Maratea, fino a domenica le celebrazione e i riti in onore del santo patrono San Biagio

0
172

Nella mattinata di ieri a Maratea si è ripetuta la tradizionale processione di San Biagio Vescovo che viene celebrata nella suggestiva località lucana, nelle prime settimane di maggio. I rituali si ripetono ogni anno da secoli a Maratea luogo che custodisce la reliquia di San Biagio Martire dove, si racconta, giunsero a seguito di un nubifragio mentre erano dirette a Roma per scampare alle persecuzioni iconoclaste. Da allora la comunità di Maratea e non solo venera fortemente il Santo Martire.

Fedeli provenienti da ogni parte giungono a Maratea in questi giorni di maggio per i riti religiosi legati alla devozione del Santo Patrono  San Biagio. Invocato nelle malattie della gola per la guarigione miracoloso di un bimbo a cui si era conficcata una lisca nella gola, martirizzato per non aver voluto abiurare la propria fede, San  Biagio Vescovo di Sebaste in Armenia, il suo culto si celebra il 3 febbraio, giorno del suo martirio e il primo sabato di maggio quando si celebra la traslazione della reliquia partita dall’Armenia per giungere sull’isolotto di Santo Janni a Maratea dove, si racconta, l’urna contenete il torace di San Biagio si illuminò di una luce così intensa da renderla visibile agli abitanti di Maratea che presero l’urna e la custodirno sulla sommità del Monte denominato oggi Monte di San Biagio dove è stata eretta una Basilica.

Per celebrare dunque l’arrivo delle reliquie di San Biagio a Maratea, nella piccola cittadina lucana le celebrazioni durano 8 giorni ossia dal primo sabato di maggio alla seconda domenica di maggio quando la sacra effige viene riportata nella Basilica sul Monte San Biagio. Particolarmente suggestive le funzioni che si svolgono il giovedì della settimana quando il simulacro di San Biagio viene condotto, coperto da un panno rosso a simboleggiare il martirio delm Santo e la dignità vescovile, in località Capocasale una volta definita Maratea inferiore, qui viene spogliato del panno e viene rivestito delle insegne episcopali per poi essere affidato al Sindaco di Maratea che consegna al Santo, in forma simbolica, le chiavi della città Un rito che si ripete nei secoli e che rende le celebrazioni di San Biagio a Maratea un momento di grande fede e devozione che, ogni anno, attirano migliaia di fedeli da ogni parte d’Italia nella piccola cittadina lucana.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here