Attualità

Attualità


Presso la sede della Comunità Montana Vallo di Diano a Padula si è svolto un consiglio generale monotematico convocato sul tema della prossima apertura del pozzo petrolifero "Pergola 1", situato sui monti della Maddalena, in Lucania, ai confini con Atena Lucana. Ascoltiamo il presidente dell'ente montano valdianese Raffaele Accetta, che non nasconde le difficoltà di intervento relativamente al progetto avviato dalla Regione Basilicata

Attualità


Arriva addirittura sulla "scrivania" di Papa Francesco la "querelle" che vede in contrapposizione buona parte delle comunità religiose di Caggiano e Salvitelle e due sacerdoti: Don Alessandro Brignone, parroco di Caggiano ed amministratore parrocchiale della chiesa di San Sebastiano a Salvitelle, ed il vicario parrocchiale della Stessa San Sebastiano, Padre Ivan Francisco Miranda Zamarriego. Non si placano dunque le polemiche, e dopo la lettera aperta scritta dall'Associazione San Sebastiano Martire ed indirizzata in particolare al Vescovo di Salerno- Campagna- Acerno, Monsignor Luigi Moretti, il presidente dell'Associazione Pompeo Perretta annuncia che il comportamento dei due sacerdoti è diventato addirittura oggetto di una missiva indirizzata a Papa Francesco, al Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Angelo Bagnasco ed al vice presidente per il sud Italia Mons. Angelo Spinillo.

Attualità

Numeri impressionanti quelli forniti dalla organizzazioni sindacali di categoria. Dal 2008 ad oggi, sono circa 8000 gli addetti in meno registrati in Cassa Edile, 1500 nel solo 2013. Circa 500 imprese di costruzione hanno sospeso l'attività e, se si considera l'indotto nella sola Provincia di Salerno, quasi l'80% delle aziende ha fatto ricorso alla CIG o alla mobilità: Italcementi 40 lavoratori in CIG su 74, LAREK 18 lavoratori in CIG su 18, solo per fare degli esempi. Le organizzazioni sindacali non possono che esprimere grandissima preoccupazione anche di fronte all'immobilismo istituzionale: da una settimana, infatti, è stata inoltrata una richiesta di incontro al Prefetto di Salerno cui ancora non è giunta risposta. Eppure è evidente che è necessario convocare un tavolo con parti sociali e datoriali per tentare di arginare la crisi dando via a nuovi ed immediati cantieri. Ecco perché, se dovesse continuare il silenzio da parte della Prefettura, le organizzazioni sindacali di categoria si dicono pronte ad azioni eclatanti ed organizzare mobilitazioni e sit in sotto il Palazzo di Governo."Occorre un intervento urgente della politica e delle istituzioni - ha affermato oggi il direttore della BCC di Buonabitacolo, Angelo De Luca (nella foto) - il comparto edile è al collasso ed oramai non c'è più tempo da perdere. Sono centinaia gli imprenditori edili che vivono una condizione di assoluta emergenza. I cantieri sono fermi ed oramai le stesse imprese neppure si rivolgono al credito, non perchè non gli venga concesso, ma soprattutto perchè non vi è prospettiva di ripresa e quindi di poter poi far fronte agli impegni economici e finanziari. Il nostro vuole essere un grido di allarme a favore delle imprese edili che rappresentano da sempre uno dei punti fermi dell'economia salernitana. Se si ferma l'edilizia, così come si sta fermando giorno dopo giorno, si fermano centinaia di altre piccole imprese e soprattutto si fermano migliaia di famiglie. E' ora che la politica trovi soluzioni; adesso non domani" ha concluso il direttore De Luca.

Attualità

alt

Si terrà questo pomeriggio alle 18, presso la sede della Comunità montana del Vallo di Diano, un consiglio generale convocato in seduta straordinaria, urgente e pubblica per discutere del nuovo pozzo petrolifero "Pergola 1" previsto dall'Ente nazionale idrocarburi (Eni) nell'omonima località di Marsico Nuovo, in provincia di Potenza, a pochi chilometri di distanza dal Vallo di Diano.
Alla seduta consiliare, oltre ai sindaci del comprensorio, sono stati invitati i rappresentanti delle autorità di bacino regionale Campana Sud e interregionale per il bacino idrografico del fiume Sele, l'onorevole Simone Valiante, i consiglieri regionali Donato Pica, Antonio Valiante, Luigi Cobellis, Gennaro Mucciolo e Giovanni Fortunato, nonché il consigliere provinciale e sindaco di Polla Rocco Giuliano.
Inoltre, al consiglio dell'ente montano parteciperanno anche gli esponenti del comitato "No al petrolio nel Vallo di Diano" per ribadire la loro contrarietà al nuovo pozzo petrolifero previsto, peraltro, a ridosso della catena montuosa della Maddalena, posta a spartiacque tra la regione campana e quella lucana, e caratterizzata da un fitto reticolo di acque risorgive che vanno ad alimentare, tra gli altri, l'Agri e il Basento, i due maggiori fiumi lucani per ricchezza d'acque.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.