Attualità

Attualità

Il maltempo non risparmia il sud della provincia salernitana. Danni ingenti si sono registrati al porto di Scario, dove le forti mareggiate oltre a danneggiare le imbarcazioni in mare, hanno addirittura abbattuto un muro di cita. Fortunatamente non si registrano feriti. I danni subiti però sono ingenti. Le intense piogge abbattutesi nella notte su tutta la provincia salernitana, hanno provocato danni enormi colpendo anche la località rivieresca di San Giovanni a Piro. Immagini sconfortanti sono apparse nella mattinata di oggi.

La forte intensità delle mareggiate, è riuscita infatti ad abbattere completamente le costruzione realizzate lungo il molo ed in particolare un muro sul molo. La forza delle onde, inoltre, è riuscita addirittura a spostare grossi massi che fingevano da barrire frangiflutti. Danni ingenti ha subito anche il molo che lungo tutto il percorso è stato rosicchiato dal mare. Alcune imbarcazione temporaneamente ormeggiate al porto sono inoltre state abbattute dalla furia del mare. Immagini scioccanti che hanno lasciato immaginare la forza del mare con crescente preoccupazione per i danni che possono derivare dal maltempo.

Sul posto sono immediatamente giunti gli uomini della capitaneria di Porto di Palinuro guidati dal Tenente di Vascello Francesca Federica Del Re che, a seguito dei danni riportati e vista la pericolosità del luogo, hanno disposto la chiusura della banchina colpita dalla forte mareggiata. Visto quanto accaduto al porto di Scario, gli uomini della capitaneria d hanno effettuato sopralluoghi anche sui porti di Pisciotta e Sapri, per verificare le condizioni delle aree dopo il forte maltempo che ha interessato tutta la provincia di Salenro. Intanto, il bollettino meteo emanato dalla protezione civile della Regione Campania, parla di allerta meteo che, seppur di criticità giallo, impone comunque l'adozione di tutte le misure necessarie a tutelare l'incolumità delle persone e per la messa in sicurezza delle aree a rischio

Anna Maria CAVA

Attualità

Primo passo a difesa delle coltivazioni agricole da danni provocati dai cinghiali. La giunta regionale della Campania pare abbia dato il via libera alla proposta del Centro di Riferimento Regionale per l'igiene Urbana e Veterinaria finalizzata ad autorizzare la caccia al cinghiale in aree specifiche che saranno stabilite dall'Ambito Territoriale di Caccia. Una notizia che accolta con favore e commentata positivamente dal sindaco di Sanza Vittorio Esposito che, nei mesi scorsi, si era fatto portavoce degli agricoltori che avevano visto i loro raccolti completamente distrutti dagli ungulati arrivati fin nei pressi dei centro abitato.

La problematica sollevata dal sindaco Esposito aveva raccolto successivamente anche l'appoggio di numerosi altri sindaci oltre che esponenti politici del territorio. Ora si registra anche un passo avanti della Regione Campania che, con delibera di giunta, nella serata di ieri ha dato il via libera alla proposta del CRIUV che propone un programma di Prelievo selettivo del cinghiale nelle aree non vocate della Regione Campania. Una proposta che ha ricevuto l'ok anche dall'istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale. Secondo quanto emerge la proposta prevede praticamente la possibilità di poter cacciare i cinghiali durante tutto l'anno con metodi selettivi in aree che saranno individuate dagli Ambiti Territoriali di Caccia. Un progetto che potrà così essere utile ad arginare il proliferare degli ungulati in determinati territorio e che provocano ingenti danni alle coltivazioni.

“Un’ottima notizia, - commenta Vittorio Esposito . che dimostra ancora una volta l'attenzione della Regione Campania e del governatore De Luca, verso le problematiche manifestate dai territori delle aree interne. Era l’unica soluzione possibile, – ha aggiunto il sindaco Esposito –l’apertura della caccia tutto l’anno, per arginare l’emergenza causata dal proliferare degli ungulati.  Ora che la caccia al cinghiale sarà consentita tutto l’anno nelle aree individuate dagli Ambiti Territoriali di Caccia (ATC), con metodi selettivi, siamo certi che nel breve periodo riusciremo a mettere sotto controllo il problema. Alle chiacchiere -Dichiara in conclusione -  che hanno fatto in tanti sull’argomento, l’unica vera risposta è arrivata dalla Regione”  

 

Anna Maria CAVA 

 

Attualità

Questa mattina presso l’Istituto Professionale per Agricoltura a Sala Consilina l’Avv. Angelo Paladino, presidente dell’Osservatorio Europeo del Paesaggio, e la Dirigente dell’Istituto di IIS “Marco Tullio Cicerone”, Prof.ssa Antonella Vairo, insieme con i docenti protagonisti, hanno illustrato i risultati del meeting formativo internazionale, tenutosi a Lisbona, nell’ambito dell’ “ERASMUS+ EducLocalFOOD - Insegnare i sistemi alimentari locali sostenibili”.

Il progetto si svolge in tre anni, dal 1^ settembre 2018 al 31 agosto 2021.Coinvolge a livello europeo: la Bergerie nazionale di Rambouillet (Francia), l’UniversitaBoku di Vienna (Austria), l’Università di Lisbona (Portogallo), l’Università di Maribor (Slovenia) e l’Osservatorio Europeo del Paesaggio di Sala Consilina, presieduto dall’Avv. Angelo Paladino, che ha indicato l’IPSAR locale per quest’avventura.

Va detto che l’Istituto salese è l’unica scuola superiore e si sta confrontando con realtà universitarie.

Con l’iniziativa si punta a individuare strumenti a supporto dell’insegnamento quindi a far conoscere ai docenti, oltre che agli studenti, i più efficaci e innovativi sistemi in ambito agroalimentare in riferimento ad un nuovo assetto dell’agricoltura europea.

A Lisbona, per l'IPSAR di Sala Consilina, c’erano i docenti: Marianna Infante e Paolo Giglio. 

Attualità

Il Consiglio comunale di Eboli ha votato all’unanimità un documento sulla sanità ospedaliera locale con al centro l’ospedale cittadino, sollecitandone il potenziamento e chiedendo interventi urgenti per le criticità

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.