Attualità

Attualità

Venerdì scorso il consiglio comunale a Teggiano nel corso del quale i consiglieri sono stati chiamati ad approvare il rendiconto di gestione per l'anno 2018. Un consiglio comunale acceso che ha visto anche l'assenza del consigliere Cono Morello che, fino a pochi giorni prima, aveva ricoperto il ruolo di delegato al Bilancio dimettendosi a tre giorni dal consiglio comunale sul tema. Un rendiconto che ha suscitato una serie di dubbi con il gruppo di minoranza che ha evidenziato come il bilancio presenti dei buchi e come tra gli atti dell'amministrazione vi siano atti che sembrerebbero illegittimi o, addirittura, siano assenti atti necessari. Il capogruppo del Gruppo Rinnoviamo Diano, Rocco Cimino, ai nostri microfoni spiega la posizione della minoranza analizzando la situazione dal punto di vista tecnico e annuncia la volontà di presentare un esposto alla procura della Repubblica per falso in bilancio.

Attualità

Questa mattina i vigili del fuoco del distaccamento di Sala Consilina hanno accolto il comandante provinciale Rosa D'Eliseo che, a poche settimane dal suo arrivo alla guida del distaccamento provinciale è ora impegnata nel tour delle sedi per conoscere i suoi uomini e per capire quali sono le necessità intorno al quale creare poi un programma di interventi mirato a potenziare l'azione dei vigili del fuoco sul territorio. Durante la visita a Sala Consilina l'Ing. Rosa D'Eliseo, accolta dal responsabile del distaccamento Capo Squadra Esperto Luigi Morello e alla presenza dei diversi capi squadra ha avuto modo di confrontarsi con loro e di sottolineare la sua disponibilità al confronto ed al dialogo ricordando che il Lei troveranno sempre una persona disposta ad ascoltarli e a cui illustrare le loro necessità. Un'apertura ed una disponibilità dimostrata anche nei confronti della stampa locale, presente alla visita, annunciando la volontà di creare canali di informazione al fine di riuscire, proprio avvalendosi del supporto della stampa, anche a tenere in costante aggiornamento i cittadini sulle attività dei Vigili del Fuoco.

Attualità

La BCC di Buonabitacolo incontra i sindaci per illustrare le iniziative e i servizi che propone per semplificare anche il rapporto tra istituzioni e cittadini. Presso al sede centrale di Buonabitacolo nel pomeriggio di oggi il direttore generale Angelo De Luca incontra i sindaci del comprensorio e dei comuni su cui opera per renderli partecipi delle novità introdotte dall'Istituto di credito in termini di nuovi servizi.

Partito il progetto di miglioramento tecnologico del rapporto tra la BCC di Buonabitacoilo e pubbliche amministrazioni con i sindaci e i responsabili dei settori finanziari dei territori del Vallo di Diano, Golfo di Policastro e Lagongrese che vengono resi partecipi delle novità introdotte in riferimento al Nodo dei Pagamenti con il sistema SPC. "PagoPa: i pagamenti in favore della Pubblica Amministrazione si fanno online" è il tema su cui verte il confronto per illustrare i servizi rivolti prevalentemente al cittadino che potrà scegliere la modalità di pagamento da utilizzare per i versamenti alla Pubblica Amministrazione con metodologie anche innovativi e digitali. Si potrà procedere al saldo del dovuto comunicato dall’Ente mediante avviso completo del codice IUV oppure pagare spontaneamente somme calcolate in autonomia.

Il servizio Pago Pa a cui gli Enti pubblici sono obbligati ad aderire, permette di effettuare il pagamento presso le agenzie della BCC di Buonabitacolo attraverso l’avviso di pagamento oppure direttamente dal sito dell’Amministrazione Pubblica. In questo caso, selezionata la prestazione su cui effettuare il pagamento, seguendo la procedura guidata, bisogna selezionare la modalità di pagamento e la BCC di Buonabitacolo, su cui indirizzare l’autorizzazione della transazione che, per Soci e clienti potrà essere effettuata con CartaBCC o con addebito in conto corrente. La proposta della BCC di Buonabitacolo, fa riferimento alle capacità tecnico-professionali per l’offerta dei servizi inerenti al Nodo dei pagamenti SPC, grazie alla capacità operativa del gruppo ICCREA, per poter offrire alle Pubbliche Amministrazioni servizi di Partenariato Tecnologico.

Anna Maria CAVA

Attualità

Rifiuti in arrivo a Polla individuato come sito di stoccaggio in vista della chiusura del termovalorizzatore di Acerra. Come da tempo preventivato quindi dal consigliere comunale di Polla Graziano Vocca, la Regione ha stabilito quali territorio erano chiamati ad intervenire in vista del blocco di circa 40 giorni dell'impianto di Acerra e, per la provincia di Salerno saranno due i siti chiamati al dovere ossia l'impianto di Polla e lo stir di Battipaglia.

A venire incontro alle necessità inevitabili di stoccaggio dei rifiuti, anche il comune di Salerno che, con delibera di giunta, ha aperto alla possibilità di conferire rifiuti anche presso il sito di stoccaggio nella zona industriale. Resta però l'amaro in bocca. Il Vallo di Diano, seppure da più parti aveva alzato la voce dichiarando l'indisponibilità ad essere ancora una volta chiamati ad intervenire per fronteggiare emergenze in tema di rifiuti, non si è potuto tirare indietro. Il consigliere Graziano Vocca lo aveva anticipato alcune settimane fa ricordando come l'impianto sia stato realizzato con fondi regionali, pertanto l'ente guidato da Vincenzo De Luca può decidere in piena autonomia di destinare il sito stesso ad accogliere i rifiuti provenienti dall'intero territorio della provincia di Salerno dato che, dal momento in cui è stato lanciato l'appello, nessun comune ha manifestato la disponibilità ad accogliere siti di stoccaggio sui propri territori.

Naturalmente a Polla non sembrano disposti ad accettare tacitamente e pacatamente la decisione assunta dal presidente della Regione. Con i no del sindaco Rocco Giuliano e del presidente della Comunità Montana Vallo di Diano Raffaele Accetta. Poco interesse è stato invece manifestato da altri sindaci del territorio. Intanto Graziano Vocca interviene nuovamente su quanto sta accadendo e lo fa puntando il dito proprio verso gli amministratori del territorio che per il consigliere comunale, hanno dato prova di poca lungimiranza. "come prevedibile - sottolinea Vocca-  nessun amministratore ha potuto evitare che Polla diventasse centro di stoccaggio della spazzatura proveniente dalla provincia salernitana. Sono queste - continua - situazioni che si creano quando si è convinti di riuscire a trasferire su altri i problemi dei propri territori. Ora - ipotizza il consigliere comunale di Polla sarà interessante veder giungere a Polla i tanti mezzi colmi di spazzatura e magari seguire le dichiarazioni degli amministratori del territorio che saranno attenti a rivendicare il loro operato nel cercare di evitare l'arrivo dei rifiuti dall'intera provincia di Salerno a Polla".

Anna Maria CAVA

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.