Sala C., un documentario dedicato al culto di San Michele a Sala. Ieri la presentazione sul Monte Balzata

0
585

Il culto e la devozione a San Michele Arcangelo a Sala Consilina, raccolti in un volumetto che è stato presentato nella serata di ieri presso il Santuario di San Michele, nella sala delle Conviviali. Una sala gremita per l’evento di celebrazione dell’anniversario dell’apparizione dell’Arcangelo Michele al pastorello da cui si è anche partiti nel video allegato al volumetto realizzato da Antonio Tortorella con la collaborazione di Michele Esposito e Domenico Di Benedetto.

In un incontro, organizzato dalla Parrocchia della SS Annunziata, dalla Diocesi di Teggiano-Policastro, dal Comitato Feste San Michele e dal Comune di Sala Consilina, moderato da Don Gabriele Petroccelli, parroco della Chiesa della SS Trinità, alla presenza oltre che dell’autore dell’opera Antonio Tortorella, anche di Don Paolo Longo, parroco della Chiesa della SS Annunziata, del presidente del Comitato feste San Michele Michele Cardinale, del Sindaco di Sala Consilina Francesco Cavallone e del consigliere delegato alla Cultura Vincenzo Garofalo, si è ampiamente parlato della forte devozione e della venerazione del popolo salese verso San Michele Arcangelo.

Attraverso il documentario, mostrato ai tanti presenti, è stato possibile ripercorrere i riti, gli usi, la tradizione legati al culto collegati alla celebrazione delle feste in onore del Santo Patrono, ma anche i sentimenti che legano San Michele ai cittadini salesi. Nel video e nel volume dal titolo “Traditio Micaelica – il Culto dell’Arcangelo a Sala”, curato dalla Biblioteca Comunale di Sala Consilina e realizzato dall’Amministrazione comunale salese con il cofinanziamento dei fondi poc 2014/2020, si racconta da dove nasce la devozione verso San Michele e quali sono i riti e le date delle diverse celebrazioni che non si limitano alla festività del 29 settembre della discesa dal Monte e i riti collegati alla processione che accompagna il Santo verso la Chiesa della SS Annunziata, ma anche le altre giornata di celebrazioni ossia: 3 maggio “La Croce (La Cruci)”; l’8 maggio San Michele di Maggio (salita della Statua al Santuario sul Monte Balzata); 17 maggio “Il Cinto (Lu Cintu)”; 4 luglio” L’Apparizione”; 28, 29 e 30 settembre la festa di San Michele (Sandu Michele ri sittiembri); 16 dicembre il ricordo della protezione di San Michele durante il terremoto del 1857 (Sandu Micheli ri lu Tirramotu); il 6 gennaio La Stella.

Un volume ricco di storia con cui si è cercato di imprimere su carta la devozione e la tradizione legata al culto di San Michele da trasferire alle future generazioni e per rendere tale culto immortale. Il valore e l’importanza del culto micaelico a Sala Consilina è stata ben illustrata dal Prof. Vincenzo Esposito, antropologo dell’Università degli studi di Salerno a cui sono state affidate le conclusioni e che è stato omaggiato, dal presidente del Comitato Festa Michele Cardinale di una statuetta raffigurante San Michele Arcangelo di Sala Consilina

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here