Teggiano, Giuseppe Forlano:” Stiamo lavorando a tutela dell’ambiente. Le dimissioni si chiedono a chi resta inoperoso”

0
17

{vimeo}253237887{/vimeo}

Giuseppe Forlano, delegato all’ambiente risponde alle accuse e a chi chiede le sue dimissioni in una lunga nota. Il consigliere teggianese spiega di aver visto i post dei social network considerandoli commenti di colore e sottolineando, nel contempo, di provare disprezzo verso coloro che diffondono immagini che raccontano il paese che ama come un cumulo di immondizia stagnante senza far nulla, oltre la chiacchiera da esposizione sui social, per risolvere il problema, attaccando il cittadino che aveva postato le immagini su facebook. Nel contempo elogia l’operato del gruppo Noi con Salvini che, – scrive – pur non essendo di Teggiano, hanno dato il buon esempio” ricordando anche che la normativa impedisce al comune di procedere alla raccolta di rifiuti in aree private come i terreni di Via Vione dove sono intervenuti i rappresentanti della Lega. “Spero – continua Giuseppe Forlano – che l’azione dei militanti del gruppo Noi con Slavini sia da esempio per far prevalere il maggiore senso civico sulla mentalità di quei pochi che pensano di potersene fregare di leggi e diritti altrui a vivere in zone salubri e pulite”.

Il consigliere di Teggiano risponde poi ai giovani della Lega spiegando che le sue parole non erano rivolte agli attivisti il cui operato era invece elogiato.  “Il pericolo, – spiega Giuseppe Forlano – è che la presenza “riparatrice” di associazioni e istituzioni porti alla nascita di un sentimento diffuso di impunità verso chi abbandono i rifiuti”. Forlano riferisce anche di aver ricevuto segnalazione, peraltro pare dallo stesso cittadino che aveva già denunciato l’abbandono dei rifiuti di accensione dolosa di plastiche, sottolineando come, tali comportamenti delittuosi verso l’ambiente non sono ritenuti dall’amministrazione comunale tollerabili e, pertanto, si attiveranno affinché i trasgressori vengano puniti. Pare infatti siano diverse le iniziative avviate dall’amministrazione Di Candia per sensibilizzare ed educare al rispetto dell’ambiente come ad esempio: assegnare ai giovani compiti di individuare siti interessati dall’abbandono di rifiuti per procedere alla loro rimozione; l’installazione di dispenser di sacchetti per le deiezioni canine e raccoglitori di mozziconi di sigarette; istallazione di fototrappole, inasprimento dei controlli con aumento delle contravvenzioni in materia ambientale ed altro.

“Mi pare – dichiara Forlano – che non sussistano i presupposti per le mie dimissioni che, invece, vanno chieste a chi resta inerte. Noi – riferisce in conclusione il consigliere Forlano – dimostriamo sul campo di procedere alla soluzione della problematica nel rispetto delle leggi. Rimetto, pertanto, al mittente la richiesta di dimissioni e invito gli esponenti della Lega ad arricchire questa Amministrazione dei loro intendimenti utili per la soluzione della problematica evidenziata, evitando facili teatri di ancor più facili strumentalizzazioni”.

Anna Maria Cava

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here