Sala Consilina, cani avvelenati a Trinità

0
18

{vimeo}488068106{/vimeo}

Cani avvelenati a Sala Consilina. La denuncia arriva dai social dove si parla di casi di randagi che, solo grazie all’umanità di alcune persone, sono riusciti a salvarsi dalla presenza di polpette avvelenate. Dopo un primo casi di alcuni giorni fa, pare che, successivamente, ancora una volta un cane randagio è stato trovato in fin di vita dopo aver ingerito del veleno, probabilmente somministrato attraverso un finto pasto.

Pare che la zona contaminata da qualche ignobile persona sia la zona di Trinità di Sala Consilina e precisamente nell’area limitrofa al Lidl dove già diversi giorni fa una persona di buon cuore, accorgendosi della presenza di un cane che era stato avvelenato, lo ha immediatamente soccorso salvandogli la vita. A distanza di pochi giorni un nuovo caso si è verificato sempre nella stessa zona con l’intervento immediato della dott.ssa Veterinaria che è riuscita a salvare la vita al povero cane, incolpevole e vittima della malvagità umana. Mentre nel primo caso il cane, fortunatamente sta già meglio, si resta in attesa per il secondo randagio che ha ingerito il veleno.

Quanto sta accadendo a Trinità di Sala Consilina pone in allarme le diverse associazioni locali che si occupano di aiutare cani vittime di abbandoni e della cattiveria umana a cui si aggiunge anche la preoccupazione per la sorte dei cani padronali, vista la presenza nell’area dei bocconi avvelenati.

A tal proposito arriva quindi la raccomandazione a quanti vivono nella zona, peraltro ad alta densità abitativa, a tenere chiusi in casa i propri cani al fine di evitare che gli stessi possano ingerire cibo avvelenato. Inoltre è stata già presentata denuncia contro ignoti dopo che, la persona che ha soccorso i cani, ha prelevato un reperto del cibo ingerito dalle vittime per le analisi da fornire in aiuto alle indagini finalizzate a risalire all’autore.

Anna Maria CAVA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here