Attualità

Attualità

L'immagine può contenere: persone sedute, schermo, notebook e spazio al chiuso

Il Presidente della Provincia di Salerno Michele Strianese entra a far parte della Delegazione Nazionale di Enti Locali per il confronto con il Governo (Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il Ministro della Sanità Roberto Speranza ed il Ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia) sulla programmazione della fase 2 dell'emergenza epidemiologica da Covid 19  in merito alle decisioni fondamentali per il futuro della nostra nazione.

Del tavolo nazionale fanno parte 9 Enti territoriali quindi 3 Presidenti di Regione: Stefano Bonaccini della Regione Emilia Romagna; Attilio Fontana della Regione Lombardia; Nello Musumesi della Regione Sicilia; 3 Presidenti di Provincia: oltre a Strianese, Michele De Pascale della Provincia di Ravenna, presidente Nazionale dell’UPI; Stefano Marcon della Provincia di Treviso; e poi 3 Sindaci: Antonio De Caro di Bari, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Comuni d’Italia; Virginia Raggi, sindaco di Roma; Roberto Pella di Valdengo.

Attualità

Nessuna descrizione della foto disponibile.

L’Associazione internazionale “Joe Petrosino”, in questo momento difficile e di grande impegno del mondo della sanità, ha voluto sostenere l’ospedale di Polla con una donazione di 200 mascherine chirurgiche e 150 igienizzanti.

"Un dono - dicono - quale forma di ringraziamento e per quanto stanno facendo incessantemente da settimane. Nella mission dell’associazione ci sono le buone pratiche, c’è la mutualità, l’aiuto, il sostegno reciproco intorno ai temi della legalità, e legalità oggi significa anche aiutare chi ha bisogno, chi è impegnato in prima linea".

Le mascherine e gli igienizzanti saranno consegnanti ai volontari della Protezione civile di Padula per recapitarli all'ospedale.

“Un ringraziamento a nome di tutta l’Associazione va ai sanitari e al loro impegno, va ai volontari che in questo momento sono così preziosi per i cittadini e le comunità – dice il presidente Vincenzo Lamanna – Abbiamo voluto donare questi presidi così importanti per salvaguardare la salute dei sanitari quale segno di gratitudine e perché siamo certi che ognuno di noi, in questa pandemia, ha un ruolo, grande o piccolo che sia. Diciamo così il nostro grazie”.

Attualità

L'immagine può contenere: il seguente testo

Dal gruppo consiliare Salesi di Sala Consilina arriva l'appello a restare a casa nei giorni di Pasqua e Pasquetta. I consiglieri Domenico Cartolano, Angela Freda, Teresa Paladino e Antonio Santarsiere invitano tutti non cedere alla tentazione del picinic o della gita fuoriporta, come da tradizione in questo periodo, quindi a non vanificare i sacrifici fatti finora. 

"Il coronavirus non è stato sconfitto, molto ancora c’è da lavorare e, purtroppo, da sacrificarsi per annientare questo virus, che tante vittime sta mietendo in tutto il mondo. Le notizie “incoraggianti”, che ci permettono di cominciare a progettare una FASE 2, non devono portarci a credere che l’emergenza sia finita! Il sud Italia e, con esso, il nostro meraviglioso Vallo di Diano, sono ancora nel pieno dell’emergenza contagi! Non ne siamo assolutamente fuori, e non possiamo allentare la presa.

Facciamo tutti ancora un piccolo sforzo, RESTIAMO A CASA, anche e soprattutto in occasione della Pasqua e del lunedì di Pasquetta!!!

E’ solo stando a casa che abbiamo evitato che si creassero altri focolai del virus oltre a quello già individuato! E’ in questo modo, grazie al senso di responsabilità di TUTTI, che siamo riusciti ad evitare anche il rischio contagio, che poteva essere rappresentato dai numerosi rientri dal nord verificatisi nei primi giorni di marzo. Siamo stati tutti molto bravi, disciplinati ed attenti, seppur tra mille sacrifici, e non possiamo vanificare, dunque, questo immane lavoro e lasciare nuovamente lo spazio per circolare al virus.

Per questo, come gruppo consiliare, Vi chiediamo di continuare su questa strada, pur sapendo che è difficile rinunciare ai pranzi in famiglia e alle gite fuori porta! Verrà il tempo in cui potremo recuperare i momenti perduti, ma in piena sicurezza! Uscite solo per motivi strettamente necessari (lavoro, salute etc.) e limitando l’uscita per le spese necessarie ad un solo componente della famiglia e, magari, una o al massimo due volte in una settimana. Il tutto, ovviamente, muniti di mascherine e guanti e osservando la distanza di almeno un metro gli uni dagli altri.

Lo dobbiamo a noi stessi, agli operatori sanitari, ai volontari, a chi continua a lavorare per garantirci tutti gli approvvigionamenti indispensabili, a tutti coloro che lottano nei letti degli ospedali e a tutte le povere vittime del coronavirus. La nostra disponibilità a chiarimenti o a supporto di eventuali esigenze è totale fin dal primo giorno"

Attualità

Regione Campania: 155 borse di studio per le vittime innocenti e i loro familiari

Sono state assegnate 155 borse di studio con il Fondo Regionale delle legge per il sostegno scolastico e formativo a favore delle "vittime innocenti di camorra, dei reati intenzionali violenti e dei loro familiari”, proposta dai consiglieri Antonio Marciano, Francesco Moxedano e Carmine De Pascale. 

La Regione Campania, con questa legge che raccoglie la straordinaria esperienza di solidarietà e giustizia promossa dalla Fondazione Polis e dal Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità, contribuisce a garantire, attraverso apposite borse di studio, l'opportunità di proseguire il percorso scolastico e formativo a quei familiari di vittime che non ricevevano alcun sostegno dallo Stato.

Nel corso dell'istruttoria svolta dalla Fondazione Polis sono state raccolte 155 domande, tutte ritenute accoglibili, così differenziate per importo e tipologia di studio:

•Â 51 contributi da 1000 euro per gli iscritti alla scuola dell'infanzia e primaria (totale 51.000,00 euro);

•Â 16 contributi da 1500 euro per gli iscritti alla scuola secondaria di primo grado (totale 24.000,00 euro);

•Â 39 contributi da 2000 euro per gli iscritti alla scuola secondaria di secondo grado (totale 78.000,00 euro);

•Â 31 contributi da 2500 euro per gli iscritti all'università (totale 77.500,00 euro);

•Â 18 contributi da 1500 euro per gli iscritti ai corsi di formazione (totale 27.000,00 euro).

 

Il totale degli importi ammonta a 257.500 euro.

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.