Attualità

Attualità

Novità per l'aeroporto di Salerno - Costa d'Amalfi potrebbero arrivare il 4 giugno quando ci sarà l'udienza al Consiglio di Stato. I legali di Gesac hanno presentato infatti ricorso contro la decisione del TAR di annullare il decreto di valutazione d'impatto ambientale accogliendo le istanze presentate da 13 cittadini residenti nelle vicinanze dello scalo salernitano.

TvOggi

Attualità

Gli alunni della classe quinta della scuola primaria di San Rufo dell’Istituto Comprensivo di Teggiano sono stati protagonisti di un bel progetto che li ha portati a realizzare e a pubblicare un fumetto. L’iniziativa dal titolo “scrivi una storia i cui protagonisti sono una lattina, una bottiglia e un libro” segue quella messa in campo lo scorso anno, quando su invito del libraio di Polla, Michele Gentile, i bambini del plesso di San Rufo hanno partecipato allo scambio di una lattina e di una bottiglia di plastica con un libro, sia per promuovere la lettura che per imparare a rispettare l’ambiente.

Quest’anno gli alunni della classe quinta del plesso di San Rufo sono stati dunque invitati a realizzare un fumetto dal titolo “A book: oxygen fon a mind and environment”. I bambini, sotto la guida delle insegnanti e attraverso un progetto interdisciplinare svolto durante il periodo della didattica a distanza, hanno scritto una storia fantastica, raccontata tramite immagini e in lingua inglese. Gli alunni hanno quindi messo su carta una storia di fantasia con protagonisti un libro, una lattina e una bottiglia di plastica, come richiedeva il titolo dell’iniziativa, ma hanno anche fatto qualcosa di più, inserendo nel testo lo stesso libraio Michele Gentile, provando a ricostruire la sua storia e ad immaginare come abbia dato vita al progetto dello scambio della lattina o della bottiglia di plastica con un libro.

Un lavoro eccellente svolto dagli alunni, come hanno commentato le insegnanti che hanno partecipato al progetto: Teresa Tropiano, Caterina Iorio e Olimpia del Bagno, che si sono dette molto orgogliose dell’impegno che i bambini hanno profuso dell’iniziativa, suscitando anche la soddisfazione della dirigente Rosaria Murano.

Antonella D'ALTO

Attualità

I messaggi di cordoglio e dolore per la perdita del sindaco di Polla Rocco Giuliano si moltiplicano. Pensieri che arrivano da ogni parte e che aiutano a capire chi era l’uomo ed il politico Rocco Giuliano. Tra i tanti messaggi quello del Presidente dell’Associazione Imprenditori Vallo di Diano Valentino Di Brizzi che ha ricordato il suo impegno a favore delle imprese in particolare della Zona Industriale. “Ha sempre combattuto per le sue idee, - ricorda Di Brizzi - ma ha ugualmente sempre rispettato quelle degli altri. Ci lascia il compito di tutelare il nostro territorio con la stessa passione. Ha sempre difeso le necessità delle aziende con grande determinazione. Gli imprenditori valdianesi perdono un amico.” Le sue attenzioni erano rivolte alla zona industriale come all’ospedale.

A ricordarlo l’ex direttore sanitario del Luigi Curto Dott. Nunzio Babino che scrive: “Sei stato il Sindaco che ha sempre difeso l'Ospedale di Polla, anche senza avere purtroppo la solidarietà degli altri, spesso da solo con le tue energie. A te, uomo generoso e politico che coltivava il rapporto con i suoi cittadini, va il nostro pensiero, la nostra riconoscenza ed il nostro ringraziamento per quanto hai fatto per difendere le Istituzioni sanitarie valdianesi”.

Un pensiero commosso arriva anche dalla dirigente scolastica dell’Istituto Omnicomprensivo di Padula Liliana Ferzola che, ricordando la lettera di ringraziamento di Rocco Giuliano per la donazione ricevuta in favore proprio del Curto sottolinea: “sei stato il sindaco della Gente. Impossibile dimenticarti”. È dedicato al suo valore come sindaco il ricordo del presidente della Comunità Montana Vallo di Diano Raffaele Accetta che scrive sia stato: “Sindaco della gente, amministratore infaticabile, attento, sensibile e sempre attivo nella storia politica del Vallo di Diano”.

