Attualità

Attualità

La nota e bella attrice statunitense Jennifer Lopez sogna di poter un giorno vivere un giorno in un paesino dell'Italia. Un desiderio manifestato durante un'intervista rilasciata al noto periodico Vanity Fair e subito recepito dall'amministrazione comunale di Sanza che invita l'attrice e show girl americana a scegliere proprio il piccolo paesino ai piedi del Cervati per una sua futura scelta di vita lontano dai riflettori. Nella recente intervista Jlo, ha manifestato il desiderio di vivere in Italia, ed in particolare in un piccolo borgo italiano dove poter mangiare pane.

Desiderio manifestato alla domanda del giornalista che le chiede consa vorrebbe fare prima di morire a cui risponde dichiarando: " Mi piacerebbe vivere in un posto fuori dagli Stati Uniti, in un paesino in Italia, oppure dall'altra parte del mondo a Bali. Vorrei iniziare un'altra vita che sia un po' più semplice e organica, andare in bicicletta e comprare il pane, riposare in giardino vicino ad un ulivo". Una descrizione che si avvicina in maniera impressionante alla realtà di Sanza uno scrigno di bellezza del Sud. Il primo cittadino Vittorio Esposito, nell'apprendere la notizia commenta: ""Comprensibile il desiderio della Lopez, - dichiara - come si fa a non desiderare di vivere in uno dei nostri piccoli borghi, dove ancora è possibile incontrare e dialogare con le persone, sedersi su una panchina al tramonto e godersi la bellezza del creato; oppure come ha detto lei stessa, recarsi in bici al forno del paese, godere dei profumi inebrianti del pane appena sfornato e poi fermarsi a chiacchierare con il panettiere. Gesti normali nei nostri borghi, - evidenzia Esposito - spesso li sottovalutiamo noi stessi, ma essenza del buon vivere. Insomma lo spirito di comunità, unito alla bellezza del paesaggio e dell'ambiente.

Piccoli tesori d'arte che ci invidiano nel mondo, le nostre antiche chiesette; poi le tradizioni. Il buon cibo. Mi piace molto il desiderio della Lopez: . Ecco, - dichiara in conclusione Vittorio Esposito - tutto questo ed anche di più la signora Lopez lo può trovare a Sanza, dieci minuti dal mare, a pochi chilometri dalla vetta della Campania, tra natura meravigliosa e paesaggi mozzafiato. Magari se decide di venire ad abitare in Italia, la ospitiamo volentieri a Sanza"

Anna Maria CAVA

 

Attualità

Ieri sera incontro poco partecipato presso il comune di Polla dove l'amministrazione comunale guidata dal sindaco Rocco Giuliano su iniziativa del presidente del Consiglio Giovanni Corleto, aveva invitato i sindaci dei comuni afferenti al Giudice di pace di Polla per proporre uno schema di convenzione finalizzato al rafforzamento delle competenze e della collaborazione in vista dell'entrata in vigore della nuova legge 116/2017 sulla riforma della magistratura onoraria che ridefinisce i ruoli e le competenze degli uffici di giudice di pace, rafforzandone la possibilità di intervento nella attività di giustizia. Una ipotesi che, come spiegato nell'incontro ai referenti dei comuni di Salvitelle e Sant'Arsenio, unici ad aver accettato l'invito, consentirebbe di creare un mini tribunale capace di gestire la maggior parte delle controversie del territorio

Amareggiato per la scarsa partecipazione il sindaco Rocco Giuliano che ha criticato l'atteggiamento di tutti i sindaci del comprensorio invitandoli ad una maggiore collaborazione e condivisione per evitare che vengano meno i servizi.

Anna Maria CAVA

 

 

Attualità

Il Canile comprensoriale sta per decollare, è stata firmata la convenzione con il gestore Diano Project. L’accordo tanto atteso è finalmente arrivato, ieri sera tutti e 15 i Comuni, presso la sede della Comunità Montana Vallo di Diano, hanno detto sì all’intesa e quindi contribuiranno al mantenimento della struttura.

