Attualità

Attualità

termosifoni spenti

Ancora criticità alle scuole di San Pietro al Tanagro.

I bambini più piccoli sarebbero dovuti tornare oggi tra i banchi nell'edificio di via Grosoleia ma lo hanno trovato freddo. L’impianto di riscaldamento non è ancora stato riparato.

Da quando hanno avuto il via libera per il ritorno in classe sono riusciti a frequentare in presenza solo il 25 novembre, giorno in cui il personale scolastico ha cercato di arrangiarsi con stufette elettriche nelle aule in attesa della riparazione. Stessa situazione giovedì mattina ma non è stata fatta lezione in presenza ed è arrivata poi dal Comune la disposizione della chiusura della struttura, e quindi il ritorno alla dad per venerdì, in attesa di risolvere il problema.

Stamattina i bambini sono dovuti tornare di nuovo a casa per via dei termosifoni ancora spenti. I genitori sono arrabbiati soprattutto per la mancanza di comunicazioni.

Attualità

LUMINARIE NATALIZIE

Ha preso il via in mattinata l’installazione a Sala Consilina delle luminarie natalizie. "Ci è parso giusto - commentano il sindaco Francesco Cavallone ed il consigliere comunale delegato al commercio Vincenzo Garofalo - farlo anche e forse soprattutto quest’anno, nonostante la pandemia, perché vogliamo in questo modo non solo rispettare la tradizione ma soprattutto lanciare un segnale di speranza in un periodo in cui il mondo del commercio, in particolar modo, sta vivendo una fase di difficoltà. Il nostro auspicio è che nei prossimi giorni possano riaprire tutte le attività commerciali e che tutti i concittadini e non solo, decidano di fare nella nostra comunità gli acquisti in vista delle prossime festività".

Attualità

Anche il Comune di Caggiano ha deciso di sostenere i cittadini con un servizio di consegna a domicilio di farmaci e di beni di prima necessità, dedicato alle persone che si trovano in isolamento attivo e in quarantena o che sono impossibilitate a spostarsi. La consegna domiciliare è stata attivata in questi giorni.

I farmaci e i beni di prima necessità saranno consegnati quotidianamente sul territorio comunale e la consegna è stata calendarizzata per zone. È stato anche disposto un nuovo numero di rete mobile da contattare che è il  348. 71 49049, attivo dalle 09:00 alle 19:00. Il numero di rete fissa è invece sempre lo stesso ed è lo 0975. 39 30 01, attivo dalle 8:00 alle 12.00 e dalle 15:00 alle 18:00. Saranno i volontari dell’Anpas Gopi a fare le consegne, dopo le richieste da parte dei cittadini bisognosi.

Il lunedì e il giovedì sono dedicati alle consegne nelle zone del centro storico, massa, murge cappello e leone, petrosa, piedi la chiaia, sant’andrea, san francesco, arenosa e ingito; il martedì e il venerdì le consegne sono previste nelle zone del centro abitato nuovo, mozzoni, pastino, casale, piedi l’arma, pietra grossa, salice, fontana caggiano e ringo; infine il mercoledì e il sabato si terranno le consegne nelle località mattina, calibri, belvedere, foresta, bosco, ficarola e in tutte le altre zone del territorio comunale.

Ancora una volta dunque, i volontari dell’Anpas Gopi sono al servizio dei cittadini non solo attraverso il soccorso e l’assistenza ma anche impegnandosi quotidianamente nel servizio di consegna spesa e farmaci a domicilio per chi si trova in quarantena o per le persone più vulnerabili.

Antonella D'ALTO

 

 

Attualità

La Comunità Montana Vallo di Diano ha sottoscritto un protocollo d'intesa con 6 nuclei comunali di protezione civile del territorio per il ritiro e la consegna porta-a-porta di farmaci e presidi medico/chirurgici ai cittadini bisognosi. L'accordo è valido fino al prossimo 31 gennaio e - assicurano - sarà quasi certamente prorogato.

Il presidente Raffaele Accetta ha siglato l'intesa a nome e per conto dell'Ente con sede a Padula per il ripristino dell'importante servizio riguardante il ritiro e consegna di farmaci e presidi sanitari al Distretto in questo periodo di restrizioni negli spostamenti.  

L'accordo durerà fino al 31 gennaio ma potrebbe continuare anche dopo per "rendere il prezioso servizio permanente, in aggiunta ad altri servizi che l'Ente montano potrà erogare nell'ambito della gestione associata di Protezione Civile per tutti i Comuni. Il protocollo sottoscritto è inviato al Distretto di Sala Consilina, al Direttore generale dell'Asl di Salerno e ai Sindaci.

Quanto prima dunque i volontari delle associazioni operanti nei 15 comuni del Vallo di Diano, muniti di divise associative e tesserino di riconoscimento, potranno tornare a consegnare porta-a-porta farmaci, presidi medici, e quant'altro, alleviando le difficoltà di chi non è auto-munito e/o autonomo.

 Le organizzazioni impegnate sono: Gruppo comunale di Protezione Civile di Monte San Giacomo; Gruppo comunale di Protezione Civile di Teggiano; Nucleo comunale di Protezione Civile di Sala Consilina; Associazione G.O.P.I. di Polla; Associazione Protezione Civile Vallo di Diano di Padula; Associazione Gruppo Lucano di Protezione Civile di Montesano sulla Marcellana.

Rosa ROMANO

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.