Sanza. Parte il corso professionale e gratuito per caseificatori

0
12

{vimeo}257880798{/vimeo}

Nuova iniziativa per l’amministrazione comunale di Sanza con il sindaco Vittorio Esposito e i suoi consiglieri, che nel puntare a creare nuovi stimoli e nuove opportunità di lavoro, hanno deciso di investire su uno dei settori trainanti del territorio e che nel tempo si sta anche rivelando sempre più un’eccellenza.

Il settore caseario, con i risultati e i riconoscimenti ottenuti nel corso degli anni per le sue produzioni, secondo l’amministrazione comunale sanzese insieme alla Pro Loco di Sanza potrebbe ad oggi rappresentare il futuro ed essere quindi da grande traino per il rilancio economico anche del piccolo comune ai piedi del Monte Cervati.

Da questa idea parte il nuovo progetto che si apre con l’organizzazione di un corso di formazione professionale e gratuito per caseificatori. Il corso, che si avvale della collaborazione di AgenForm, è tenuto dall’esperto nel campo della produzione, sicurezza e qualità alimentare, docente tecnico AgenForm Domenico Barberio. Il tema di approfondimento sono i “formaggi molli e freschi”.Si tratta di una 2 giorni in programma il 17 e 18 maggio presso la sala conferenze del Centro di Educazione Ambientale nel monastero di Salemme.

Il programma prevede un primo giorno di teoria con lo studio della tecnologia casearia dei formaggi freschi e molli italiani come primosale e tomino tra i freschi e la crescenza e lo stracchino esempi per i molli.Altri argomenti teorici che saranno affrontati nella mattinata del 17 maggio riguardano: Il latte, la sua composizione ed indicazioni per l’utilizzo nella produzione di formaggi; Le fasi della caseificazione fino all’estrazione della cagliata. Nel pomeriggio parte Pratica con la preparazione del Formaggio fresco presamico.

Venerdì 18 Maggio, si parte con al preparazione pratica del Formaggio molle da tavola e del Formaggio a pasta molle di breve stagionatura.Nel pomeriggio si torna alla Teoria con lo studio delle fasi della caseificazione dall’estrazione della cagliata fino al termine della stagionatura. Il corso è rivolto a tutti coloro che vogliano approfondire la conoscenza di un mestiere molto ricercato.

“Riteniamo fondamentale la formazione e la conoscenza di tecniche e di normative che migliorino la qualità dei nostri prodotti, punto di partenza del rilancio del sistema economico locale – ha commentato il Consigliere comunale Antonella Confuorto, promotrice dell’iniziativa – Di agricoltura si può vivere, il nostro territorio può trovare nella lavorazione delle tipicità locali una risposta occupazionale. La qualità dei nostri prodotti può contribuire anche al rilancio del sistema turistico, dunque è in questa direzione che lavoriamo e lavoreremo per migliorare la nostra comunità” ha concluso il Consigliere Confuorto.

 

Anna Maria Cava 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here