Ricordo commosso è arrivato anche dall’assessore regionale al turismo Corrado Matera. “Valente uomo delle Istituzioni – scrive Matera - e appassionato interprete dei bisogni della comunità che rappresentava, Persona perbene ha guidato con impegno e amore la Sua comunità”. Dal consigliere provinciale Giovanni Guzzo il messaggio che mette in evidenza il rapporto amicale tra i due: “mi mancherà – scrive - raggiungerti a Polla per il Caffè, tu che mi hai chiamato prima dell’operazione per ricordarmi di perseguire i progetti avviati”. Anche le amministrazione comunali locali hanno voluto manifestare il loro profondo cordoglio. Da Sala Consilina: “Tenace amministratore mancherà al nostro territorio”.

Atena Lucana scrive: “Ne ricordiamo le doti umane, senso del dovere, l'attenzione posta al dialogo e al confronto politico per la crescita della sua comunità e dell'intero territorio del Vallo Di Diano”. Da Padula invece sottolineano: “verrà ricordato come esempio di dedizione, e forte senso delle Istituzioni". Parole di grande sensibilità e affetto arrivano dal sindaco di Montesano Giuseppe Rinaldi: “non dimenticherò i suoi consigli e il suo invito a non demordere. Uomo del popolo, sosteneva i suoi colleghi più giovani”.

Il sindaco di Buonabitacolo Giancarlo Guercio parla di Profondo Dispiacere mentre il sindaco di San Rufo Michele Marmo lo ricorda come “uomo sincero cordiale legato morbosamente alla sua comunità”. Da San Pietro al Tanagro è il presidente del Consiglio Comunale Antonio Pagliarulo a ricordare Rocco Giuliano come: “grande esempio di onestà ma soprattutto persona seria, corretta, da sempre attento alle necessità degli altri”.

Anna Maria CAVA

Attualità

Hanno raggiunto diversi Stati degli Usa, le proteste iniziate dopo la morte di George Floyd, l'afroamericano che lunedì scorso, a 46 anni, ha perso la vita a Minneapolis, sotto il ginocchio dell'agente Derek Chavin. Almeno 25 città hanno imposto il coprifuoco, da Los Angeles ad Atlanta, mentre la Guardia Nazionale è stata inviata in circa dodici Stati e nel Distretto di Columbia, oltre che lungo il perimetro della Casa Bianca. Proteste e coprifuoco anche a Santa Monica, come testimonia una coppia di teggianesi residente da anni in California.

Francesco Manfredi e Maika Mea si sono infatti trovati proprio in mezzo ad una protesta che ha visto l’intervento delle forze dell’ordine a causa di alcuni episodi di violenza da parte di gruppi isolati di manifestanti.

“C’erano elicotteri e polizia da tutte le parti – hanno raccontato -. Gli agenti sono intervenuti, pistole alle mani, per fermare un gruppo di ragazzi che stavano assaltando un negozio. Avevano rotto i vetri con una mazza da baseball e una volta all’interno, hanno cominciato a saccheggiarlo. Abbiamo visto anche un ragazzo a terra ferito, con una gamba sanguinate e abbiamo chiamato la polizia. Stavo facendo un video della scena – ha raccontato Maika - quando un ragazzo mi ha preso il telefono e lo ha buttato a terra per evitare che filmassi quanto stava accadendo. Non possiamo più uscire di casa dopo le otto, anzi il coprifuoco è stato anticipato di un’ora, visto quello che sta accadendo. Ci sono persino macchine della polizia in fiamme, lungo le strade, e vengono sparati lacrimogeni. La protesta a cui abbiamo assistito era pacifica, una marcia ordinata, poi però purtroppo la situazione è degenerata per via di alcuni gruppi isolati di manifestanti che hanno dato vita ad atti violenti di vandalismo. Non ci aspettavamo di assistere ad episodi di questo tipo qui a Santa Monica, dove le persone sono tranquille. La marcia pacifica va bene, ma la violenza non è mai la giusta soluzione – hanno concluso”.

Antonella D'ALTO

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.