Sala Consilina, dibattito sulla gestione associata dei rifiuti: sindaci preoccupati per l’ATO

0
28

alt

Interessante dibattito ieri sera presso l’aula consiliare del comune di Sala Consilina sul tema dell’Approvazione della convenzione tra i Comuni degli ATO per l’esercizio in forma associata delle funzioni di organizzazione del servizio gestione rifiuti. L’incontro, promosso dal “Gruppo Positivo” insieme ai Consiglieri di minoranza del comune di Sala Consilina, ha visto la partecipazione di alcuni dei sindaci valdianesi, con in prima fila il sindaco di Sala Consilina Francesco Cavallone e l’assessore all’ambiente Vincenzo Garofalo, mentre altri primi cittadini hanno preferito non aderire all’iniziativa. Ma in ogni caso l’incontro ha fornito utili spunti di riflessione e di approfondimento sul tema. Di certo, da quanto è emerso, la legge regionale che disciplina la materia è fonte di dubbi, incertezze e preoccupazioni in tutti gli amministratori valdianesi. La costituzione e l’adesione obbligatoria dei comuni agli ATO, dei quali tra l’altro la stessa Regione Campania non ha fornito ancora regolamenti e disciplina, rappresenta una forte incognita per un territorio come quello valdianese per il futuro dei servizi di gestione dei rifiuti, sia in termini di qualità che di spesa. Una consapevolezza questa condivisa da tutti i presenti, anche se le modalità per affrontare la questione sono differenti. Ci sono infatti comuni –in particolare quelli assenti ieri- che hanno già pensato di organizzarsi per conto loro e che non ritengono utile un ragionamento comprensoriale. Altri invece, come Padula, come confermato dallo stesso sindaco Paolo Imparato, non hanno alcuna intenzione di deliberare la convenzione richiesta. “So che in questo modo rischiamo il commissariamento –ha detto ieri Imparato- ma io devo rendere conto ai miei cittadini e non posso accettare l’ennesima imposizione dall’alto di un nuovo carrozzone che rischia di aumentare le spese del servizio e di diminuirne la qualità”. Posizione più moderata quella di altri comuni, ben rappresentata dal presidente della Comunità Montana Vallo di Diano e sindaco di Monte San Giacomo Raffaele Accetta. “La convenzione tra i comuni e l’ATO va ratificata –ha detto Accetta- perché noi sindaci rappresentiamo le istituzioni e dobbiamo rispettare la legge. Ma questo non toglie la necessità di organizzarci in termini comprensoriali e di presentare poi la nostra proposta all’ATO, visto che il nostro territorio si distingue da altri salernitani per la qualità del servizio raccolta rifiuti e per i risultati conseguiti nella raccolta differenziata”. Di questo spinoso argomento si occuperà la conferenza dei sindaci della Comunità Montana Vallo di Diano martedì o mercoledì prossimo, cercando di arrivare a un documento condiviso da tutti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here