Targa prova solo su veicoli non immatricolati: arriva la sospensiva

0
9

{vimeo}272728749{/vimeo}

Il 30 marzo scorso un parere del Ministero dell’Interno manda nel caos titolari di carrozzerie, rivendite autoveicoli, autofficine ecc.. Una confusione a cui il Consiglio di Stato è ora chiamato a porre rimedio, bloccando il ricorso ad eventuali sanzioni. Il Ministero dell’Interno in una circolare del 30 marzo in risposta alla prefettura di Arezzo chiarisce il contenuto dell’articolo 98 del codice della strada per l’uso consentito della Targa Prova. Secondo la circolare del Ministero il suo utilizzo è consentito solo a veicoli non ancora immatricolati e senza carta di circolazione. Per tutte le altre tipologie, è necessario che il veicolo sia coperto da polizza assicurativa e regolare revisione.

Una circolare che è stata poi trasferita a tutti i comandi della Polizia stradale e forze dell’ordine che si erano adeguati alle nuove disposizioni provocando caos e allarmismo tra i gestori di rivendita auto usate, di autocarrozzerie, officine e quanti sono autorizzati alla richiesta e all’uso della targa prova, tra i quali anche enti di ricerca. In effetti la situazione risultava alquanto confusionaria dato che in numerosi casi come ad esempio il trasferimento di veicoli da una rivendita ad un’autofficina per prove o test, o la verifica della funzionalità del veicolo usato prima di essere venduto, se confermata la circolare del Ministero, diventava impossibile dato che la targa prova sarebbe risultata insufficiente e inutile con il facile rischio di incorrere in sanzioni.

Recenti disposizione del Giudice di pace di Arezzo hanno riaperto la questione spiegando che la norma non stabilisce espressamente una così forte restrizione sull’uso della targa prova. Pertanto tutto viene sospeso in attesa della pronuncia in merito del Consiglio di Stato mentre il ministero dell’Interno di concerto con il Ministero dei Trasporti stanno scrivendo una nota di chiarimento, che dovrebbe confermare la prassi sempre seguita sinora, secondo cui invece possono circolare con targa prova anche i mezzi che hanno già una propria immatricolazione

Anna Maria Cava

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here