Attualità

Attualità


Stazione Elettrica, attesa della comitato Nessun Dorma per il consiglio generale della Comunità Montana Vallo di Diano convocato per lunedì prossimo. All'ordine del giorno ci sarà la richiesta fatta dal comitato ai sindaci valdianesi di pagare la perizia del professor Caligiuri sugli effetti della stazioni elettriche che Terna vuole costruire a Montesano e Polla e del collegato elettrodotto sulla popolazione del Vallo di Diano.

Attualità


Si torna a parlare, in queste ore, di antenne per la telefonia mobile nel Vallo di Diano. Questa volta la società di telecomunicazioni Ericsson ha presentato qualche settimana fa agli uffici comunali un'istanza per realizzare a Buonabitacolo un sistema di antenne, con una potenza inferiore a 20 watt.
In particolare, il progetto presentato dalla multinazionale Svedese prevede sei antenne e tre parabole da installare in cima a un palo in acciaio, alto più di 34 metri, in una zona a vocazione agricola e densamente abitata, nota come località Pennino.
La superficie agricola, di circa 5mila metri quadrati, dove dovrebbe nascere l'impianto è stata recentemente risistemata. Operazione compiuta, probabilmente, subito dopo l'acquisto del terreno, avvenuto il 3 luglio scorso, da parte di quattro giovani donne, tre delle quali residenti a Napoli e Caserta e una nel Vallo di Diano. Naturalmente, questa operazione di compravendita, avvenuta praticamente a poche ore dalla presentazione dell'istanza, fa sorgere non poche preoccupazioni tra gli abitanti del piccolo paese valdianese, peraltro già duramente provati dalla famosa "puzza" emessa da un'azienda del posto. I cittadini temono soprattutto i rischi prodotti dalla esposizione alle onde elettromagnetiche, l'impatto ambientale e paesaggistico. Preoccupazioni, a quanto pare, condivise anche da una parte dall'amministrazione comunale e dal gruppo consiliare di minoranza "Crescere Insieme" che, anche se in modo non ufficiale, hanno già espresso contrarietà al progetto.
Intanto, il responsabile dell'ufficio tecnico comunale ha chiesto all'azienda un'integrazione della documentazione, in modo da verificare con maggiore attenzione le caratteristiche dell'impianto e poter sottoporre, successivamente, il progetto all'assemblea consiliare.
Elia Rinaldi

Attualità


L'amministrazione comunale di Polla vorrebbe rimuovere il monumento dell'Elogium situato presso la Taverna del Passo "per preservarlo dalle intemperie", sostituendo la ultramillenaria lapide in pietra con un calco, e collocando altrove l'originale. La notizia è stata data dall'ex assessore Gonnelli nel corso della serata conclusiva della Manifestazione "Parco in Fiore", tenutasi presso l'Auditorium "Santo Nicolicchio", ed è stata accolta con sbigottimento dal numeroso pubblico presente. Anche perché il "Lapis Pollae", comunemente detto "Elogium", è un'epigrafe del II secolo a.C. e costituisce una testimonianza fondamentale della dominazione romana nel luogo. Essa è incastonata in un cippo collocato oltre il Tanagro, dove oggi si trova il borgo S. Pietro. L'iscrizione ha preso il nome di Elogium in riferimento al suo contenuto, nel quale l'autore, il console Tito Annio Lusco, si vanta di aver introdotto l'agricoltura in luogo della pastorizia e soprattutto di aver voluto la costruzione della strada e del Forum Anni. Quest'ultimo era un agglomerato di case edificato intorno al 153 a.C. lungo l'omonima strada al fine di offrire la possibilità ai viaggiatori di una sosta e di un ristoro. Il foro costituirà il nucleo originario del paese, che prenderà il nome di Polla. Insomma un reperto di straordinaria valenza storica ed archeologica, e la notizia della sua possibile rimozione ha immediatamente innestato stupore ed incredulità, tanto da spingere il consigliere comunale della lista Polla Possibile Raffaele Cammardella a inoltrare sul tema una interrogazione urgente con richiesta di risposta scritta al Sindaco Rocco Giuliano. Cammardella innanzi tutto chiede di sapere se e quando Gennaro Gonnelli, che non era stato ricandidato nella lista capeggiata da Giuliano, sia stato nominato assessore e con quali deleghe. "Nel caso Gonnelli non sia stato nominato assessore –scrive Cammardella- vorremmo sapere a che titolo sia intervenuto per parlare di iniziative dell'attuale amministrazione di cui non fa parte". Cammardella chiede a chi sia stata conferita la delega dei Beni Culturali, e se risponde al vero che l'amministrazione guidata da Giuliano intende trasferire altrove l'Elogium. "In questo caso -continua Cammardella- si chiede di sapere se sia stata già richiesta la necessaria autorizzazione alla Soprintendenza competente, e se il sindaco non ritenga opportuno –qualora la notizia dovesse trovare conferma- portare la vicenda all'attenzione del Consiglio Comunale, trattandosi di un argomento che riguarda la millenaria storia di Polla". In attesa della risposta del sindaco Giuliano, la vicenda sta già scatenando polemiche e discussioni, anche perché (da voci non confermate ufficialmente) sembrerebbe che la destinazione scelta per l'Elogium sarebbe il Museo Archeologico Nazionale Volcei di Buccino.

Antonio Sica

Attualità


Intervista esclusiva al Capitano della Compagnia Carabinieri di Sala Consilina Domenico Mastrogiacomo, che per la prima volta conferma che a Settembre lascerà il Vallo di Diano per trasferirsi a Perugia, al comando della locale compagnia. Ieri a Teggiano, nel corso dell'inaugurazione della nuova struttura polisportiva Dianolandia, l'annuncio ufficiale del Capitano Mastrogiacomo, che ha rivelato non senza commozione di aver appena ricevuto la conferma ufficiale del trasferimento. "Una scelta difficile –dice tra l'altro il capitano ai nostri microfoni- perché il Vallo di Diano e la sua popolazione mi sono entrati nel cuore".

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.