Attualità

Attualità

Sabato ad Auletta, presso la Casa delle Parole, è tornata sotto i riflettori la proposta di legge per l’Istituzione del Comune Città Vallo di Diano. Presenti all’incontro, moderato dal giornalista Pietro Cusati, i tre consiglieri regionali Donato Pica, Dario Barbirotti e Gennaro Mucciolo, il vice-sindaco di Auletta Luigi Gagliardi e il primo firmatario della proposta di legge Carmelo Bufano. 

Attualità

Può tirare finalmente un comprensibile sospiro di sollievo un cittadino di Sassano a cui era stata notificata da Consac SPA una bolletta per consumo di acqua da 4mila e 30 euro. Il giudice di pace alla fine gli ha dato ragione, ma non è stata una certo una passeggiata, e lo sventurato cittadino vittima del non raro fenomeno delle “bollette pazze”, nonostante avesse contestato la bolletta, in assenza di una possibilità di composizione della controversia con l’azienda di Vallo della Lucania, si è trovato costretto a far ricorso all’Autorità Giudiziaria. La vicenda è stata seguita passo per passo dalla Sede Codacons del Vallo di Diano e dal responsabile Roberto De Luca, ed in particolare ad affiancare lo sventurato utente di Consac SPA nella battaglia per far valere i propri diritti e vedere riconosciute le proprie ragioni è stato l’avvocato Vincenza de Maio, che ha prestato a lungo e costantemente la sua opera nel seguire questa particolare questione. Alla fine la  sentenza n. 93 del 2013 del Giudice di Pace di Sala Consilina è stata chiara e non ammette dubbi: nulla è dovuto dal cittadino di Sassano a Consac SPA, e dunque la bolletta da 4mila e 30 euro era stata un errore. L’importo si riferiva infatti ad un immobile sito in Via Vico del Papa di Sassano, solo occasionalmente abitato prima del 2006. La bolletta da 4mila 30 euro, notificata a novembre 2006 e prontamente contestata, riguardava il periodo compreso tra il 5 Settembre 2003 ed il 23 Giugno 2006. “Il cittadino –scrive il giudice di Pace nella sentenza- più volte, negli anni precedenti al 2006 aveva segnalato a Consac SPA anomalie nel calcolo del consumo idrico da parte del contatore. In più –sottolinea il giudice- Consac SPA non solo non ha dato prova, a seguito della contestazione, dei concumi idrici richiesti, ma si è avvalsa per provare il suo credito di un documento la cui sottoscrizione si è rilevata non appartenente all’attore”. Dunque per il Giudice di Pace il cittadino di Sassano nulla deve a Consac Spa. Tutto è bene quel che finisce bene, grazie al Codacons Vallo di Diano e all’avvocato De Maio, ma resta l’amarezza di aver dovuto attendere 7 anni per vedere riconosciute le proprie ragioni, e la sensazione che con un po’ di ragionevolezza da parte dell’Azienda di Vallo della Lucania la vicenda avrebbe potuto trovare una soluzione immediata senza dover ricorrere a vie giudiziarie.  

Attualità

 

Presso la Certosa di Padula ha avuto luogo la presentazione del libro “Il Cuore dei Giovani” scritto dal Prof. Francesco Fedele. L’evento, al quale oltre all’autore ha preso parte anche il giornalista di Rai Uno Attilio Romita, fa seguito agli screening elettrocardiografici effettuati nelle scorse settimane nelle scuole superiori del Vallo di Diano.

Attualità

 
L’assessore regionale Daniela Nugnes a San Pietro al Tanagro  ha annunciato che entro il prossimo mese di aprile ci sarà il saldo completo di tutte le attività Idraulico-forestali rimaste in sospeso per quanto riguarda l’anno 2012.  

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.