Attualità

Attualità

A 100 anni dalla nascita di Gianni Rodari, l’Amministrazione Comunale di Atena Lucana celebra lo scrittore, che ha rivoluzionato la letteratura per bambini e ragazzi, con la prima edizione del premio letterario "FILA(LA)STROCCA. Parole, note, figure in racconto" che  - dicono i promotori - si pone l’obiettivo di creare una rete artistica dinamica, grazie all’ausilio della produzione scritta, dell’arte e della musica e alla loro capacità di creare sinergie culturali, confronto e conoscenza e che trae ispirazione, appunto, da un grande maestro.

L’iniziativa si rivolge agli alunni delle scuole dell’infanzia (sezione 5 anni), primaria e secondaria di I grado di Atena Lucana. Le sezioni sono quattro: Sezione Poesia Inedita – testi poetici, a tema libero (rivolta agli alunni della scuola primaria e secondaria di I grado); Sezione Narrativa Inedita - racconti brevi, anche questa a tema libero (per alunni della scuola primaria e secondaria di I grado); Sezione Arte – racconti illustrati - ispirata alla produzione letteraria di “Gianni Rodari” (per alunni della scuola dell’infanzia); Sezione musica – opere musicali edite, a tema libero su supporto digitale (per alunni della scuola secondaria di I grado).

Si può partecipare ad una sola delle sezioni previste e con una sola composizione (una sola poesia, un solo testo narrativo, un solo racconto illustrato, un solo brano musicale).

La partecipazione è gratuita. Tre i premi, per ognuna delle quattro sezioni in gara: 1° premio 150euro, 2° premio 100euro, 3° premio 50euro. La premiazione sarà effettuata il 23 ottobre in occasione della ricorrenza dei 100 anni dalla nascita di Gianni Rodari.

Rosa ROMANO

Attualità

Il Liceo classico Marco Tullio Cicerone di Sala Consilina ha preso parte al progetto “Ricercatori in Classe” della Fondazione Veronesi. Un'iniziativa pensata per educare gli studenti alla cultura scientifica, permette di far conoscere ai ragazzi delle scuole superiori il mondo della ricerca, presentandolo dal punto di vista di chi lavora direttamente nel campo.

Fino alla fine di febbraio, gli incontri sono andati avanti con le lezioni frontali in aula. In queste ultime settimane il progetto si è adeguato alla didattica a distanza dettata dall'emergenza coronavirus.

Così ieri sera. dalle ore 18:00 alle ore 19:00, le classi VA e VB del Liceo classico Cicerone, guidati dal docente Carmine Pessolano, hanno partecipato all’iniziativa della “Fondazione Veronesi”, che ha proposto una “lezione speciale” di 60 minuti, in modalità video conferenza con Hangouts Meet (organizzata dal prof. Antonio Anzalone). La lezione è stata tenuta dal ricercatore della Fondazione,. dott. Luigi Ippolito, valdianese ed ex studente del Liceo salese. Ieri sera ha intrattenuto i ragazzi sull’importanza della ricerca scientifica e della sua professione di ricercatore, con specifico riferimento all’oncologia e al proprio progetto di ricerca.

Molto soddisfatta dell'iniziativa e orgogliosa dei suoi docenti e alunni si è detta la dirigente scolastica Antonella Vairo.

Attualità

Corso-barman-base-bergamo-brescia-1livello

L’Unità di Crisi della Regione Campania ha trasmesso l’ordinanza n.53 del 29 maggio 2020, firmata dal presidente Vincenzo De Luca, con ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. A seguito delle problematiche registrate nello scorso fine settimana e degli incontri avuti in settimana con le Camere di Commercio, è stato disposto quanto segue:

a) è fatto divieto di vendita con asporto di bevande alcoliche, di qualsiasi gradazione, dopo le ore 22,00 da parte di qualsiasi esercizio commerciale (ivi compresi bar, chioschi, pizzerie, ristoranti, pub, vinerie, supermercati) e con distributori automatici;
b) dalle ore 22,00 alle ore 6,00, è fatto divieto di consumo di bevande alcoliche, di qualsiasi gradazione, nelle aree pubbliche ed aperte al pubblico, ivi comprese le ville e i parchi comunali;
c) per i bar, ‘baretti’, vinerie, gelaterie, pasticcerie, chioschi ed esercizi di somministrazione ambulante di bibite, resta consentita la facoltà di apertura a partire dalle ore 5,00 ed è disposto l’obbligo di chiusura entro le ore 01:00, con obbligo di somministrazione esclusivamente al banco o ai tavoli a partire dalle ore 22,00. Come da precedente ordinanza, non vi sono limitazioni nell’orario di chiusura di ristoranti, pub e pizzerie.

Attualità

La Banca Monte Pruno continua a crescere e, ancor più, potrà da ora in poi servire con le sue azioni a sostegno dei territorio una nuova area che raccoglie i comuni vicini al Vallo di Diano e appartenenti sia all'area del Tanagro che ad una ulteriore fetta degli Alburni. Entrano a far parte della grande famiglia e del territorio dell'Istituto di Credito di Roscigno anche Auletta, Caggiano e Pertosa per la zona a nord del Vallo di Diano ed i comuni di Ottati, Petina e Sant'Angelo Le Fratte negli Alburni.  Si allarga quindi l'operatività della Banca Monte Pruno con 6 nuovi comuni. Una crescita giunta anche per effetto delle nuove disposizione di vigilanza, allarga il suo territorio di operatività.   

Questa nuova annessione ormai pone Banca Monte Pruno prossima al raggiungimento di un prestigioso risultato e cioè l’acquisizione di una zona di competenza con ben 100 Comuni, suddivisi tra le Province di Salerno, Avellino e Potenza coprendo una vasta area del mezzogiorno d'Italia che conta fino a 600 mila abitanti. Numeri questi che confermano la grandezza dell'istituto di credito diretto da Michele Albanese che, a quasi 60 anni dalla sua nascita voluta da un piccolo gruppo composto da circa 30 persone tra artigiani e agricoltori con lo scopo di fornire aiuti e supporto all'economia locale. Quel piccolo istituto nato ai piedi del Monte Pruno a Roscigno, oggi sta diventando sempre più una realtà nazionale raccogliendo attestati di stima da più parti.

La sua capacità di fare banca senza discostarsi dalla mission di partenza di banca del territorio e vicina ad imprese, giovani e famiglie, viene premiata e d oggi, si conferma la BCC più grande per volumi, tra le BCC del Gruppo Bancario Cassa Centrale Banca dalla Toscana fino alla Sicilia.

Le nuove disposizioni di vigilanza – hanno commentato i vertici aziendali – permettono di allargare la zona di competenza della Banca, completando l’area a nord-ovest della zona di competenza ante-fusione. L’aggregazione dei sei Comuni - continuano - pone la Banca verso nuove opportunità di crescita, anche perché i territori confinanti ai nuovi Comuni possono essere osservati, a loro volta, come ambiti di nuovo sviluppo. Avevamo già anticipato che gli esercizi post fusione sarebbero stati necessari per consolidare il mercato e i valori della Banca, così come è avvenuto, oggi, invece, siamo proiettati verso la pianificazione di nuova fase di sviluppo che, nel giro di qualche mese, potenzierà la presenza della Banca sul territorio. Ulteriori novità,- dichiarano in conclusione - in ambito di strategia territoriale, a breve, verranno realizzate”.

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.