Parteciperanno con complessivi 74mila euro, suddivisi in base ad un criterio che tiene conto di popolazione, estensione e densità: ad esempio, a Sala Consilina tocca tirar fuori 11mila euro circa mentre a Pertosa 900euro. Per i primi 2 anni interviene con una sua quota anche la l’Ente montano con 9 mila euro. Poi c’è il contributo di Asl e CRIUV che ammonta a circa 50mila euro.

Un po’ in più di quanto richiesto inizialmente – spiega il presidente Raffaele Accetta – poiché il canile è pensato come “dinamico” quindi come luogo di transito dei cani e la struttura può essere utile al servizio veterinario dell’Asl per tutta la parte sud della provincia.

Le attività del canile “dinamico” prevedono: la presa in carico da parte dell’Asl, la gestione dell’animale per max 30gg, la collocazione in adozione/reimmissione sul territorio. Dopo un mese, se l’animale non è stato adottato o reimmesso sul territorio, passa nei box di lunga permanenza e a quel punto scatta un’altra tariffa: di 2,90euro al giorno.

Quindi sarà fondamentale la collaborazione con le associazioni per alzare il tasso di adottabilità e la partecipazione di tutti i Comuni al progetto serve a coprire l’intero territorio per non vanificare gli sforzi. Serviranno quindi azioni incisive e coordinante di contrasto al fenomeno del randagismo.

Va detto che vi è un obbligo per tutti i Comuni di dotarsi di un canile, obbligo disatteso per anni dai Comuni del Vallo di Diano che hanno delegato la Comunità Montana alla realizzazione di una struttura comprensoriale. L’Ente montano infatti – come spiegato più volte dal presidente Accetta – si è trovato a dover gestire un progetto senza averne obbligo, competenze e soprattutto risorse. Si è fatto carico di realizzare l’opera, quando non è stato più capace di sostenere il progetto lo ha dato in concessione: una sola impresa ha risposto alla gara. L’opera, di proprietà della Comunità Montana, è stata completata da privati con il project financing. L’attuale gestore se ne occuperà per 20anni (a partire dal 2016).

Rosa ROMANO

Attualità

Nasce, ed è già operativa, la nuova Associazione culturale e turistica operante nei settori culturale, turistico e ricreativo, denominata "Le Tre T del Cervati". La finalità che l’associazione si propone è la promozione sotto ogni forma dello sviluppo culturale, turistico, sociale, naturalistico e sportivo dilettantistico del territorio in chiave sostenibile e responsabile. Particolare attenzione viene riservata alle persone svantaggiate in ragione di condizioni fisiche, psichiche, economiche e familiari.

Un'Associazione che mira a realizzare e promuovere progetti turistici, culturali, educativi e formativi, ispirandosi a principi di democrazia, solidarietà ed etica, allo scopo di elevare la coscienza e la crescita personale e della collettività attraverso la conoscenza del territorio e dei suoi aspetti culturali e ambientali. Lo spirito e la prassi dell’Associazione trovano origine nel rispetto dei principi della Costituzione Italiana che hanno ispirato l’Associazione stessa, e si fondano sul pieno rispetto della dimensione umana, culturale e spirituale della persona. Già avviate le attività di conoscenza escursionistica del territorio e nelle prossime settimane sarà attivato uno specifico percorso educativo-formativo per le scuole.

L’Associazione intende infatti promuovere iniziative utili alla tutela, promozione e valorizzazione dell’ambiente e dei beni culturali, anche mediante interventi di educazione ambientale e progetti divulgativi rivolti a bambini, adolescenti, adulti, anziani ed istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, enti pubblici e privati.

Per tutte le informazioni (e per prenotare escursioni) sulla vetta della Campania, il Monte Cervati, basta contattare l’associazione sulla pagina facebook: https://www.facebook.com/treTdelCervatisanza

Federico D'ALESSIO

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.