Attualità

Attualità

Con la Campania che resta in zona gialla, tornano a rivivere l’arte e la cultura. Riaprono infatti oggi musei e siti archeologici che per lungo tempo sono rimasti chiusi con lo scopo di evitare assembramenti e dunque limitare i contagi da Covid-19.

Nel Vallo di Diano domani riapre il Museo Diocesano di Teggiano, in massima sicurezza, con importanti novità nelle collezioni d'arte. Lo ha annunciato il direttore del Museo Marco Ambrogi affermando che si tratta di un segnale di ripresa per la cultura nel nostro territorio e nella nostra regione. Il Museo sarà aperto dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19, dal martedì al venerdì, rispettando il lunedì come giorno di chiusura prestabilito.

“Chi visiterà il museo – ha spiegato il direttore - avrà la possibilità di vedere i nuovi restauri operati in questi mesi di chiusura. Il museo infatti, nonostante la chiusura, è rimasto attivo per il lavoro svolto dietro le quinte, con il restauro e la realizzazione del nuovo materiale promozionale resa possibile con un bando della Regione Campania”. Sono stati pubblicati nuovi depliants e guide turistiche, sono stati realizzati il sito web e il nuovo catalogo scientifico del Museo San Pietro.

“La grande novità della riapertura – ha spiegato il direttore Ambrogi – è rappresentata dagli affreschi restaurati della metà del ‘300, una crocifissione e un tabellone votivo con le storie di San Tommaso Apostolo e soprattutto la cornice di inizio ‘700 che fa pendant alla tela di Anselmo Palmieri del 1708. Novità che finora non erano state rese visibili se non attraverso i social”.

Antonella D'ALTO

Attualità

L’istituzione di un piccolo museo delle attrezzature informatiche storiche comunali. È quanto ha deliberato la Giunta comunale di Polla, partendo dalla considerazione che l'utilizzo di attrezzature informatiche è sempre più in continua evoluzione e che la velocità con cui le nuove attrezzature, più performanti, sostituiscono le precedenti, crea un aumento delle macchine obsolete di cui disfarsi. L’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Massimo Loviso ha quindi ritenuto opportuno poter tramandare alle nuove generazioni la memoria storica di quello che è stato il percorso evolutivo dell’informatizzazione degli uffici comunali.

In pochi anni si è infatti passati  dalle prime macchine da scrivere meccaniche con carrellini a leva manuale, a quelle elettriche che rappresentavano una grande innovazione per l'epoca, sostituite poi dai primi computer che lavoravano in ambiente DOS, fino all'utilizzo del primo sistema operativo windows che ha rappresentato un balzo in avanti straordinario per il lavoro degli uffici.

L’Amministrazione comunale di Polla ha quindi intenzione di istituire un piccolo museo all'interno della Casa Comunale dove poter esporre, in una mostra permanente aperta a tutti, tutti gli oggetti del passato, per custodire e valorizzare le attrezzature informatiche e storiche comunali e per dare risalto all'evoluzione delle stesse attrezzature utilizzate nel corso del tempo e delle metodologie informatiche. Lo scopo è quello di sviluppare un legame con il territorio e la comunità locale. La mostra, che vedrà anche la collaborazione degli  istituti scolastici, sarà allestita nel locale posto tra la Sala Consiliare “Santa Chiara” e l'atrio interno del Comune.

Antonella D'ALTO

Attualità

Procida candidata a Capitale Italiana della Cultura 2022, domani la  decisione del Mibact

É ufficiale: Procida è la Capitale Italiana della Cultura 2022. É stata proclamata da una giuria dopo l'esame dei 10 progetti presentati dalle città che si sono candidate: Ancona, Bari, Cerveteri, L'Aquila, Pieve di Soligo (Treviso), Taranto, Trapani, Verbania Lago Maggiore e Volterra.

"L'isola di Procida - dichiara il presidente della Regione De Luca - è uno dei luoghi più suggestivi e caratteristici della Campania per le bellezze ambientali, per la sua storia e le sue storie, per i suoi borghi e le sue spiagge. É un luogo assolutamente affascinante che sottolinea le molte bellezze della nostra terra. Ha vinto un progetto bellissimo, di valorizzazione dell'isola e della Campania, a cui Regione e Comune hanno creduto. E' un'occasione straordinaria di proiezione della nostra Regione sul piano internazionale".

Nei prossimi giorni i saranno resi noti i contenuti del progetto.

Attualità

terremotosalvitelle

Un terremoto di magnitudo 3.2 è avvenuto questa mattina in provincia di Salerno con epicentro a Salvitelle, ad una profondità di 16 km. E' stato avvertito alle ore 8:31, localizzato dalla Sala Sismica INGV di Roma. Che questa notte alle ore 00:13 ha segnalato, ad una distanza di circa 70km, un altro terremoto: di magnitudo 3.5 avvenuto ad Anzi in provincia di Potenza ad una profondità di 42 km.

La scossa a Salvitelle, ma anche da Auletta come negli altri paesi  Tanagro e del Vallo di Diano, si è sentita forte dicono i residenti. Fortunatamente solo tanta paura.

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.