Attualità

Attualità

 

E’ in programma per martedì 13 Marzo un nuovo incontro tra gli arbitri iscritti alla sezione di Sala Consilina. All’incontro parteciperà anche l’arbitro di serie B Claudio Gavillucci

Attualità

 

“Emergono evidenti una serie di irregolarità e di illegittimità che necessitano dell’attento esame della Magistratura Ordinaria, relativamente all’’autorizzazione per la realizzazione  del parco eolico e della stazione elettrica di Terna nella Frazione di Montesano Scalo”. Lo afferma il presidente della Comunità Montana Vallo di Diano Raffaele Accetta alla luce di quanto emerso nella Conferenza dei Sindaci svoltasi a Padula l’1 Marzo scorso ed avente per oggetto proprio la costruenda stazione elettrica, in una nota inviata tra gli altri al Governatore Caldoro, all’assessore regionale all’Ambiente Romano e alle Procure della repubblica di Napoli e di Sala Consilina.  Il riferimento è in particolare al decreto dirigenziale 377 del 14 luglio 2010 emesso dall’Area Generale di Coordinamento e Sviluppo economico, Settore Regolazione dei Mercati, a seguito della Conferenza dei Servizi indetta nelle date dell’11 settembre 2008 e del 24 febbraio 2010. “Il fatto appare ancora più incredibile -sottolinea il presidente Accetta- in quanto l’opera oltre ad essere un danno incombente per la salute e la pubblica incolumità e del tutto priva della proceduta di valutazione dell’impatto ambientale (VIA), del parere della Soprintendenza dei beni architettonici e paesaggistici, nonché ubicata in area vincolata tra due fiumi a distanze non regolamentari”. Dall’ente montano valdianese si ribadisce la grande preoccupazione per il dissequestro dell’area da parte della Magistratura di Sala Consilina concesso  a seguito della sentenza del TAR del Lazio che ha annullato gli atti inibitori  del Comune di Montesano in quanto non sarebbe stata  impugnata nei termini l’autorizzazione regionale. “Il Comune di Montesano ha appellato la sentenza del TAR al Consiglio di Stato –continua Accetta- ma sussistono le preoccupazioni  che l’eventuale ripresa dei lavori, oltre a consentire il completamento dei lavori con tutti i problemi connessi , può innescare un grave problema di ordine pubblico in una popolazione che contesta fortemente l’opportunità e la legittimità dell’opera”. Non lascia adito a dubbi la posizione del presidente dell’Ente Montano Valdianese sulla Vicenda: “La Stazione Elettrica di Terna è stata autorizzata dalla Regione Campania –conferma Accetta- con un procedimento truffaldino operato in sede di conferenza dei servizi in cui i soggetti chiamati a decidere nella conferenza stessa non sono stati messi in condizione neanche di esaminare gli atti  in quanto mai  notificati”. Sempre secondo Accetta nel provvedimento unico regionale vengono concretizzati dei falsi evidenti per sviare l’attenzione dei partecipanti alla conferenza, in quanto vengono richiamati a supporto della citata autorizzazione unica pareri espressi sia dalla Commissione VIA che dalla Soprintendenza su altre aree e addirittura in altri Comuni. Di qui l’appello del presidente della Comunità Montana che chiede a tutti i destinatari della missiva, per quanto di propria competenza, di attivarsi  per la risoluzione del problema  principalmente e prioritariamente per la tutela del diritto costituzionale alla salute, ma anche “per ripristinare la legalità in una vicenda in cui il Giudice penale ha tanto da indagare”.

Attualità

 

A Salvitelle assemblea pubblica convocata dal gruppo consiliare di minoranza per discutere dei problemi relativi alla realizzazione dell’Area PIP, che dovrebbe sorgere in località Ponte e servire anche i comuni di Auletta, Romagnano al Monte e Ricigliano, e per la quale sono a rischio i finanziamenti concessi dalla Regione Campania. All’Ordine del giorno anche la controversa vicenda dell’Impianto di Compostaggio. Ma ascoltiamo il capogruppo di minoranza di Salvitelle Pompeo Mario Perretta

Attualità

 

Una nuova importante iniziativa è stata avviata dalla direzione della Casa Circondariale di Sala Consilina e da Confartigianato Salerno a favore di una più rapida inclusione sociale dei detenuti. Sul protocollo d’intesa sottoscritto tra la direzione dell’istituto penitenziario e Confartigianato per offrire assistenza gratuita e consulenza ai detenuti ascoltiamo la delegata di Confartigianato Salerno nel Vallo di Diano Maria Antonietta Aquino al microfono del collega Pietro Cusati.

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.