del proprio personale, compatibilmente con l’organigramma interno e le risorse finanziarie disponibili. Pur condividendo lo scopo del progetto regionale, si ritiene di poterlo conseguire in maniera migliore e con modalità diverse soprattutto in considerazione che l’intero tirocinio formativo dei candidati si sta svolgendo in smart-working, a causa della pandemia, con un contatto diretto estremamente esiguo".

3 sono al momento i tirocinanti in servizio al Comune di Montesano che al di là delle scelte che si andranno a fare dopo l'interlocuzione tra il segretario comunale e la Regione - assicura il sindaco -concluderanno il tirocinio".

Rosa ROMANO

Attualità

Protestano i lavoratori del centro commerciale La Fabbrica. Hanno inviato una lettera al prefetto e al sindaco per convocare un tavolo con il patron Lettieri: voglio chiarimenti circa la chiusura che mette a rischio il futuro di 27 famiglie.

TvOGGI Salerno

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.