Sala C., 8 suini non controllati: il comune ordina l’abbattimento

0
8

{vimeo}346107719{/vimeo}

8 suini da abbattere perché non sicura e di provenienza incerta. Arriva l’ordinanza del sindaco Francesco Cavallone. Il comune di Sala Consilina attiva verifiche sugli allevamenti locali per accertare la salubrità delle carni e la salute degli animali destinati poi all’alimentazione. Nei giorni scorsi il servizio Veterinario dell’ASL di Salerno ed, in particolare il dipartimento di prevenzione dell’Unità Operativa Veterinaria, aveva presentato documento all’amministrazione comunale per richiedere di emettere ordinanza sindacale per l’abbattimento di 8 suini che, a seguito dei controlli effettuati presso un allevatore locale, erano risultati non sicuri.

I sanitari, infatti, a seguito dei controlli effettuati martedì scorso, coadiuvati dai carabinieri forestali del comando stazione di Padula, avevano constatato che i suini erano privi di certificazioni sanitaria da cui poteva anche essere accertata la provenienza degli stessi animali. Ciò quindi ha portato i sanitari e i militari a disporre un provvedimento cautelativo di sequestro degli 8 suini in attesa dell’emissione da parte del Comune di Sala Consilina dell’ordine di abbattimento dei capi. Ordine che è arrivato già nella giornata di ieri e immediatamente pubblicato sul sito del comune.

All’allevatore l’onere di provvedere alla esecuzione dell’ordinanza di abbattimento e distruzione dei capi che dovrà avvenire entro 72 ore dalla notifica del provvedimento stesso, con spese a carico dello stesso allevatori. Si intensificano quindi i controlli sugli allevamenti a Sala Consilina a garanzia e tutela della salute della comunità.

I controlli, infatti, sono necessari al fine di conoscere l’esatta provenienza delle carni ed anche per accertare che gli allevatori del posto siano ligi nei controlli degli animali per la garanzia della qualità e della salubrità degli alimenti. Peraltro, dopo i recenti casi di individuazione di un capo bovino risultante affetto da patologia tumorale, la garanzia e la verifica sulle carni diventa elemento indispensabile e in cui i consumatori riservano grande fiducia. 

Anna Maria CAVA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here