Sanza, il comune aderisce al progetto “Piccola Grande Italia” di Legambiente

0
9

{vimeo}272726183{/vimeo}

Altra iniziativa promossa in collaborazione con Legambiente del Comune di Sanza. Ieri l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Vittorio Esposito ha incontrato Michele Buonomo peril progetto “Piccola Grande Italia”che prevede una ricca programmazione di iniziative di educazione ambientale in programma nei prossimi mesi. I dati raccontano della presenza di 8.000 comuni con meno di 5.000 abitanti  e di oltre il 55% del territorio nazionale, fatto di zone di pregio naturalistico, parchi e aree protette dove i piccoli centri oltre a svolgere opera di cura del territorio sono portatori di cultura, saperi e tradizioni. Una costellazione solo apparentemente minore, che brilla per la straordinaria varietà ambientale e per l’inestimabile patrimonio artistico custodito. Ricchezze ad oggi poco note e perciò da valorizzare.

“Il Monte Cervati, il sistema carsico del Fiume Bussento, patrimonio straordinario, la riserva di biosfera del Monte Centaurino, l’emerganza carsica dell’Affunnaturo di Vallevona, – spiega il sindaco Vittorio Esposito – sono solo alcuni dei luoghi straordinari che la nostra comunità possiede e che devono essere tutelati e fatti conoscere. Piccola Grande Italia è una opportunità per mostrare al mondo le nostre peculiarità, ma anche il nostro virtuosismo in tema di rispetto dell’ambiente. Un percorso virtuoso – ha concluso Esposito – che abbiamo intrapreso con legambiente e che proseguiremo con eventi ed iniziative”.

L’iniziativa Piccola Grande Italia ha come obiettivo tutelare l’ambiente e la qualità della vita dei cittadini che vivono nei piccoli centri, valorizzando risorse, patrimonio d’arte e tradizioni che essi custodiscono e combattendo la rarefazione dei servizi e lo spopolamento mettendo tali comunità in condizione di competere. Un percorso impegnativo incoraggiato da personaggi illustri come l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, che ha spesso sottolineato come la valorizzazione dei piccoli comuni sia per il nostro Paese “una straordinaria opportunità da cogliere”. La mobilitazione di Legambiente afferma il valore di questa PiccolaGrandeItalia come custode dell’identità e della memoria storica del Belpaese. Diffusi in tutto lo Stivale, i piccoli comuni sono una rete che eccelle nella tutela dell’ambiente e nell’artigianato artistico, e brilla per la qualità culturale del territorio.

Anna Maria Cava

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here